Ci Sono gli Afidi sui Boccioli delle Rose? Rimedia Così

In ogni giardino le rose possono essere vittima di fastidiosi e agguerriti parassiti, gli afidi, che si accaniscono sui boccioli.

Proprio durante la fase di fioritura possiamo notare come gli afidi si ammassano sulla pianta, sui boccioli teneri, deturpandone la fioritura.

Gli afidi, sono parassiti succhiatori che si nutrono della linfa vitale delle piante e si moltiplicano diventando particolarmente infestanti e pericolosi.

Sai come prevenirne la presenza e curare questo genere di infestazione sui boccioli delle nostre rose?

Da cosa mi accorgo che sono afidi?

Ci sono numerose specie di afidi ma quelli più comuni hanno una colorazione verde chiaro ed è proprio questa colorazione a renderli inconfondibili.

La loro opera lascia una sostanza zuccherina e appiccicosa, che rende possibile la proliferazione di funghi e infezioni e attira le formiche.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli posso inviarteli ogni giorno direttamente su WHATSAPP! Contattami qui e salva il mio numero in rubrica! Ti aspetto!

Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Dove li trovo maggiormente?

I boccioli dei fiori sono la parte più tenera della pianta; per questo motivo gli afidi riescono a pungere la superficie vegetale molto più facilmente e senza alcuna fatica.

Inoltre, nel periodo di fioritura risulta essere la parte maggiormente ricca di nutrienti poiché è da lì che passano tutte le sostane nutritive che la pianta raduna per consentire la produzione dei fiori e quindi il loro sbocciare.

Rimedi fai da te

Puoi utilizzare una serie di rimedi naturali per attaccare gli afidi che infestano le tue rose.

Questo va in base al grado dell’infestazione che se particolarmente alto richiede l’utilizzo di rimedi specifici da banco di natura chimica.

Olio di Neem

L’olio di Neem è un olio vegetale, ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi di Azadirachta Indica, appartenente alla famiglia delle Meliacee.

Le sue proprietà antiparassitarie, antisettiche e antifungine sono ideali per combattere i parassiti e proteggere le tue rose.

Contiene l’Azadirachtina, un principio attivo responsabile delle proprietà antifungine e antiparassitarie. Questa componente impedisce che la muta di molti insetti parassiti vada a buon fine e quindi non ne consente l’evoluzione.

Mescola in un litro di acqua tiepida 10 ml di olio di Neem; poi spruzza il composto sui boccioli delle tue rose e su ogni parte della pianta infestata.

Ripeti il trattamento per diverse settimane.

Usa il sapone molle

Il sapone biologico è un alleato ideale da utilizzare contro gli afidi, un’arma naturale se non vuoi ricorrere a pesticidi chimici.

Sciogli circa 10 g di sapone di Marsiglia a scaglie in un litro d’acqua. Puoi scioglierlo a bagnomaria sul fuoco per fare prima. Con uno spruzzino nebulizza la pianta e ripeti il trattamento finché non otterrai risultati.

Rimedio al peperoncino

Con l’utilizzo del peperoncino potrai avere buoni risultati nella lotta contro gli afidi. Il peperoncino contiene la capsaicina, un potente insetticida naturale e valido alleato nella lotta contro gli afidi.

Tutto ciò che dovrai fare è sminuzzare due peperoncini in 200 ml di acqua; lascia il composto al macero per almeno 24 ore. Maggiore sarà il tempo che il peperoncino sarà a macerare, maggiore sarà l’efficacia di questo composto contro i parassiti.

Nebulizza tutta la chioma finché l’infestazione non sarà debellata; utilizza questo composto anche successivamente, come repellente.

Rimedi chimici

Puoi utilizzare un prodotto a base di estratto di equiseto e di ortica, totalmente naturale come Albagarden Tripla Azione Naturale.

Utile quindi a scopo preventivo non lascia che insetti, funghi e afidi possano proliferare sulle nostre piante.

Inoltre, essendo una sostanza naturale, può essere utilizzato su qualsiasi tipo di coltura, non danneggiando la naturale attività di impollinazione.

Svolge inoltre un’azione fitostimolante in casi di piante debilitate o stressate.

Giuseppe Iozzi
Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.