Come fare le talee del rosmarino per avere subito nuove piante?

La pianta del rosmarino è una pianta perenne con fusti legnosi che producono foglie aghiformi robuste e saporite.

È spesso usato in piatti comuni della nostra cucina per cui è sempre bene averne una bella pianta in casa.

E oltre ad averne una pianta potresti volerne ricavare una seconda, in questo caso ti basterà un solo rametto dalla pianta madre: ma da dove iniziare?

Vediamo insieme come fare le talee di rosmarino per avere subito nuove piante!

Il rosmarino può essere coltivato da talee?

Sì, il rosmarino può essere coltivato per talea, ovvero tagliando un piccolo rametto dalla pianta madre da cui nascerà una nuova pianta.

Propagare significa semplicemente produrre una pianta che è identica (geneticamente parlando) al suo genitore mediante divisione, talea e così via.

Alcune piante sono più difficili da propagare di altre, ma con il rosmarino, un po’ di pazienza e cura si tradurrà nel tuo nuovo piccolo cespuglio di rosmarino!

Come coltivare il rosmarino dalle talee

Per coltivare il rosmarino dalle talee, avrai bisogno di:

  • Un piccolo vaso
  • Ormone radicante (facoltativo)
  • Terriccio

Prima di entrare nei passaggi specifici, va notato che la coltivazione del rosmarino dalle talee è un processo lungo. Potrebbe volerci fino a un anno prima che tu possa raccogliere il rosmarino per le tue patate al forno.

Ma vediamo passo passo come fare!

Scegli una pianta sana

Per iniziare, avrai bisogno di alcune talee di rosmarino, ovviamente.

Se stai coltivando il tuo rosmarino in vaso, semplicemente taglia alcuni rametti di rosmarino sani. Non è necessario tagliare rami interi: rami lunghi 10-15 cm andranno bene.

Puoi prelevare talee in qualsiasi momento durante la stagione di crescita, ma il momento migliore è quando fa più freddo e gli steli stanno diventando leggermente legnosi alla fine.

Se attualmente non coltivi il rosmarino a casa e non conosci nessuno che sia disposto a dartene un rametto, la maggior parte dei negozi di alimentari o dei mercati ortofrutticoli vendono confezioni o mazzi di rosmarino fresco.

Allora, qual è il momento migliore per piantare? Generalmente l’inizio dell’autunno è ideale.

Questo perché gli steli delle piante diventano più robusti, il che rende il tuo taglio più resistenti per la propagazione.

Rimuovi le foglie alla base

Una volta che hai un rametto di rosmarino, togli le foglie dalla parte inferiore dello stelo: dovrai ottenere circa 5 cm di gambo nudo, che servirà come base per le radici future.

Se sei pronto per propagare subito il rametto, taglia la base del rametto in modo obliquo con un angolo di 45 gradi. Ciò garantirà più superficie di crescita per le radici.

Se non sei pronto per la propagazione, puoi conservare i rametti nel frigorifero, avvolti in un sacchetto di plastica.

Ormone radicante si o no?

A questo punto, hai la possibilità di immergere il gambo nudo del rametto in un ormone radicante.

L’uso di un ormone della crescita è facoltativo, soprattutto quando si tratta di rosmarino.

Se desideri utilizzare un ormone radicante per ottenere nuove radici più velocemente, puoi procurarti quello in polvere o in gel presso il tuo vivaio locale.

Quindi, immergi semplicemente lo stelo in un po’ d’acqua e intingilo nell’ormone. Dopodiché puoi già piantarlo in un vasetto con del terriccio.

Avviare la struttura della radice

Se non stai usando un ormone radicante, ti consiglio di assicurarti la crescita delle radici prima di piantare nel terreno.

Per fare questo, puoi mettere la tua pianta di rosmarino in un bicchiere d’acqua, con i 5 cm di gambo nudo completamente immersi. Dopo 3-4 settimane dovresti iniziare a vedere le radici spuntare dallo stelo.

Una volta che hai delle radici mature, la pianta è pronta per essere piantata nel terriccio.

Fallo quando la temperatura del terreno è tra i 15 e i 20 gradi. Se pianti troppo presto, i rametti potrebbero non attecchire e piantare troppo tardi potrebbe causare una pianta che fatica a crescere a causa del caldo (il rosmarino è un’erba che ama il clima più fresco).

Quanto tempo ci vorrà?

A seconda del periodo in cui stai moltiplicando il rosmarino, il tempo necessario per far sì che cresca varierà. In genere, dopo 6-8 settimane inizierai a vedere alcuni segni di crescita.

È meglio conservare la tua pianta di rosmarino in una zona calda e umida. Se hai una serra, il clima è perfetto!

In caso contrario, puoi ottenere lo stesso effetto mettendo un sacchetto di plastica sopra la pianta e il vaso. Se ti trovi in una stagione calda, tenere la pianta all’aperto potrebbe essere una buona idea.

Se noti che le foglie iniziano a diventare gialle o marroni dopo poche settimane, potrebbe essere dovuto ad uno shock da trapianto (proprio come noi umani, alle piante non piacciono i cambiamenti improvvisi).

In questo caso, taglia semplicemente le foglie scolorite e preparati per una maggiore crescita.

Prenditi cura della tua nuova pianta di rosmarino

Ora che hai avviato la tua pianta, è tempo di iniziare a trattarla come qualsiasi pianta giovane che acquisteresti in un vivaio o in supermercato.

Assicurati che la pianta di rosmarino riceva molta luce solare, la giusta quantità d’acqua (mantenere il livello superiore del terreno umido va più che bene) e la tue cure saranno efficaci.

Alla fine, la pianta di rosmarino diventerà troppo grande per il suo vaso originale e potrai piantare questa perenne direttamente in giardino o in un vaso più grande.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.