Le belle foglie della Sansevieria Cylindrica stanno improvvisamente appassendo. Che succede?

La sansevieria Cylindrica e tra le piante che spesso troviamo al supermercato, con lunghe foglie dalla forma cilindrica e appuntita, slanciate verso l’alto con cappucci di stoffa colorata.

È particolarmente adatta per ogni genere di ambiente nelle nostre case poiché resistente a qualsiasi tipo di condizione.

Tuttavia, come ogni pianta, ha i suoi punti deboli. Le foglie carnose potrebbero improvvisamente mostrare segni di sofferenza e cominciare a raggrinzire e avere un aspetto secco.

C’è qualcosa che hai sbagliato nell’avere cura della sansevieria? Vediamo insieme cosa può essere accaduto.

Shock da ambiente

Se noti drastici cambiamenti all’aspetto delle foglie non appena hai portato a casa la tua sansevieria Cylindrica allora la pianta potrebbe essere affetta da uno shock ambientale.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Nel portare la pianta a casa questa ha drasticamente cambiato ambiente e quindi sono drasticamente cambiati fattori quale luce, umidità e temperatura.

Essendo tra i fattori vitali per una pianta, il loro cambio repentino può portare a delle conseguenze che si mostrano immediatamente sulle foglie.

In questo caso, non ti resta che potare la foglia danneggiata poiché vi è poco da fare. Assicurati di dare alla tua sansevieria le condizioni ideali.

Una luce brillante ma indiretta, una temperatura che non vada al di sotto dei dei 15 ° e innaffiature diradate poiché il marciume radicale è quanto di più pericoloso per questa pianta.

Anche se la sposti da una stanza all’altra dovresti farlo in modo graduale soprattutto se le stanze hanno temperature diverse.

Marciume radicale

Il marciume radicale e quanto di più pericoloso vi sia per una sansevieria. Questa pianta ha delle foglie che contengono una percentuale di acqua molto alta, per questo motivo non ha bisogno di innaffiature abbondanti poiché non sarebbe in grado di assorbire dal terriccio l’umidità in eccesso.

L’apparato radicale di questa pianta marcisce facilmente per questo motivo assicurati di dare acqua una volta al mese in inverno, e una volta ogni 15 giorni in estate.

In caso di marciume radicale devi necessariamente rinvasare la tua pianta dopo aver potato le radici marce.

Con cesoie ben disinfettate taglie via le radici annerite e maleodoranti e rinvasa la sansevieria solo dopo aver cosparso l’apparato radicale con un prodotto fungicida.

Prima del rinvaso lascia asciugare l’apparato radicale per qualche giorno e prepara una nuova miscela che possa contenere la giusta quantità di torba, sabbia e materiali grossolani come lapilli, affinché abbia caratteristiche drenanti.

Shock termico

Se tieni la sansevieria cylindrica sul davanzale di una finestra devi assicurarti che la pianta non sia esposta a correnti d’aria.

Se utilizzi quella stessa finestra per arieggiare la stanza è opportuno che tu sposti la pianta in un luogo più adatto poiché la sansevieria odia le correnti d’aria, soprattutto quelle fredde del periodo invernale.

Questo può causare un’istantanea sofferenza alle foglie che potrebbero improvvisamente macchiarsi o seccare.

La stoffa sulle foglie la soffoca

La maggior parte degli esemplari della sansevieria Cylindrica vengono venduti con le foglie dalle punte ricoperte da stoffa colorata. Si tratta di un processo tutt’altro che naturale: la stoffa viene incollata sulla foglia che chiaramente non riesce ad assorbire da quella superficie né luce né ossigeno.

Nonostante la bellezza dell’effetto garantita dalla stoffa colorata sulle foglie, questa stessa stoffa potrebbe soffocare le foglie e farle gradualmente seccare.

Se non arreca danno alla foglia puoi provare a staccare la stoffa dalla superficie fogliare e permettere alla pianta di respirare al meglio.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.