Quali sono le varietà più belle di Pothos?

Le sue fronde si allungano, cadendo a cascata o arrampicandosi su ringhiere, pareti ed elementi d’arredo: è il pothos.

Questa pianta molto resistente è famosa per le sue fronde o liane che si sviluppano molto velocemente e per le sue foglie dalla curiosa forma a cuore.

Tipica pianta da interni, coltivare il pothos significa regalare alla propria casa un tocco di allegria, senza dover dedicare troppo tempo alla sua cura.

Ma quali sono le varietà più belle di pothos e quali sono le loro caratteristiche principali? Scopriamolo insieme.

Neon

Non ci crederete ma questa varietà ha foglie di un colore verde acceso, quasi… luminoso! Parliamo del pothos neon.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Questa varietà ha, infatti, la caratteristica di sviluppare foglie verde acido ed è una delle più amate e desiderate dai collezionisti di pothos.

Le foglie mature possono aumentare di dimensioni fino a diventare molto grandi.

Potete leggere qui altri consigli di coltivazione del pothos neon.

Vite d’Argento

Il pothos vite d’argento, il cui nome botanico è Scindapsus Pictus Argyraeus, ha foglie verdi con screziature o macchie color argento.

Questa caratteristica, insieme al fatto che questo pothos si sviluppa per lo più come rampicante, le hanno fatto attribuire il soprannome di “vite“, pur trattandosi si una pianta molto diversa.

Rispetto alle altre varietà, ha un ritmo di crescita un po’ più lento, ragion per cui occorrerà più tempo perché le fronde raggiungano una lunghezza considerevole.

Per scoprire altri segreti di questa bellissima varietà, leggete queste informazioni.

Marble Queen (Foglia di marmo)

Foglie che sembrano quasi… di marmo! Si tratta del pothos marble queen.

Questa varietà, che nelle caratteristiche si allontana poco dal pothos tradizionale, ha foglie con macchioline di un verde più chiaro o tendenti al bianco: queste creano un finto effetto rilievo che dà l’impressione che le foglie siano proprio di marmo.

Circa la forma, le foglie della marble queen si arricciano di meno e sono solitamente più “piatte”.

In natura, cresce spontaneamente in Polinesia francese ed è abituata, quindi, a un elevato tasso di umidità e a temperature alte.

Coltivatela in casa, non lontano da una finestra, e proteggetela dai raggi diretti del sole.

Ecco come offrire al pothos tutta l’umidità di cui ha bisogno!

Manjula

Una delle varietà più rare: si tratta del pothos Manjula.

Creata in laboratorio dai botanici dell’università della Florida, questa pianta è stata ben presto esportata in tutto il mondo.

Le sue foglie sono più piccole e un po’ ruvide, inoltre si arricciano con più frequenza.

Rispetto alle altre varietà ha una maggior quantità di verde: colore che, a partire dal centro della foglia, si trasforma in giallo chiaro e crema. L’effetto è quello di una foglia con un mix di colori che lascia meravigliato chi la osserva.

Pothos Cebu Blue

Il verde delle foglie è così intenso da sembrare quasi… blu! Si tratta del pothos cebu blue.

Il nome deriva dall’isola di Cebu, nelle Filippine, da cui ha avuto origine questa varietà molto rara.

Rispetto alle altre varietà, le sue foglie sono più sottili e dalla forma allungata. Inoltre, la cebu blue è più resistente all’ambiente esterno dove cresce con maggior rapidità.

Seguite i nostri consigli per scegliere il terriccio più adatto al vostro pothos.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".