Qual è il concime perfetto per avere più Limoni

Avere una pianta o un alberello di limoni in giardino, a terra, o sul balcone, in vaso, è un lusso davvero impagabile!

Sporgersi e raccogliere un frutto, staccandolo direttamente dal ramo, è una possibilità per tutti coloro che hanno piante di limone ricche e piene di frutti.

Ma come fare per far sì che la pianta produca tantissimi limoni e si mantenga sana, rigogliosa e forte? Semplice: basta concimarla!

Vediamo insieme qual è il concime perfetto, distinguendo i limoni in vaso da quelli a pieno campo (o a terra).

Limoni in vaso

I limoni in vaso hanno, normalmente, una maggiore necessità di sostanze nutritive, utili per il mantenimento di un aspetto sano e rigoglioso e per la produzione di fiori e successivi frutti.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarci il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Il concime perfetto è dato dalla formulazione NPK 10:5:10 ossia con dieci parti di azoto, cinque di fosforo e dieci di potassio. Inoltre, importante è anche la presenza di altre componenti minerali tra cui ferro, zinco e boro.

Un’alternativa naturale è data dai lupini, le cui bucce possono essere sminuzzate e sparse sul terriccio alla base della pianta.

La presenza di un’alta componente di azoto supporta i limoni nella crescita delle radici, dei rami e, di conseguenza, nello sviluppo dei frutti.

Scoprite qui quale varietà di limone è più adatta alla coltivazione in vaso.

Limoni a terra

Rispetto alle piante di limone coltivate in vaso, quelle a terra, cioè piantate nel terreno, hanno generalmente bisogno di una minor quantità di sostanze nutritive a supporto della loro produzione di frutti.

In questi casi, il concime perfetto ha composizione pari a 4:24:24, ossia con quattro la parti di azoto e ventiquattro di fosforo e di potassio. Il fosforo e il potassio, quindi, devono essere presenti nella stessa quantità e ricca deve essere anche la presenza di ferro.

La concimazione con questo prodotto va fatta ogni anno a partire dal periodo di aprile e con la cadenza indicata sulla confezione del prodotto (di solito ogni 2 settimane).

Un’alternativa è data dal concime organico, dal compost o dal letame.

Il concime organico va somministrato ogni 2-3 anni, mescolandolo al terreno della pianta. Questa somministrazione va fatta nel periodo autunnale.

E per avere frutti succosi?

A prescindere dal fatto che la vostra pianta di limoni sia piantata a terra o in vaso, esiste un trucchetto per far sì che i limoni escano più succosi e meno secchi.

Quando fa molto caldo, quindi nel periodo estivo, dovete somministrare un concime specifico con una più alta concentrazione di fosforo.

Questa sostanza, infatti, riduce l’acidità dei frutti, aumentando la quantità di succo.

Il risultato? Limoni meno secchi, più pieni, succosi e dal sapore un po’ meno aspro.

Avete voglia di moltiplicare questa pianta? Seguite questi consigli.

Consigli di cura

Oltre alla concimazione, essenziale è prendersi cura della vostra pianta di limoni nel modo giusto.

Consigli più specifici potete trovarli qui, ma, in generale, ci sono alcune indicazioni che potete seguire.

Importante è innaffiarla correttamente, somministrando acqua ogni 2-3 giorni in primavera e in estate, ogni 2 settimane in inverno.

Fate attenzione, inoltre, a macchie su foglie o frutti, che possono essere simbolo di una malattia della pianta. Qui per avere qualche informazione più precisa sulle possibili malattie del limone.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".