Sai davvero ogni quanto dovresti innaffiare la Stella di Natale?

Il programma di innaffiatura di una stella di Natale è sottovalutato ma è molto importante per la salute della pianta stessa.

Sapere quando e come innaffiare la pianta natalizia fa una grande differenza per la sua salute e la sua crescita.

Se sbagli le innaffiature della stella di Natale, la pianta inizia a perdere molte foglie e smette di prosperare.

Dunque vediamo insieme ogni quanto dovresti innaffiare la stella di Natale!

Cosa succede se la innaffi troppo

Innaffiare troppo la stella di Natale può provocare alcuni danni.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Con la stella di Natale non devi mai esagerare con l’acqua. È molto facile prendersi cura delle stelle di Natale, ma l’importante è farlo nel modo giusto.

L’irrigazione eccessiva di una poinsettia può causare:

  • Decolorazione delle foglie, passando dal verde o dal rosso al giallo
  • Le foglie a cadere dalla pianta
  • Marciume radicale, riducendo la capacità della pianta di assorbire acqua e sostanze nutritive attraverso le radici

Sia l’eccessiva irrigazione che la scarsa irrigazione possono causare danni e perdita di foglie.

Cosa succede se non la innaffi abbastanza

Se non innaffi abbastanza la stella di Natale ciò causerà anche stress per la pianta.

Le piante di Euphorbia sono vulnerabili allo stress e, se si verificano condizioni di irrigazione troppo secche, le piante dimostreranno il loro stress attraverso i segni sulle foglie.

Non innaffiare abbastanza la stella di Natale provoca alcuni danni:

  • Le foglie scoloriscono e cadono prematuramente dalla pianta
  • Le foglie iniziano ad appassire
  • I bordi delle foglie si seccano

La pianta dovrebbe riprendersi quando poi reintegri l’acqua mancante.

Come innaffiare la stella di Natale

Innaffia la stella di Natale con un annaffiatoio dall’alto o dal basso attraverso un recipiente contenente acqua.

Utilizza acqua a temperatura ambiente per non shockare la pianta durante il processo di irrigazione.

Un altro modo semplice per innaffiare è mettere l’intero vaso nella vasca così la pianta può quindi scaricare liberamente l’acqua in eccesso direttamente nei fori di scarico.

Innaffia bene la pianta, e lascia scolare completamente l’acqua in eccesso, fino a quando non ci saranno più gocce d’acqua provenienti dal fondo del vaso.

Come capire quando innaffiare

La quantità di acqua di cui ha bisogno una stella di Natale dipenderà dalla quantità di acqua necessaria per bagnare completamente il terreno nel vaso.

In genere, quando il terreno è asciutto al tatto, è tempo di annaffiare.

A questo punto puoi innaffiare la pianta con acqua a temperatura ambiente, finché l’acqua scorra via dai fori sul fondo del vaso.

Assicurati che ci abbastanza fori di drenaggio sul fondo del vaso e che permettano all’acqua in eccesso di drenare liberamente dopo l’irrigazione.

Assicurati di non lasciare mai che la stella di Natale ristagni nell’acqua dopo l’irrigazione. Ciò può accadere accidentalmente, soprattutto se il vaso è avvolto in un qualche tipo di pellicola protettiva.

Quanto spesso innaffiare una stella di Natale in vaso

Un programma di irrigazione corretto della stella di Natale dipenderà da una serie di fattori:

  • le dimensioni della pianta
  • le dimensioni del vaso
  • il tipo di terreno
  • l’umidità dell’ambiente

Lascia sempre asciugare il terreno tra un’annaffiatura e l’altra, in genere sarà sufficiente annaffiare la pianta una volta alla settimana, ma non sempre è una scadenza fissa, fai sempre la prova del dito prima di dare acqua.

La superficie del terreno dovrebbe essere asciutta al tatto prima di annaffiare di nuovo.

Un’altra indicazione è prendere nota del peso del vaso stesso. Il terreno asciutto nel vaso farà sì che il vaso sia molto più leggero rispetto a quando è appena annaffiata.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.