Come riprodurre la camelia per talea

La camelia è riproducibile per talea, questo significa che da un rametto potrai ottenere un nuova piantina.

La maggior parte delle varietà cresce da talee, un metodo di propagazione semplice ed economico che non richiede attrezzature complesse.

Le talee dovrebbero essere prelevate tra luglio e agosto.

Vediamo insieme come riprodurre la camelia per talea in modo molto semplice!

Scegliere il ramo adatto

Per capire se la talea è adatta, piega delicatamente un rametto, se il legno è troppo verde si piegherà ma non si spezzerà, in questo caso è troppo giovane per la talea.

Se invece sembra che stia per spezzarsi è pronto per l’uso.

Il ramo debe essere abbastanza legnoso da spezzarsi, ma non troppo legnoso: un ramo troppo vecchio potrebbe avere meno probabilità di radicare.

Come procedere

Ecco passo passo tutto il procedimento per ottenere delle nuove piante di camelia.

Il taglio adatto

Taglia una talea di circa 10 centimetri con cesoie affilate, assicurandoti di selezionare solo rami e foglie sane, privi di insetti e malattie.

Rimuovi le foglie inferiori da ogni taglio, lasciando due foglie in cima per ogni talea.

Alcuni tagliano a metà ogni foglia rimanente per ridurre la quantità di umidità traspirata e per consentire di inserire più talee per ogni vaso.

Usando delle cesoie affilate e disinfettate, taglia la base del tuo rametto in modo obliquo, in questo modo aumenta la superficie da cui spunteranno le radici.

Preparare i vasetti

Dopo il taglio, puoi intingere le talee in un ormone radicante prima di metterle in terra, questo prodotto faciliterà la radicazione.

Il terreno utilizzato per la semina è la comune torba oppure puoi utilizzare una miscela di sabbia e sfagno. Il vasetto deve essere riempito fino all’orlo e devi tenere umido il terreno.

Fai dei buchi nel terreno e inserisci delicatamente le talee.

Le talee devono essere annaffiate delicatamente e quindi coperte con un sacchetto o una bottiglia di plastica.

Così ottieni un alto livello di umidità e ciò aiuterà le tue talee a rimanere in vita fino a quando non si svilupperanno le radici.

Posiziona il vaso in un posto caldo e ben illuminato all’esterno, ma non alla luce solare diretta.

Dopo quanto tempo radica?

Le nuove radici spunteranno dopo circa 3 o 4 mesi, anche se alcune varietà richiedono anche più tempo.

Passato il tempo indicato, prova a tirare il rametto delicatamente verso l’alto. Se la talea oppone anche una minima resistenza vuol dire che le radici si stanno formando.

Un’altro indizio sarà lo stato delle foglie, se dopo 2-3 mesi sono ancora verdi vuol dire che la vostra camelia è ancora in vita.

Il fertilizzante liquido può essere applicato per incoraggiare la crescita.

Il rinvaso

Se la vostra talea di camelia è andata a buon fine, nella primavera successiva puoi rinvasare le nuove piantine in un vasetto singolo, con del terriccio per piante acidofile.

Quando la nuova pianta di camelia si è formata completamente e avrà sviluppato anche qualche ramo e nuove foglie, potrai metterla a dimora nel vaso definitivo.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.