Quand’è il momento giusto per rinvasare il Ciclamino? Come fare passo passo

Il ciclamino è una pianta tuberosa (ovvero gli steli e le foglie spuntano da un tubero) che fiorisce da settembre-ottobre fino alla fine dell’inverno.

Se hai seguito tutti i consigli per coltivare il ciclamino nel modo giusto, sarai arrivato ad un punto in cui le radici saranno ormai fuori dal vaso.

In questo caso dovrai rinvasare il tuo ciclamino ma per farlo avrai bisogno di alcuni suggerimenti.

Vediamo insieme qual è il momento giusto per rinvasare il ciclamino e come fare passo passo!

Attenzione: i tuberi del ciclamino contengono saponine, sostanze che potrebbero irritare la pelle, in più sono velenosi se ingeriti. Usa i guanti da giardinaggio per rinvasare il tuo ciclamino e tienili lontani dai tuoi animali.

Scegli il periodo ideale

Per il rinvaso del ciclamino è sempre meglio scegliere il periodo giusto.

Poiché questa pianta entra nella sua fase di riposo a partire dalla fine dell’inverno-inizio primavera, è opportuno aspettare questo periodo per cambiare il vaso ai ciclamini.

Non appena, a fine febbraio, i fiori iniziano ad esaurirsi e le foglie iniziano ad ingiallire, puoi fare quest’operazione.

È consigliabile, in genere, aspettare questa fase di riposo poiché nel periodo di massima fioritura della pianta, ovvero dall’autunno all’inverno, la pianta concentra le sue energie per la fioritura

Se rinvasi la pianta in questa fase, le energie verranno convogliate nella creazione di radici e saranno sottratte invece alla fioritura, che sarà più scarsa

Tuttavia se c’è l’esigenza di rinvasare in modo urgente, ovvero se la tua pianta è davvero troppo grande per il vaso attuale e non puoi aspettare il periodo di riposo, puoi rinvasare tranquillamente anche se è in fioritura.

Prepara il vaso

La prima cosa da fare è preparare il vaso, che deve essere almeno di 3-4 cm più grande del vaso precedente. 

Assicurati che il nuovo vaso abbia i fori di drenaggio per poter permettere all’acqua in eccesso di defluire.

È sempre meglio utilizzare un vaso di terracotta, ma se hai a disposizione un vaso in plastica, andrà bene lo stesso. 

Usa una miscela di terreno adatta

È importante, quando rinvasi il ciclamino, scegliere il terreno giusto che andrà a sostituire il vecchio terreno ormai privo di sostanze nutritive.

Il Ciclamino preferisce un terreno acido, il che significa che potrai scegliere o una miscela già pronta per piante acidofile oppure creare da te la tua miscela.

La miscela ideale per una pianta di ciclamini è formata da torba e terriccio comune in aggiunta ad una parte di ghiaia o lapilli o perlite.

Se il terriccio universale che hai a disposizione ha già una buona quantità di torba, va già bene per i tuoi ciclamini.

Rinvasa nel modo giusto

Una volta che ti sei procurato vaso e terreno, potrai spostare la tua pianta nel nuovo vaso.

Rimuovi il vecchio vaso capovolgendo la pianta di ciclamino e sfilandolo dalla zolla

A questo punto cerca di scrollare via il vecchio terreno dalle radici senza danneggiare né i tuberi, né le radici che fuoriescono alla base di questi. 

Nel nuovo vaso, in cui avrai messo del terreno per circa metà dell’altezza, potrai posizionare la tua pianta. 

Compatta il terreno intorno alla tua pianta cercando di coprire i tuberi e facendo in modo che gli steli e le foglie siano all’altezza del bordo del vaso e non più in basso.

Se rinvasi il Ciclamino troppo in basso il rischio è quello di seppellire steli e foglie che a lungo andare marciranno.

Inumidisci il terreno

A questo punto il gioco è fatto! Il tuo Ciclamino è già nel nuovo vaso e le radici sono pronte a crescere e ad espandersi ancora di più.

Però, a questo punto, per compattare il terreno dovrai inumidire tutta la zolla

Per fare ciò innaffia il ciclamino facendo attenzione a non bagnare le foglie, inumidisci in modo uniforme il terreno fresco che hai inserito nel vaso. 

In questo modo, la pianta sarà anche più stabile all’interno del nuovo vaso

Fai sempre attenzione a non creare ristagni d’acqua e a far sì che l’acqua in eccesso scorra via dai fori del vaso. 

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.