Sansevieria cylindrica: come curarla

La Sansevieria cylindrica è una pianta molto comune che viene coltivata come pianta d’appartamento.

Si tratta di una varietà di Sansevieria che è riconoscibile per le sue foglie cilindriche (da qui il nome!) molto spesse e succulente.

Proprio perché è una pianta che possiamo considerare quasi succulenta, non ha bisogno di molte cure, anzi spesso la dimentichiamo lì sulla mensola di casa e lei continua a vivere tranquillamente.

Tuttavia, bisogna conoscere alcune regole per tenere la pianta in salute e sempre bella.

Ecco come curare la Sansevieria cylindrica!

Attenzione: come altre varietà del genere Sansevieria, tutte le parti della pianta sono tossiche per gli animali domestici e le persone, se ingerite.

Sansevieria con punte colorate

La moda del momento: la sansevieria cylindrica con punte colorate. Questo tipo di Sansevieria è stata creata da una compagnia olandese ed è subito diventata molto popolare.

Le punte colorate sono ottenute con una pittura che dà un effetto di velluto e i colori sono molto accesi: le puoi trovare con punte viola, blu, gialle e così via.

Tuttavia, bisogna dire che non è un processo naturale, quindi per quanto siano molto carine da vedere, non fa molto bene alla pianta avere sulle foglie questa pittura che non permette una corretta fotosintesi.

Ma c’è da dire che la Sansevieria è una pianta molto resistente quindi sopporta anche questo.

Non ti consiglio di eliminare lo strato colorato poiché rischieresti che, raschiandola, venga via anche lo strato di tessuto naturale della foglia.

Varietà

Sono disponibili solo alcune varietà di Sansevieria cylindrica, tra queste:

  • Sansevieria cylindrica “Spaghetti“: questa cultivar è caratterizzata da foglie particolarmente sottili
  • Sansevieria cylindrica “Skyline”: questa cultivar sfoggia foglie grandi ed erette
  • Sansevieria cylindrica “Patula”: le foglie di questa pianta crescono verso l’esterno e si piegano più della maggior parte delle altre varietà

Come trattare la sansevieria cylindrica?

Le piante di Sansevieria cylindrica sono molto facili da curare e puoi trattarle proprio come delle piante succulente.

Sopravviveranno anche se dimentichi di annaffiarle o di dare del concime e possono crescere anche se le radici sono in un vaso molto piccolo.

Sono piante resistenti che in genere non hanno problemi con malattie o parassiti e non sono molto esigenti.

Anzi, è più facile che tu la curi troppo e finisca per innaffiarle o nutrirle troppo. Durante la stagione di crescita (dalla primavera all’autunno) apprezzeranno qualche annaffiatura in più e un po’ di concime.

Mentre, durante l’inverno, non devi concimarla e dovrai innaffiarla pochissimo.

Rinvaso e moltiplicazione

In genere non ha bisogno di potature la Sansevieria cylindrica, ma puoi rimuovere le foglie che sono molto ingiallite o rovinate (ma capiterà raramente). Basta tagliarle alla base con forbici da potatura sterilizzate.

Puoi anche togliere i nuovi germogli che spuntano dal terreno per creare nuove piante.

Aspetta che queste piante siano alte almeno 10-15 centimetri prima di rimuoverle dalla pianta madre e piantarle in un vaso nuovo.

Se stai coltivando la tua pianta in un vaso, probabilmente non dovrai rinvasarla spesso: rinvasa in un vaso più grande solo quando le radici sono cresciute tantissimo e fuoriescono dal vaso o addirittura lo deformano.

Scegli un vaso di poco più grande, poiché le radici della Sasevieria crescono meglio se stanno strette.

Un vaso pesante (tipo di terracotta) poco profondo e largo è la scelta migliore, poiché manterrà il peso delle foglie man mano che crescono: altrimenti, la tua pianta potrebbe facilmente ribaltarsi.

Inoltre, assicurati che il vaso abbia ampi fori di drenaggio.

Quanto innaffiare la Sansevieria cylindrica?

Le piante di Sansevieria cylindrica possono sopravvivere a lunghi periodi di siccità.

Anzi, se lasci la pianta in un terreno zuppo d’acqua per troppo tempo questo può far marcire le radici.

Lascia asciugare bene il terreno tra un’annaffiatura e l’altra, quando il terreno è completamente asciutto innaffia in modo uniforme la pianta.

In genere è sufficiente annaffiare una volta al mese d’inverno, una volta ogni due settimane in estate.

Se stai coltivando la tua pianta in vaso, assicurati di svuotare il sottovaso dall’acqua in eccesso che scorre attraverso i fori di drenaggio.

Luce e terreno giusto

Queste piante possono sopportare anche un ambiente con poca luce, anche se crescono meglio se ricevono una luce filtrata ma brillante.

All’esterno apprezzeranno il sole leggero della mattina ma proteggi la sansevieria dal caldo sole del mezzogiorno.

All’interno preferiscono stare vicino una finestra luminosa esposta a nord. Una luce troppo forte può far ingiallire le foglie.

Come la maggior parte delle piante grasse, queste piante preferiscono un terreno sabbioso che ha un ottimo drenaggio e non trattiene l’acqua.

Concime

La Sansevieria cylindrica cresce naturalmente in climi caldi e secchi e le temperature fredde possono danneggiarle o ucciderle.

Per quanto riguarda il concime, le piante di sansevieria cylindrica possono vivere in un terreno non troppo ricco e non hanno bisogno di molto concime.

Ma se vuoi tenere la pianta in perfetto stato, concima con un fertilizzante per piante grasse diluito con acqua.

Quando e quanto devi concimare? Una volta al mese dalla primavera all’autunno può bastare. Durante l’inverno non è necessaria alcuna concimazione.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.