I bei Ciclamini stanno tornando e ti spiego come Ravvivare i Bulbi dell’anno precedente

Prepariamoci a vedere i nostri bei ciclamini vitali e pieni di colori perché il loro tempo è giunto.

È proprio a partire da settembre che con le temperature che cominciano a cambiare, dobbiamo preparare i nostri ciclamini per la ripresa vegetativa.

Si, perché i nostri bulbi di ciclamino che adesso sono nei vasi completamente spogli non sono secchi, ma sono in riposo vegetativo, come se fossero in letargo.

Ti spiego in che modo cominciare a preparare i tuoi ciclamini per il risveglio ora che è giunto il loro momento per sorprenderci con fioriture vivaci.

Dai al tuo bulbo di ciclamino nuova dimora

Come spesso accade potresti aver conservato i tuoi bulbi da fiori, in special modo quello del ciclamino, fuori dalla terra, tenendolo al riparo e ben protetto durante il letargo.

Potresti aver lasciato anche i bulbi in vaso ma niente paura, anche in quel caso non sono di certo secchi, e non hai commesso un errore.

Se conservati fuori dalla terra

Tira fuori i bulbi dall’involucro in carta nel quale li hai tenuti durante i mesi estivi e ripuliscili da eventuali muffe se vi sono.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Lasciali all’aria aperta, in una zona ombreggiata per qualche giorno, magari cosparsi anche di cannella, una spezia che ne disinfetta la superficie.

A questo punto puoi dare la nuova dimora ai tuoi bulbi.

Se conservati in vaso

Dai qualche colpetto sul vaso per tirare fuori i bulbi e scrolla la terra. Potresti ritrovarla ammassata visto il tempo di inattività e di interruzione delle innaffiature.

Ripulisci adeguatamente il bulbo da ogni sua parte secca e scrolla per bene il vecchio terriccio dalle radici, dando loro un’occhiata, disinfettandole se necessario, qualora vi fossero radici marce o muffa o parassiti.

Rinvasali con cura

Dopo aver ben sterilizzato i vasi vecchi e realizzato una miscela adeguata i tuoi bulbi sono pronti per essere messi a dimora.

A proposito del terriccio: assicurati che abbia una composizione nutriente e drenante perché andiamo in contro all’inverno ed il terriccio fatica ad asciugarsi in fretta.

Disponi sul fondo dell’argilla espansa e una parte di terriccio e adagia i tuoi bulbi lasciando fuori la parte superficiale del tubero, dalla quale cominceranno a spuntare le foglioline.

Riprendi ad innaffiarli regolarmente

Ora che il ciclamino sta per risvegliarsi, le innaffiature possono riprendere regolarmente. Il bulbo ha bisogno di nutrienti per riprendere a produrre le foglie e poi i fiori e l’acqua contribuisce a disciogliere i nutrienti nel terriccio.

Fai in modo di innaffiarlo per immersione, quindi evitando di bagnare il bulbo dall’alto ma immergendo il vaso in una bacinella.

Innaffia sempre e solo quando il terriccio è completamente asciutto.

Attenzione all’esposizione

Ricorda che siamo ancora in un momento di passaggio dal punto di vista delle temperature; dunque, potrebbero esserci delle giornate durante le quali il sole potrebbe essere più cocente ancora.

Le foglioline appena nate sono fragili quindi fai in modo di posizionare i ciclamini al risveglio in una zona ad est, dalla quale ricevano luce brillante ma delle prime ore del mattino, di modo che se ancora calda non possa bruciare le nuove foglioline.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.