Piante per scaffali sul balcone: le più belle che tollerano anche l’inverno

Le strutture da balcone che possono fungere da veri e propri espositori di esemplari unici sono molto comuni ma spesso commettiamo errori nello scegliere quelle piante che, soprattutto in inverno, non ci stanno affatto bene lì.

Devi sempre tener presente che puoi spostare la struttura in base all’esposizione ed alla ventilazione, molte piante non tollerano le zone del balcone esposte a correnti.

Questo è un enorme vantaggio, che appartiene in generale alle piante che puoi tenere in vaso, da posizionare dove è meglio per loro.

Ti elenco quelle piante che fanno proprio al caso tuo, per una struttura da balcone come uno scaffale da riempire con piante che ci stanno bene anche in inverno.

Fagiolo molle

Il sedum pachyphyllum è una succulenta appartenente alla famiglia botanica delle Crassulaceae.

Le sue foglie, sia per la forma che per la consistenza le conferiscono il nome di fagiolo molle. È anche conosciuta con il nome di “dita di Dio” o “pianta delle dita”.

I suoi “fagiolini” dal colore verde pallido hanno la tendenza ad avere punte rosse in inverno se mantenute asciutte e al sole.

In quanto crassula è una pianta che richiede davvero pochissime attenzioni: anzi, si può dire che è del tutto autonoma e particolarmente adatta anche ai principianti.

Calicanto d’inverno

Questa pianta è una delle poche che in pieno inverno, anche sotto la neve, ha dei fiori sulle estremità dei rami ancor prima che spuntino le gemme delle foglie.

Non solo regala questo stupore nel vedere una fioritura abbondante in pieno inverno, ma ti accorgerai che nonostante il freddo pungente emana un profumo inebriante.

È una pianta che ben si adatta alla coltivazione in vaso e predilige i luoghi ben soleggiati. Assicurati che goda della luce piena per diverse ore del giorno: fa freddo e gode del tepore del sole.

Innaffialo regolarmente, soprattutto nel periodo primaverile. Durante il periodo invernale riducile, o addirittura sospendile durante le gelate.

Felce

La felce di Boston con le sue minuscole foglioline su lunghi steli è tra le piante che risultano particolarmente appariscenti se pende da una struttura del genere.

quanta-luce-felce

Non tutti sanno che la felce di boston non disdegna affatto i luoghi poco luminosi. Questo perché odia luce diretta del sole.

Puoi tenerla nella zon ameno luminosa del tuo balcone, associandola a tutte quelle piante che non hanno bisogno di una esposizione diretta.

Ceropegia woodii

I suoi steli sottilissimi e le foglioline a forma di cuore rendono questa pianta popolare e spettacolare.

ceropegia-woodii

Il suo filo di cuori che pende dallo scaffale non può di certo mancare, donando al balcone un tocco di eleganza per veri e propri collezionisti.

Barba di Giove

I suoi fiori e la sua crescita rigogliosa ed indisturbata fa sì che il  Drosanthemum hispidum, meglio conosciuto come barba di Giove, possa essere messo in bella mostra su uno scaffale in balcone.

Ha un aspetto cespuglioso e un portamento che a lungo andare diviene pendente, come una cascata che poi si riempie di fiori giganti simili a margherite.

Le foglie sono molto piccole ma fitte sui rami che nel tempo diventano legnosi.

Begonia Solenia ‘Dusty Rose’

Questo è un bellissimo ibrido di begonia con fiori di colore rosa che sbocciano alla fine di alti steli da metà primavera ad inverno inoltrato. Starà benissimo sulla parte bassa dello scaffale.

Le foglie sono succulente, a forma di cuore, rimanendo verdi tutto l’anno. Questa varietà richiede più sole rispetto ad altre varietà.

Rosa di Natale

L’Elleboro, chiamata anche rosa di natale, perché raggiunge il suo picco di fioritura proprio nel periodo Natalizio. I suoi fiori candidi resistono al gelo.

rosa-Natale-regalo

Posizionata su di uno scaffale da balcone starà benissimo, come se stesse a ridosso di una parete.

Si adatta bene anche nei luoghi più ombreggiati: d’altronde è una pianta invernale.

Abbi cura di innaffiarla con più frequenza solo nel periodo estivo. Riducile nei periodi più freddi, anche se è la stagione in cui è più rigogliosa.


Photo Credits:

Le immagini presenti in questo articolo sono di proprietà di Meraki s.r.l.s.

Giuseppe Iozzi
Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.