Perché la tua Maranta ha le foglie cadenti?

La popolare pianta della preghiera, scientificamente conosciuta come Maranta leuconeura, può passare dall’aspetto felice e sano ad un aspetto cadente e triste in pochissimo tempo.

Ma perché succede questo? Queste piante native del Brasile crescono in condizioni umide con abbondanza di pioggia e sole.

Anche se può essere difficile imitare il loro ambiente naturale all’interno, cercare di fornire quanta più umidità possibile può fare molto per rianimare la tua Maranta.

Se hai una pianta di Maranta con le foglie cadenti, non preoccuparti. In questo articolo parlerò delle cause più comuni di questo problema e di come risolverlo.

Scopriamolo insieme!

Non ha abbastanza umidità

Le piante della preghiera richiedono molta umidità. Sono native del Brasile, dove strisciano lungo il suolo della foresta e preferiscono condizioni calde e umide.

Uno dei motivi più comuni per cui una pianta da preghiera è floscia o cadente è che non ha abbastanza umidità. Questo può essere un grosso problema per chi vive in regioni dove l’umidità è scarsa.

Se sei sicuro che la tua Maranta ha bisogno di più umidità, ci sono alcuni semplici passaggi che puoi fare.

Anche se non esiste una percentuale perfetta, mantenere una pianta di maranta intorno o al di sopra del 50% di umidità è un buon obiettivo.

Quindi trova le stanze della tua casa con livelli di umidità più elevati (inizia con bagni, cucine e scantinati ben illuminati) e sposta la tua pianta in un punto nuovo e più umido.

Una volta che la tua pianta è stata trasferita in un’area con più umidità, inizierà a riprendersi.

In alternativa puoi vaporizzare regolarmente le foglie con uno spruzzino così da rendere l’ambiente intorno alla pianta umido per qualche ora.

Hai innaffiato poco

Una pianta di Maranta secca è una pianta triste e cadente. Poiché si tratta di piante tropicali, richiedono un terreno uniformemente umido.

Se si lasciano seccare troppo, la pianta si stresserà e potrebbe appassire o avvizzire. Ma ci sono buone notizie: di solito, un sorso d’acqua è tutto ciò di cui la tua pianta avrà bisogno per riprendersi.

Se pensi che il tuo problema sia non aver innaffiato per molto tempo, tasta il terreno inserendo il dito e sentendo l’umidità.

Se i primi centimetri di terreno sono completamente asciutti, è tempo di annaffiare la tua pianta della preghiera. Se è completamente secco, hai fatto passare troppo tempo tra un’annaffiatura e l’altra.

Tastare il terreno della tua pianta di maranta ti aiuterà a conoscere i bisogni della pianta e a sviluppare buone abitudini di irrigazione.

Quando è il momento di innaffiare la tua maranta, annaffiala accuratamente fino a quando l’acqua che metti fuoriesce dal foro di drenaggio sul fondo del vaso.

Hai innaffiato troppo

Per quanto strano possa sembrare, proprio come far seccare troppo le tue piante innaffiando poco può farle sembrare cadenti, anche innaffiare troppo avrà lo stesso effetto.

Ciò accade perché le annaffiature eccessive danneggiano il sistema radicale della tua pianta.

Quando le radici sono danneggiate, non possono funzionare correttamente, il che significa che non possono assorbire e inviare acqua e nutrienti alla pianta.

Per capire qual è il problema di irrigazione, controlla il terreno. Inserisci il dito nella parte superiore del terreno e controlla se è bagnato o umido.

In tal caso, la causa più probabile è aver dato troppa acqua. Sfortunatamente, l’annaffiatura eccessiva è molto più difficile da risolvere rispetto a quando non innaffi abbastanza.

Se la tua pianta è cadente perché è rimasta troppo bagnata per troppo tempo, c’è una forte possibilità che le radici abbiano iniziato a marcire e dovranno essere tagliate prima che marcisca tutta la pianta.

Per rimediare, togli la pianta dal suo vaso e lasciala asciugare. Ciò velocizzerà il processo di asciugatura e ti consentirà di tornare alla normalità più rapidamente.

Se scopri che la tua pianta ha il marciume radicale, taglia qualsiasi radice che non sia bianca, carnosa e sana prima di rinvasare in un nuovo terreno e in un nuovo vaso.

Troppa luce solare

Le piante di Maranta possono essere pignole quando si tratta del sole di cui hanno bisogno.

La regola pratica ufficiale è che una Maranta non dovrebbe mai essere esposta al sole diretto, ma dovrebbe essere esposta ad una luce intensa e indiretta per sei o più ore al giorno.

Se la tua pianta di Maranta è cadente, appassita o ha foglie marroni, prova a capire la quantità di sole che riceve.

Anche se non muore all’istante con l’esposizione al sole diretto, un’esposizione troppo intensa o eccessiva alla luce farà sbiadire e appassire la tua pianta.

Se ciò accade, le foglie perderanno i motivi colorati e diventeranno marroni sulle punte.

Se sospetti che troppo sole sia ciò che disturba la tua pianta, spostala più lontano dalla finestra o posizionala in un’area in cui la luce viene filtrata (come attraverso una tenda chiara).

Dopo aver spostato la tua pianta, continua a fornirle le sue solite cure e vedi se migliora.

Acqua del rubinetto

Questo motivo non è il primo a cui molte persone pensano quando notano che la loro pianta di maranta ha le foglie cadenti, ma il tipo di acqua che usi per le tue piante può essere importante.

L’acqua del rubinetto è spesso dura e provoca un accumulo di minerali nel terreno della pianta. Questo accumulo può bruciare le radici e impedire loro di assorbire acqua e sostanze nutritive.

Uno dei primi segni che la tua pianta soffre per il tipo di acqua che usi è una polvere bianca lungo il bordo del vaso: si tratta di un accumulo di calcio.

Il modo più semplice per risolvere questo problema è raccogliere l’acqua piovana per le tue piante.

Il modo migliore per farlo è posizionare un secchio o un contenitore pulito ovunque l’acqua fuoriesca da un tetto.

In alternativa, è possibile utilizzare acqua distillata per innaffiare la Maranta. Sebbene non sia eccezionale come l’acqua piovana, l’acqua distillata è un’opzione migliore dell’acqua del rubinetto.

Inoltre, per imitare il processo di distillazione a casa, riempi il tuo annaffiatoio e lascialo sul bancone per 24 ore.

In questo modo, molte delle sostanze chimiche aggressive nell’acqua del rubinetto evaporeranno e avrai acqua più pulita da usare sulle tue piante della preghiera.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.