Se le tue Rose sono attaccate da Afidi puoi salvarle con questi rimedi

Non c’è giardino in cui le rose non sono vittima di un fastidioso parassita, pronto a fiondarsi e nutrirsi della parte più tenere, i boccioli.

Capita di frequente ritrovare parassiti proprio sui boccioli che stanno per fiorire e questi parassiti sono capaci di comprometterne la fioritura.

Si tratta di afidi, parassiti succhiatori che si nutrono della linfa vitale delle piante e si moltiplicano diventando particolarmente infestanti e pericolosi.

Vediamo insieme in che modo prevenire e curare questo genere di infestazione sui boccioli delle nostre rose.

Perché attaccano proprio i boccioli?

I boccioli dei fiori sono la parte più tenera della pianta; per questo motivo gli afidi riescono a pungere la superficie vegetale molto più facilmente e senza alcuna fatica.

Inoltre, nel periodo di fioritura risulta essere la parte maggiormente ricca di nutrienti poiché è da lì che passano tutte le sostane nutritive che la pianta raduna per consentire la produzione dei fiori e quindi il loro sbocciare.

Come riconoscere gli afidi

È possibile identificarli se ci sono piccole ragnatele all’attaccatura delle foglie che ne attestano proprio la presenza.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Hanno una colorazione verde chiaro ed è proprio questa colorazione a renderli inconfondibili.

Rimedi fai da te

Puoi utilizzare una serie di rimedi naturali per attaccare gli afidi che infestano le tue rose.

Questo va in base al grado dell’infestazione che se particolarmente alto richiede l’utilizzo di rimedi specifici da banco di natura chimica.

Olio di Neem

L’olio di Neem è un olio vegetale, ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi di Azadirachta Indica, appartenente alla famiglia delle Meliacee.

Le sue proprietà antiparassitarie, antisettiche e antifungine sono ideali per combattere i parassiti e proteggere le tue rose.

Contiene l’Azadirachtina, un principio attivo responsabile delle proprietà antifungine e antiparassitarie. Questa componente impedisce che la muta di molti insetti parassiti vada a buon fine e quindi non ne consente l’evoluzione.

Mescola in un litro di acqua tiepida 10 ml di olio di Neem; poi spruzza il composto sui boccioli delle tue rose e su ogni parte della apianta infestata.

Ripeti il trattamento per diverse settimane.

Spray al sale

Il sale, non quello da cucina ma in particolare quello himalayano, pare essere un alleato valido contro gli afidi.

In un litro di acqua disciogli un bel cucchiaio abbondante di sale himalayano; lascia riposare il composto per qualche ora e poi nebulizzalo sui boccioli infestati.

Utilizza questa miscela di sera, quando i raggi del sole non battono violentemente sulla pianta per evitare di arrecarle danno.

Non solo è un buon modo per combattere le infestazioni in atto ma le previene allontanando gli afidi che si accingono a nutrirsi delle tue rose.

Rimedio al peperoncino

Con l’utilizzo del peperoncino potrai avere buoni risultati nella lotta contro gli afidi. Il peperoncino contiene la capsaicina, un potente insetticida naturale e valido alleato nella lotta contro gli afidi.

Tutto ciò che dovrai fare è sminuzzare due peperoncini in 200 ml di acqua; lascia il composto al macero per almeno 24 ore. Maggiore sarà il tempo che il peperoncino sarà a macerare, maggiore sarà l’efficacia di questo composto contro i parassiti.

Nebulizza tutta la chioma finché l’infestazione non sarà debellata; utilizza questo composto anche successivamente, come repellente.

Usa il sapone molle

Il sapone biologico è un alleato ideale da utilizzare contro gli afidi, e un’arma naturale se non vuoi ricorrere  a pesticidi chimici.

Sciogli circa 10 g di sapone di Marsiglia a scaglie in un litro d’acqua. Puoi scioglierlo a bagnomaria sul fuoco per fare prima. Con uno spruzzino nebulizza la piantina e ripeti il trattamento finché non otterrai risultati.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.