Come concimare la Pianta Ragno?

Le pianta ragno o falangio è una pianta d’appartamento popolare proprio perché facile da curare e senza alcuna pretesa particolare.

Tuttavia, ciò non significa che non abbiano bisogno di alcuna attenzione: infatti, devono essere concimate regolarmente per prosperare e far in modo di mantenere luminose le belle foglie variegate e ben nutriti i ragnetti che pendono dal lungo falangio.

Vediamo insieme nello specifico in che modo concimare la pianta ragno in base alle richieste ed ai tempi giusti.

Perché è importante concimare?

La concimazione aiuta a fornire alla pianta ragno i nutrienti di cui ha bisogno per produrre foglie sane e ragnetti pendenti.

Ha bisogno di un flusso costante di azoto, fosforo e potassio per crescere bene. Anche se questi nutrienti si trovano spesso già nel terriccio, tuttavia non sempre sono in equilibrio tra loro.

I fertilizzanti rendono facile dare alla tua pianta ragno i nutrienti di cui ha bisogno senza sovraccaricarla con uno in particolare, causando un dislivello proprio nei suoi nutrienti.

Quando concimare

Il momento migliore per concimare la tua pianta ragno è sicuramente durante i mesi caldi, quando la sua crescita è attiva. In questo modo la sua produzione di foglie sarà supportata proprio nel momento più opportuno, a partire dalla primavera e per tutta l’estate.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Durante le stagioni fredde dell’anno non ha senso, rischiando anche di appesantire il terriccio con una dose massiccia di Sali.

Dovresti concimare la tua pianta di ragno circa ogni due settimane, a terriccio già umido e tenendo la pianta in un luogo luminoso ma non al sole diretto.

Quali fertilizzanti usare?

Puoi anche usare un fertilizzante organico come il compost o un fertilizzante bilanciato che contiene azoto, fosforo e potassio, un fertilizzante bilanciato 20-20-20 o un 10-10-10.

Assicurati di seguire le istruzioni sulla confezione e non concimare eccessivamente la tua pianta ragno: troppo fertilizzante può effettivamente essere dannoso!

Quando si tratta di fertilizzanti, è sempre meglio iniziare con una soluzione più debole diluendo il concime in molta più acqua di quanto indicato per evitare ripercussioni sulle radici e sulle belle foglie variegate.

Puoi realizzare fertilizzanti liquidi fai da te a base di potassio in molti modi diversi, tra cui quello con bucce di banana che rende la pianta rigogliosa e resistente.

Quali fertilizzanti evitare?

I fertilizzanti che presentano solo una delle tre componenti essenziali, nello specifico l’azoto, possono essere dannosi se usati in una dose massiccia.

Questo perché l’azoto potrebbe comportare una grossa produzione di fogliame e questo non sempre è un bene per la pianta arrivando al punto anche di arrestare la sua crescita.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.