Pianta del cotone: come curare la pianta dalla storia controversa

La pianta del cotone è per noi indispensabile: usiamo il cotone per realizzare qualsiasi cosa, non solo i vestiti.

La capsula di cotone è il baccello del seme della pianta. I semi sono attaccati a fili sottili come fibre in modo che si disperdano nell’aria quando la capsula si apre.

Oggi vengono usati anche come recisi per abbellire tavole e vasi in stile country.

Il cotone è un membro delle Malvaceae, la famiglia delle malve. Il tessuto che conosciamo viene ricavato dalle capsule di cotone gonfie che crescono sugli steli, i fiori della pianta di cotone sono sono dapprima bianchi e poi diventano di una bella sfumatura di rosa.

Il cotone è un raccolto ad alta intensità di lavoro e richiede molte cure amorevoli.

Scopriamo insieme come si coltiva la pianta del cotone!

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche della pianta del cotone, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Varietà

Molte persone non sanno che il cotone è disponibile in una varietà di colori. Il cotone bianco è quello standard per i coltivatori che lo usano per il commercio.

In passato, il cotone marrone era comunemente coltivato per uso personale da schiavi e bianchi poveri. Tuttavia, rosa, verde, blu e giallo sono stati tutte varietà popolari in passato.

Molti di questi colori sono stati coltivati da schiavi e liberti neri perché non era permesso loro di coltivare il cotone “bianco” dei loro padroni. Le varietà di cotone colorato non erano così richieste perché hanno fibre vegetali più corte, che sono più difficili da filare e tingere.

Al giorno d’oggi, questi cimeli colorati possono essere difficili da trovare. Tra le varietà puoi trovare:

  • Cotone verde dell’Arkansas: questa varietà produce fiori giallo-rosa che creano dei bei bouquet di recisi. Il cotone è di un verde chiaro e ha fibre corte con semi verde scuro.
  • Cotone verde di Erlene: un’altra varietà verde nota per la sua facilità di filatura. Dopo il lavaggio, le fibre assumono un colore più giallo-verde.
  • Cotone Marrone del Mississippi: questa varietà fa rivivere la storia. È una cultivar che un tempo era favorita dagli schiavi e produce un filato meraviglioso. Le piante sono resistenti alla siccità. Il colore del cotone varia dal marrone chiaro al marrone dorato intenso.
  • Cotone Nankeen: Nankeen è il re dei cotoni antichi. È stato coltivato durante la guerra civile. Appare come un colore marrone naturale sulla pianta, ma la lanugine diventa color rame quando viene lavata. Nankeen è una varietà robusta e resistente agli insetti che andrà bene in terreni poveri e aree soggette a siccità.
  • Cotone bianco con foglie rosse: questa è una grande varietà da coltivare in vaso o in un’aiuola. Ha foglie e steli rossi sorprendenti che si abbinano bene a bellissimi fiori gialli e bianchi. Il cotone è di un colore bianco naturalmente brillante.

Esposizione

Ovviamente, come è noto a molti, il cotone viene coltivato in grandi distese di campi completamente esposte al sole diretto.

Infatti, per crescere bene, ha bisogno del sole pieno, anche se lo coltivi in vaso.

Fioritura

La pianta di cotone fiorisce in primavera.

Il cotone è lento a maturare. Ci vogliono 2 mesi di clima caldo prima che la pianta di cotone fiorisca.

Dopo la fioritura, la pianta avrà bisogno di altri 50 giorni prima di formare i baccelli. Il cotone fa parte del baccello o della capsula.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno la pianta del cotone per crescere sana e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

Il cotone preferisce terreni sciolti, ma molte varietà crescono in terreni compatti e asciutti.

Il cotone può gestire ugualmente bene anche un terreno misto a sabbia. Le piante preferiscono un pH tra 5,5 e 8,5 e una terra ricca e drenante.

Aggiungi una generosa quantità di compost ai primi centimetri di terreno prima di piantare.

Quando innaffiare

Mantieni le tue piante di cotone in crescita umide ma non bagnate.

Troppa acqua li rende soggetti a malattie da marciume.

L’acqua è particolarmente importante durante lo sviluppo della capsula del cotone.

Concime

Il cotone vuole molto concime e ha bisogno di azoto e potassio.

Apprezza anche un fertilizzante organico come l’emulsione di pesce. I fertilizzanti organici sviluppati per i pomodori sono adatti anche alle tue piante di cotone.

Potatura

In genere queste piante non vengono potate, ma semplicemente vengono tagliati gli steli con i baccelli ricchi di fibra.

Può aiutare a tenere la pianta sana rimuovere le foglie morte o le parti malate.

Moltiplicazione

Ovviamente quando parliamo di moltiplicazione delle piante di cotone ci riferiamo alla semina.

Il cotone è un’annuale da clima caldo che ha bisogno di una lunga stagione di crescita. Puoi seminarlo direttamente nel terreno se vivi nelle zone più calde.

Nelle zone più fredde seminali all’interno in una miscela di terreno di alta qualità in una stanza calda con luci uv per piante, circa sei settimane prima dell’ultimo gelo previsto.

Pianta due semi per vaso di terreno. Pianta i semi alla profondità di 2 cm circa.

Il cotone germina meglio a temperature comprese tra 24° e 28°. I semi impiegano circa due settimane per germogliare, quindi non essere impaziente.

Malattie e parassiti

Tra i parassiti che puoi incontrare mentre coltivi il cotone ci sono:

  • Afidi: c’è qualche pianta che gli afidi non attaccheranno? Questi minuscoli insetti succhiano la linfa dal cotone e possono arrestarne la crescita. Spruzzali via dalle piante con un getto d’acqua e poi trattali con olio di neem per tenerli lontani.
  • Lombrichi: sono le larve di falene marroni e grigie. Mangiano le piante di cotone alla base, tagliandole alla superficie del suolo. Puoi cospargere farina di crusca e farina di mais intorno alle piante con un sentiero che si allontana dagli steli delle piante. Mangeranno il pasto e moriranno.
  • Punteruolo: il parassita principale della pianta del cotone è il punteruolo. Questo coleottero si nutre dei boccioli e dei fiori delle piante di cotone. Gli adulti svernano nei campi ed emergono in tarda primavera per deporre le uova. Hanno molti predatori naturali come ragni, uccelli e vespe parassite.

Il cotone è suscettibile al marciume radicale, che spesso si verifica all’inizio dell’estate.

Fa appassire le foglie e può uccidere le giovani piante. Mantieni le piante ben nutrite e non esagerare con le annaffiature.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.