Il Terriccio perfetto per le tue Rose in vaso

Il terriccio è certamente la casa delle nostre piante, quella componente essenziale da cui le nostre rose possono trarre nutrimento e protezione, da cui attingere per la crescita e la fioritura.

È inevitabile allora provare a creare una miscela perfetta che possa fornire alle nostre rose tutto quello di cui hanno bisogno.

Solo in questo modo potremmo avere veri e propri roseti che esplodono in fioriture lussureggianti, e possiamo realizzare in modo molto semplice la miscela di componenti adatta.

Vediamo insieme di che tipi di terriccio hanno bisogno le nostre rose e in che modo realizzare la miscela perfetta.

Quali componenti?

Il giusto mix di invasatura per le rose deve essere composto da componenti che possano garantire alla pianta materiale nutriente, protezione da agenti atmosferici, drenaggio e leggerezza.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarci il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Perlite

Per permettere al terriccio di essere drenante e areato non c’è componente migliore della perlite. Realizzata con piccoli granelli di pietra vulcanica, la perlite è un materiale grossolano che non danneggia né condiziona la natura o composizione chimica del terriccio.

Il suo contributo è caratterizzato, inoltre, dalla capacità di far defluire l’acqua ed è una componente imprescindibile soprattutto per le piante d’appartamento.

Stallatico

Si tratta di un concime naturale ricavato dalle feci degli animali da stalla.

Contiene i tre elementi essenziali per la crescita delle piante quali fosforo, azoto e potassio.

L’azoto si occupa della parte verde delle piante e della loro crescita sana, il fosforo serve per la fase di fioritura e il potassio serve per far maturare i frutti e quindi i semi.

Torba bionda

Ottenuta dalla decomposizione dello sfagno, la torba è un materiale organico con proprietà altamente drenanti.

Fornisce al terriccio componenti nutritive ma la sua natura e composizione garantiscono un terriccio che non può compattarsi e quindi restare ben areato a lungo tempo.

È in grado di rendere acido il terriccio, uno dei motivi per cui viene utilizzata. Per questo motivo, aggiungerlo alla formula ideale per le rose conferisce quel pizzico di acidità che la pianta non disdegna affatto.

Argilla espansa

L’argilla espansa è il materiale grossolano per eccellenza, in grado di evitare ristagni e favorire il drenaggio d’acqua.

Ha inoltre la capacità di creare un microclima stabile che possa garantirgli protezione dagli sbalzi termici.

La formula perfetta

Per realizzare una miscela di terriccio ideale per le tue rose comincia col porre sul fondo del vaso uno strato di argilla espansa, perfetta per lasciare che i fori di scolo del vaso possano drenare l’acqua in eccesso ed evitare che le radici restino umide con ristagni.

A due parti di torba bionda aggiungi una parte di perlite e una parte di stallatico.

Puoi aggiungere lo stallatico anche sul fondo così che non sia a stretto contatto con le radici degradandosi pian piano con le innaffiature.

Assicurati che il terriccio sia non troppo compatto e se eccessivamente fibroso aggiungi una parte di terriccio universale di buona qualità, che possa rendere la miscela argillosa al punto giusto.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.