Tutti i segreti per curare l’Astro o il Settembrino, il fiore di settembre

L’astro (Aster) o Settembrino è una pianta perenne dai fiori colorati simili a margherite.

Come i crisantemi da giardino, gli astri fioriscono in risposta all’accorciamento dei giorni in autunno, regalando una bella esposizione di gemme che possono sbocciare da agosto ad ottobre.

Sebbene siano spesso vendute come piante stagionali in autunno, gli astri sono piante perenni longeve che possono diventare una parte permanente del tuo giardino.

Scopriamo insieme tutti i segreti per curare l’Astro o il Settembrino, il fiore di settembre!

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche dell’astro o settembrino, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Varietà

La tassonomia degli astri è alquanto complicata, poiché ora comprende diversi generi di piante, tutti all’interno della famiglia delle Asteraceae.

Un tempo tutte le specie erano considerate parte del genere Aster, ma ora diverse specie sono state riassegnate al genere Symphyotrichum.

Infine, un certo numero di specie appartengono ancora al genere originale Aster, inclusi incroci ibridi e le loro cultivar denominate.

L’Aster amellus e l’Aster thomsonii o l’Aster alpinus sono varietà da cui spesso si parte per formare cultivar ibride comunemente vendute nei vivai.

Tuttavia non devi preoccuparti troppo di questi dettagli, poiché tutte queste piante sono vendute come astri e tutte hanno i familiari fiori simili a margherite e si comportano allo stesso modo in giardino.

Le specie originali erano fiori selvatici trovati in Nord America ed Eurasia, ma le moderne varietà da giardino sono solitamente ibridi coltivati per produrre nuovi colori e piante più ordinate.

Esposizione

Pianta i fiori di Astro in un’area che gode di pieno sole per la maggior parte della giornata.

Troppa ombra può causare steli esili e che crescono troppo verso l’alto e causa una fioritura meno ricca.

I fiori di settembrino prosperano in temperature più fresche e sono resistenti al gelo.

Fioritura

L’astro fiorisce in risposta all’accorciamento delle giornate in autunno.

Quindi, in media, inizia a far spuntare i primi boccioli da fine estate e raggiunge la piena fioritura a settembre, da qui il nome settembrini.

Le mille varietà cultivar hanno permesso di creare fiori con sfumature di viola, porpora, lilla, bianco e rosa.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno l’astro o il settembrino per crescere sano e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

Gli astri apprezzano il terreno argilloso leggermente acido, con un pH compreso tra 5,8 e 6,5.

Se il tuo terreno è alcalino (il valore opposto dell’acidità), puoi renderlo più acido aggiungendo materia organica come compost fogliare o compost classico.

Quando innaffiare

Mantieni umide le nuove piante e continua ad annaffiare regolarmente fino a quando i fiori non hanno finito di sbocciare.

Come regola generale, il terreno in cui risiedono i tuoi astri dovrebbe rimanere costantemente umido ma mai zuppo.

Un piccolo accorgimento è provare ad innaffiare la base dei tuoi astri senza spruzzare acqua sulle foglie, in quanto ciò può causare muffa o crescita di funghi.

Bagna le piante una volta alla settimana, è in genere il consiglio per la maggior parte delle piante perenni.

Concime

Gli astri sono piante che hanno bisogno di una moderata quantità di concime.

Concima i tuoi fiori di settembrino con un fertilizzante per fiori bilanciato 2 volte al mese, a partire dalla primavera e continuando fino a quando i fiori iniziano ad aprirsi.

I nutrienti eccessivi possono ridurre il tempo di fioritura, quindi smetti di concimare gli astri ad agosto.

Potatura

Gli astri non hanno bisogno necessariamente di una potatura, ma ci sono alcuni buoni motivi per farlo.

Uno è semplicemente quello di mantenere una forma e una dimensione che ti piacciono in base anche alle dimensioni del tuo giardino.

Soprattutto se hai un terreno ricco, questi fiori cresceranno abbondantemente. Potarli manterrà anche le tue piante sane e ridurrà il rischio che si sviluppi muffa poiché ci sarà maggiore circolazione d’aria.

Infine, potando gli astri, otterrai una maggiore abbondanza di fiori durante la stagione di crescita.

Moltiplicazione

Gli astri possono essere propagati per seme o per talee, ma il modo di gran lunga più semplice è scavare una pianta matura per arrivare alle radici e dividerle per creare più piante.

Assicurati che la parte centrale legnosa del ciuffo dovrebbe essere scartata. Le singole piante divise cresceranno fin da quando esegui la divisione, ma è preferibile fare questa operazione nel tardo autunno o all’inizio della primavera successiva.

Le radici del fiore settembrino sono dure, quindi dovrai usare una vanga affilata per tagliare a pezzi i ciuffi.

Innaffia abbondantemente subito dopo che hai piantato le nuove divisioni e nutri le divisioni con farina d’ossa per fornire fosforo per la crescita immediata delle radici.

Malattie e parassiti

La ruggine e l’oidio possono danneggiare le foglie dell’astro. Mantieni le piante ben distanziate per evitare questi problemi e per migliorare la circolazione dell’aria, aiuta anche evitare gli schizzi d’acqua per prevenire problemi fungini.

La maggior parte degli insetti nocivi non attacca gli astri, ma i tingidi possono essere un fastidio.

È più probabile che noti il ​​danno che causano piuttosto che gli insetti stessi, perché sono molto piccoli e di un colore grigio-bianco anonimo.

Se noti fogliame ingiallito e caduta delle foglie in estate, prendi in considerazione l’uso di una miscela con sapone da bucato per eliminare gli insetti dalle piante, vaporizzando tutti i lati del fogliame per avere un impatto anche sui parassiti nascosti.

Fortunatamente, i focolai di tangidi attaccano prima della fioritura dell’astro, quindi la miscela di insetticida non danneggerà le farfalle e le api.

Significato

Il nome Aster deriva dal greco astéri per via della forma di fiori, simili a piccole stelle. L’altro nome con cui viene riconosciuto è settembrino, è legato ovviamente al periodo di massima fioritura.

Gli astri selvatici venivano usati anche per le proprietà antinfiammatorie e per il fatto che calmassero la tosse.

Il significato del fiore invece riconduce alla creatività e alla fantasia, ma è legato anche all’idea di piacevole sorpresa.

Quando si piantano gli Astri?

Gli astri possono essere piantati quasi in qualsiasi momento dell’anno, anche se la primavera è un periodo tipico per farlo poiché è il momento in cui le piante in vaso sono disponibili nei vivai.

Quando si seminano gli Aster?

La semina degli astri o aster può essere fatta in primavera quando il clima mite favorisce la germinazione dei semi.

In che periodo fiorisce l’Astro?

L’astro fiorisce in autunno, ma inizia a far spuntare i boccioli da fine estate. Il periodo di massima fioritura è settembre, da qui il soprannome settembrini.

Come si piantano gli Astri?

Se vuoi piantare gli astri al chiuso, puoi seminare in inverno. Posiziona i vasetti con i semi in una stanza luminosa e porta le piantine all’esterno in primavera. Trapiantale in vasi via via più grandi man mano che crescono e alla fine spostali in giardino.

Che fiore e l’Aster?

L’aster o astro o anche settembrino, è un fiore perenne a fioritura annuale che ha l’aspetto di piccole margherite. I fiori hanno sfumature che vanno dal viola, al rosa, al bianco.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.