Tutti hanno un Albero di Giada in balcone ma non sanno il suo vero Significato

La sua proverbiare tenacia e la sua resistenza ad ogni genere di difficoltà la rendono la crassula più amata e maggiormente coltivata nel mondo.

Parliamo dell’albero di Giada ovviamente, la pianta grassa ideale per i pollici neri che vogliono cimentarsi nella cura e non solo di una pianta.

Vista anche la facilità di propagazione ci ritroviamo spesso con i balconi pieni e i terrazzi ben adornati con questa pianta dalle foglie grassocce e succulente e dai fiori a forma di stella.

Il suo fascino risale a tempi antichi e risalgono proprio all’antichità le credenze ed i significati relativi all’albero di Giada.

Vediamo insieme i molti significati di questa pianta.

La pianta della prosperità

Uno dei significati più comuni che spesso vengono attribuiti all’Albero di giada riguarda la fortuna e la ricchezza ad esso associata.

L’antica saggezza cinese narra che l’albero di giada possa preannunciare l’arrivo di ricchezze ogni volta che una nuova fogliolina carnosa nasce sugli steli.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

L’associazione alla ricchezza pare provenga dalla somiglianza attribuita alle foglie con gli smeraldi per la loro tipica forma, ma soprattutto per il colore verde intenso e la lucentezza delle foglie carnose.

Viene addirittura chiamata pianta delle monete e nell’antica arte del feng shui, curarne la posizione in casa porta prosperità. Durante le celebrazioni per il Capodanno cinese, esemplari di Giada vengono messe su scorte di cibo o documenti legati ad investimenti per il loro valore propiziatorio.

La pianta porta fortuna

L’albero di giada viene spesso associato alla fortuna ed è tipico come regalo per un evento importante nel quale occorra augurare fortuna al prossimo.

In primis la sua colorazione, di un verde intenso, simboleggia la crescita, la rinascita, il rinnovamento: il verde è sinonimo di primavera, e quindi di novità.

Nell’antica arte del feng shui averla in casa pare porti ossigeno e quindi possa in qualche modo aumentare la capacità di riflessione e concentrazione.

Di sicuro regalarla è di buon auspicio non solo per il suo significato ma per le sue caratteristiche che la rendono immortale.

L’albero dell’amicizia

La fioritura dell’albero di Giada pare sia associata all’amicizia, quella candida e priva di giudizio, candida come i suoi fiori bianchi brillanti.

La forma perfetta dei fiorellini di giada simboleggia la perfezione della più intensa forma d’amore, quello di un amico, un amore disinteressato ed eterno.

Se una giada fiorisce è il risultato di una cura dedicata e attenta, poiché non tutti gli alberi di giada, per quanto resistenti fioriscono con facilità.

3 regole d’oro per avere cura dell’albero di Giada

Anche se adatta anche ai pollici neri, puoi servirti di queste tre regole d’oro per avere la tua Giada rigogliosa e cespugliosa.

Tanta luce

Luce diretta e per tante ore al giorno, almeno 6, occorre alla nostra Giada per prosperare.

Le sue foglie carnose ben si prestano alla luce diretta ed alla lunga esposizione.

Pizzica le cime

Solo potando le cime della tua giada potrai fare in modo di averla sempre piena di foglioline nuove e dalla forma cespugliosa.

L’ideale è eseguire il taglio proprio tra i cerchi presenti sui suoi rami, i nodi fogliari. Sarà dai nodi fogliari che in breve spunteranno altre foglioline e nuovi rami.

Quanta acqua le occorre?

Si tratta di una pianta grassa e le sue foglioline sono così carnose proprio per la grande quantità di acqua che contengono i tessuti vegetali.

Anche durante il periodo estivo l’albero di Giada va innaffiato con moderazione, quando il terriccio è ben asciutto, o potresti indirla al marciume in pochissimo tempo.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.