Perché la tua Cycas ha le foglie gialle?

Se le foglie della tua Cycas (Cycas revoluta) stanno diventando gialle, non sei solo!

Queste piante resistenti e a crescita lenta hanno l’aspetto di piante tropicali ma possono sopravvivere a temperature addirittura sotto lo zero.

Per quanto siano piante resistenti, le piante di cycas possono avere una serie di problemi diversi e tutti questi possono manifestarsi sotto forma di foglie ingiallite.

Scopriamo allora insieme perché la tua cycas ha le foglie gialle!

Infestazione da parassiti

Le cocciniglie possono attaccare e ingiallire lentamente le foglie di cycas oltre ad essere uno dei parassiti più comuni che si trovano su questa pianta.

Di solito possiamo trovare anche altri tipi di parassiti sulla parte inferiore delle fronde di cycas dove si attaccano e succhiano la linfa.

Quando trovi parassiti come cocciniglie e afidi sulla tua cycas, rimuovi le foglie infestate e buttale via. Mi raccomando, non usare le foglie infestate per nutrire il tuo mucchio di compost.

Tratta la cycas con un olio spray per l’orticoltura (l’olio di neem va benissimo) per prevenire ulteriori infestazioni.

Come parte della cura delle Cycas, osserva qualsiasi pianta che porti a casa e metti vicino la tua pianta, perché i parassiti passano facilmente da una pianta all’altra.

Carenze nutritive

Le fronde di cycas possono ingiallire anche quando le piante sono carenti di sostanze nutritive importanti.

Nutri le tue cycas con un fertilizzante a lenta cessione ad alto contenuto di magnesio e potassio.

Se il cambiamento di colore delle foglie si manifesta con striature e macchie, si tratta di carenza di manganese.

Assicurati che qualsiasi fertilizzante applicato contenga minerali e ferro per le piante per aiutare a mantenere le foglie verdi.

Quando la tua pianta inizia a mostrare una nuova crescita verde, taglia le foglie gialle più vecchie.

Troppo fertilizzante

Una concimazione eccessiva può far ingiallire le fronde delle tue cycas.

Assicurati di leggere attentamente le istruzioni sull’etichetta del concime per capire quanto bisogna usarne.

Se concimi troppo, a lungo andare, si possono accumulare i sali minerali sulla superficie del terreno.

Quando la cycas assume troppi minerali, questi possono bruciare sia le foglie che i tessuti della pianta.

Quando ciò accade, i bordi della foglia si scoloriscono, diventano marroni e si arricciano, dopodiché il danno si sposta man mano verso la parte centrale della foglia.

Scottature

Troppo sole può bruciare o sbiadire le foglie. È possibile coltivare le cycas in pieno sole, ma devi dare alla tua pianta tutto il tempo per abituarsi alle ore di sole.

È meglio posizionare la tua cycas in un’area con luce intensa, ma anche un po’ d’ombra. In questo modo otterrai foglie più grandi con un colore più vivo.

Pianta esposta al freddo

Anche se le cycas possono sopravvivere al freddo estremo, possono comunque subire effetti negativi.

Il freddo, infatti, può far ingiallire le foglie di Cycas.

Questo accade perché le radici non sono in grado di assorbire i nutrienti dal terreno quando fa molto freddo.

Quando ciò accade, devi semplicemente aspettare un clima più mite. Le foglie possono anche congelarsi e ingiallire.

Se ciò accade, lascia sulla pianta le foglie ingiallite o marroni fino a quando il clima non diventa più caldo, solo quando il gelo è passato puoi tagliare tutte le foglie secche.

Annaffiatura sbagliata

Sia innaffiare poco che innaffiare troppo può far sì che le piante di Cycas sviluppino foglie gialle.

Quando si innaffia troppo, si corre il rischio di far marcire le radici della pianta. Anche avere un terreno poco drenante, ovvero che resta zuppo d’acqua troppo a lungo, può causare problemi alle radici che si traducono in foglie gialle.

Quando pianti la cycas in vaso, utilizza un terreno drenante. Tienilo umido, ma non permettere alla pianta di restare umida troppo a lungo.

Durante l’annaffiatura, innaffia in modo uniforme ma lascia che il terriccio si asciughi completamente prima di annaffiare di nuovo.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.