Come mai il mio Pothos Gold ha perso le tipiche Macchie dorate?

Il pothos gold è senz’altro il pothos per eccellenza, la varietà più comune nelle nostre case e anche tra le più resistenti e tenaci in termini di temperatura e luce.

Le sue macchie dorate che compongono la variegatura sulle foglie gli danno il nome di pothos gold, appunto “d’oro”.

Le foglie variegate sono quanto di più bello possa offrire una pianta dalla chioma fogliare abbondante come il pothos.

Se le foglie smettono di essere variegate e perdono le macchie diventando di un solo colore, il pothos perde la sua bellezza peculiare.

Ma questo è possibile? Se ti sei ritrovato con un pothos gold con foglie che man mano hanno perso le macchie, diventando completamente verdi, allora sì! È possibile.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Vediamo insieme quali possono essere le cause e come rimediare.

Perché le foglie sono variegate?

La variegatura delle foglie delle piante è data dalla presenza o meno di un particolare pigmento, la clorofilla. Questo pigmento verde è il principale responsabile delle foglie macchiate.

In base a quanta clorofilla è presente nella foglia si otterrà una variegatura più o meno abbondante.

La presenza di clorofilla comporta anche l’assorbimento da parte della pianta della luce, con la quale produrre energia per la crescita. È proprio tramite la parte verde della foglia che la pianta converte la luce in energia con il processo di fotosintesi.

Il segreto è nella luce

Poiché le piante, nello specifico il nostro pothos, convertono la luce tramite la parte verde della foglia, in un ambiente poco luminoso noteremo che la maggior parte delle foglie sarà completamente verde.

La pianta non ha fatto altro che adattarsi per sopravvivere e quindi espande la parte verde delle sue foglie per carpire il minimo spiraglio di luce.

Estendendo la superficie di esposizione alla luce sulla foglia, cioè la parte verde, fa in modo di assorbire più luce.

Maggiore è la luce che riceve, minore sarà la parte vedere della foglia necessaria per la fotosintesi e quindi la variegatura sarà ancora più estesa perché le macchie gialle potranno essere di più.

Cosa fare?

Un pothos variegato come il pothos gold ha grandi capacità di adattamento; quindi, sopravvive comunque con poca luce ma il prezzo da pagare riguarda proprio la variegatura. Dai al tuo pothos la giusta luce e vedrai ricomparire le macchie dorate.

Misura l’intensità della luce

Il modo più sicuro per misurare l’intensità della luce sarebbe quello di usare un esposimetro, uno strumento apposito. In realtà ci sono anche delle applicazioni sul cellulare che permettono di farlo in modo totalmente gratuito.

Un metodo casalingo e veloce è quello di utilizzare un foglio bianco e la tua mano. Tieni a circa 20 cm di distanza la tua mano dal foglio messo nella zona in cui desideri misurare l’intensità della luce.

Se la luce è intensa l’ombra della mano sul foglio avrà contorni ben definiti e riuscirai a percepire anche il calore del sole, essendo quasi sempre luce diretta in questo caso.

Se i bordi dell’ombra sono sfocati si tratta di luce brillante ma indiretta, che è la luce perfetta per il tuo pothos gold.

Non sarà un metodo preciso ma è un trucco molto utile per capire di che tipo di luce si tratta.

Sposta il tuo pothos

Se le foglie sono completamente verdi puoi provare a dare al tuo pothos un’esposizione diversa.

Potresti metterlo direttamente avanti ad una finestra, dalla quale possa percepire una luce brillante ma indiretta, misurandola come descritto prima.

Potresti scegliere una finestra esposta ad est, che possa dare al pothos una luce brillante anche se diretta per poche ore; si tratterebbe di ore in cui la luce è delicata e solo per poche ore al mattino.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.