Come curare a Casa la Dalia presa al Supermercato?

Non è raro, nel periodo primaverile, imbattersi in bellissime e piccole piantine in vendita al supermercato mentre si fa la spesa: si tratta della Dalia, pianta dal nome evocativo e dolce.

Questa pianta dalle radici tuberose è famosa per le sue foglie, grandi e dentate, e da fiori dai molti piccoli petali colorati, le cui sfumature vanno dal crema al rosso scuro, dal giallo al viola.

Ma quando compriamo questa piantina al supermercato cosa dobbiamo fare non appena la portiamo a casa?

Importante, infatti, è prendersene cura seguendo alcuni consigli per evitare di farla seccare in breve tempo. Scopriamoli insieme.

Cambiate il vaso

La prima cosa da fare per mantenere in vita la nostra Dalia è quella di togliere l’involucro di carta trasparente che spesso circonda il vaso e parte della chioma. Poi, è tempo di rinvasare.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Al supermercato, infatti, questa piantina è venduta in vasi in plastica di piccole dimensioni.

Scegliete un vasetto dal diametro leggermente più grande e, preferibilmente, in terracotta o ceramica, sempre dotato di fori di drenaggio.

In questo modo, darete alle radici tuberose della pianta più spazio per espandersi ed eviterete che il vaso in plastica, con l’arrivo del caldo, si surriscaldi troppo aumentando la temperatura cui è esposta

Volete sapere tutto, ma proprio tutto, sulla Dalia? Leggete qui.

Innaffiatela un po’ in più

Quando acquistiamo la Dalia, così come molte altre piantine, al supermercato, queste sono di solito disidratate.

Innaffiatela un po’ di più del dovuto, giusto la prima volta, per permetterle di assorbire tutta l’acqua di cui ha bisogno.

Un segreto è quello di innaffiare immergendo il vaso, dotato di fori di drenaggio, in una bacinella con qualche centimetro d’acqua e lasciandolo così per circa 15 minuti.

In questo modo, non commetteremo l’errore di esagerare.

N.B: in estate, ricordate che la Dalia ha bisogno di innaffiature molto regolari. Innaffiate ogni volta in cui notate che il terriccio è ormai troppo asciutto.

Non sbagliate l’esposizione

Dare alla Dalia appena portata a casa la giusta esposizione è essenziale per garantirle una buona crescita.

Tenete conto che questa pianta è stata probabilmente a lungo nell’ambiente chiuso del supermercato e, quindi, non è molto abituata alla luce naturale.

Di solito, le dalie amano le posizioni soleggiate, anche alla luce diretta del sole.

Nelle prime settimane, però, tenetela alla luce solare indiretta in modo da abituarle a poco a poco alla luce naturale.

Se le vostre dalie hanno delle macchie marroni, il problema potrebbe essere questo.

Proteggetela dal freddo

Come abbiamo già detto, la Dalia che abbiamo appena acquistato è abituata all’ambiente chiuso del supermercato in cui la temperatura si mantiene per lo più costante.

Ecco perché, una volta portata a casa, dobbiamo evitare gli sbalzi di temperatura.

Se le teniamo in balcone o in giardino, quindi, nei primi tempi portiamole in casa durante la notte per evitare che le temperature eventualmente troppo basse possano ucciderle.

Se non vogliamo portarla in casa, proteggiamole di notte con un telo in nylon.

Ricordiamo sempre che, di solito, questa pianta ama una temperatura compresa tra i 17 e i 30 °C.

Attenzione: se nonostante i consigli di coltivazione e cura, la vostra Dalia appare deperita o morente, chiedete subito consiglio a un professionista.

Un tocco di concime

Per dare un po’ di energia alla Dalia, spesso trascurata a lungo sullo scaffale di un supermercato, una buona idea è quella di iniziare a concimarla sin da subito.

Questa pianta ha un alto fabbisogno di fosforo e potassio per poter fiorire e mantenersi fiorita a lungo.

Scegliete, quindi, un concime specifico per piante fiorite che contenga questi due elementi e somministrate regolarmente, secondo le indicazioni di produzione.

Volete provare a usare un concime naturale? Ecco qualche suggerimento.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".