Come tenere belle le Orchidee in Bagno?

L’orchidea, si sa, è una pianta abbastanza esigente.

Di origini tropicali, è diventata la pianta ornamentale più diffusa: con le sue foglie verdi e i suoi fiori dalla forma particolare riesce a rallegrare ogni ambiente.

Altra cosa risaputa è che il bagno è la stanza dove l’orchidea trova il suo habitat ideale, per via principalmente del tasso di umidità più alto che c’è in questa stanza.

Ma davvero basta mettere l’orchidea in bagno per averla sana e bella? In realtà, dovete comunque tenere una serie di accortezze e seguire alcune regole. Vediamo insieme quali sono.

Fate entrare la luce

Certamente il bagno è una delle stanze ideali per la vostra orchidea, ma solo qualora abbia almeno una finestra.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

I bagni ciechi, ossia senza aperture, non sono il massimo per questa pianta che ha bisogno di molta luce solare indiretta.

Tenetela sul davanzale, proteggendola sempre dalla luce diretta del sole.

L’ideale è tenerla dietro un vetro opacizzato o una tendina filtrante. Ricordate che, senza luce sufficiente, questa pianta andrà incontro al deperimento.

N.B: la mancata fioritura è uno dei sintomi che la pianta non sta ricevendo sufficiente luce.

Proteggetela dall’acqua

Tenere l’orchidea in bagno, può esporre l’orchidea al rischio di essere bagnata dagli schizzi d’acqua provenienti dalla doccia o dal rubinetto del lavandino.

Un’esposizione prolungata a questi può far male alla pianta, facendola apparire floscia e appesantita, per poi portarla a seccare.

Tenetela, quindi, lontana da questi getti. Se il bagno è piccolo, quando fate la doccia, portate temporaneamente la pianta in un’altra stanza.

Attenzione: se sfortunatamente la pianta è stata bagnata troppo, fatela asciugare per qualche ora alla luce del sole, svuotate il sottovaso e non innaffiate per qualche giorno.

Aprite le finestre con attenzione

I bagni sono solitamente stanze non troppo grandi. Di conseguenza, quando apriamo le finestre, soprattutto nei mesi freddi, l’aria fredda può entrare di getto e colpire la pianta.

L’esposizione a vento freddo o spifferi può danneggiare l’orchidea, causando la caduta prematura di fiori e foglie, oltre che l’assottigliarsi dello stelo.

Fate attenzione, tenendo la pianta in un punto non troppo esposto oppure schermandola con un altro oggetto che la protegga.

Innaffiate di meno

Il tasso di umidità in bagno è normalmente più alto di quello presente nelle altre stanze della casa.

Questa caratteristica è un toccasana per la pianta che, a seconda della specie e della varietà, ha bisogno di un tasso di umidità ambientale che va dal 55 a oltre l’80%.

L’orchidea è capace di assorbire l’acqua anche dall’aria che la circonda attraverso le sue foglie e le sue radici aeree. Proprio per questo, assorbirà una buona parte dell’acqua di cui ha bisogno dall’habitat in cui è collocata e avrà bisogno di meno innaffiature dirette.

Per non sbagliare, controllate sempre lo stato del terriccio e innaffiate quando risulta eccessivamente secco e arido.

Inoltre, ricordate che il modo migliore per innaffiare l’orchidea è per immersione, ossia immergendola con tutto il vaso in una bacinella o un lavandino riempiti con 3-4 cm d’acqua e lasciandola così per circa 20 minuti.

In questo modo, la pianta assorbirà solamente l’acqua di cui ha bisogno.

Allontanatela dai termosifoni e dai termoventilatori

In bagno, è molto comune tenere accesi termosifoni o termoventilatori (ossia gli scaldini da bagno).

Il calore prodotto, però, è artificiale e secco. Di conseguenza, potrebbe danneggiare la nostra orchidea.

Tenetela lontana dalle fonti di calore artificiale, favorendo il ricambio d’aria se questi strumenti sono rimasti accesi troppo a lungo.

Attenzione: non tenete assolutamente l’orchidea sopra il termosifone o sul davanzale collocato immediatamente sopra di questo. La vicinanza a una fonte di calore così vicina farebbe inaridire molto velocemente la pianta.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".