Il metodo “BL” per prolungare la fioritura della Stella di Natale

Le bratte colorate che circondano il fiore della Stella di Natale portano non solo bellezza, ma anche un pizzico di magia delle festività in casa tua.

Eppure, non sempre le stupenda pianta che abbiamo acquistato al negozio si mantiene in salute e fiorita a lungo. Colpa di nostre disattenzioni? Non sempre! Più spesso, infatti, è colpa dell’habitat non molto adatto a questa pianta.

In realtà, però, esiste un modo per ricreare un po’ l’habitat originario della stella di Natale, il cui nome botanico è euphorbia pulcherrima. Si chiama metodo “BL” e ti spieghiamo subito di cosa si tratta, come funziona e come applicarlo alla perfezione.

Che cos’è

Rompiamo subito questo dubbio: la dicitura “BL” sta per Buio-Luce. Questo metodo, infatti, consiste in una alternanza ben studiata tra luce e buio così da ricreare l’habitat originario di questa pianta nel periodo della fioritura.

Lo scopo è quello di permettere alla pianta di restare fiorita, e quindi colorata, il più a lungo possibile. Oltre alla fioritura, però, questo metodo serve anche a mantenere la pianta in salute il più a lungo possibile dopo il periodo delle feste.

Si tratta di una tecnica consigliata da alcuni vivaisti anche per stimolare la fioritura se hai mantenuto una stella di Natale dello scorso anno.

Come funziona

Se ti stai chiedendo cosa devi fare nel concreto, eccoci arrivati al punto!

Dovresti fare in modo che la tua stella di Natale stia per circa 13 ore al giorno in un ambiente buio e le restanti, invece, alla luce, meglio se indiretta.

Quando parliamo di buio, però, ci riferiamo a un buio preferibilmente totale, quindi al riparo anche da eventuali lampadine. In questo modo, la pianta avvertisce che è in atto il periodo fine autunnale-inizio invernale con le classiche giornate più corte e si manterrà fiorita.

Durante le ore di luce, ricorda che la pianta deve comunque percepire la luminosità: dovresti, quindi, tenerla non lontana da una fonte di luce naturale (ad esempio una finestra).

Consigli per non sbagliare

Veniamo adesso ad alcuni consigli importanti per applicare il metodo “BL” in modo ottimale e senza sbagliare.

Innanzitutto, dovresti evitare, nelle ore di luce, di tenere la stella di Natale all’aperto. Questa pianta, infatti, contrariamente a quanto si possa pensare, non ama il freddo dei mesi autunnali o invernali preferendo comunque temperature superiori ai 13 °C per mantenersi fiorita. Tienila, quindi, sempre in casa, scegliendo i posti più adatti al suo stato di salute.

Di solito, poi, viene tenuta fuori la porta in pianerottolo. Come abbiamo appena detto, però, nelle ore di buio la pianta dovrebbe stare al riparo anche dalla luce artificiale: sul pianerottolo abbiamo spesso una luce al neon continua che potrebbe destabilizzare il ciclo della pianta.

Un modo per mantenere le bratte e foglie sane più a lungo è anche quello di tenerle pulire, provando a passarci sopra un po’ di sapone di Marsiglia sciolto in acqua (circa 30 grammi in 500ml) con un batuffolo di cotone imbevuto.

Puoi trovare altri consigli di pulizia delle foglie, che di altre piante, in questo video:


Photo Credits:

Le immagini presenti in questo articolo sono di proprietà di Meraki s.r.l.s.

Gianluca Grimaldi
Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".