Fai caso a questi Segni sulla Sansevieria per scongiurare il marciume

Sebbene le piante di Sansevieria siano piante molto resistenti, sono abbastanza sensibili ai problemi di umidità del suolo. Irrigare eccessivamente la pianta può causare marciume radicale e altri problemi.

Quindi, quali sono i segni specifici e come si salva una pianta di sansevieria troppo zuppa?

Le piante di Sansevieria sono soggette ad annaffiature eccessive che spesso causano problemi indesiderati che iniziano ad apparire sulle foglie.

Questa guida ti aiuterà a capire quando la tua pianta di sansevieria mostra i segni di marciume e come prevenire e salvare la pianta dalla morte a causa del ristagno idrico!

Foglie molli

Quando le foglie delle piante di sansevieria assorbono acqua in eccesso, c’è un danno significativo alla struttura delle cellule fogliari.

Le foglie alla fine soccombono a causa dell’eccessivo assorbimento di acqua. Le foglie di Sansevieria diventano mollicce quando la pianta è troppo annaffiata.

Una pianta di Sansevieria sana ha foglie verdi che stanno in piedi dalla base della pianta. Le foglie devono essere sane perché trattengono l’acqua che è stata assorbita dal terreno e la rilasciano gradualmente nei tessuti.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Dunque se le foglie sono molli e marce non possono assolvere a questa funzione e la pianta man mano morirà.

Terreno maleodorante

Il marciume radicale è una condizione pericolosa causata da funghi e infestazioni batteriche sulle radici della tua pianta.

Una delle principali cause del marciume radicale è l’irrigazione eccessiva, in cui il terreno rimane umido per lunghi periodi.

I terreni pesanti che non si asciugano in fretta e forniscono un ambiente adatto a funghi e batteri che distruggono le radici delle piante, facendole marcire.

Puoi capire rapidamente se la tua pianta soffre di marciume radicale annusando il terreno. Una pianta con le radici marce emana dal terreno un odore appunto di marcio.

Osserva il colore delle radici

La Sansevieria che soffre di un’infezione fungina a causa dell’eccesso di acqua.
Questo è anche un segno che è necessario controllare le radici per ulteriori segni di marciume radicale.

Una pianta sana ha radici bianche e sode. Se noti che sezioni delle radici diventano marroni (arancioni o talvolta nere), è possibile che la tua pianta soffra di marciume radicale.

È meglio rimuovere le radici colpite, lavare la pianta con acqua e trapiantare in un nuovo terriccio per salvare la pianta di sansevieria dall’eccesso di acqua.

Foglie cadenti

Le foglie cadenti indicano chiaramente che c’è un problema con la tua pianta di sansevieria.

Sebbene anche la mancanza d’acqua e la carenza di nutrienti possano far cadere le foglie della tua pianta, il motivo più comune per una pianta di serpente cadente è troppa acqua.

Se noti che le foglie della tua pianta di sansevieria appaiono cadenti, inizia controllando il terreno:

  • Il terreno umido indica che hai innaffiato troppo la tua pianta
  • Se il terreno è asciutto, puoi valutare fattori aggiuntivi come la temperatura, il mezzo di invasatura, lo stress o persino l’immersione nelle piante di serpente
  • Nota che le foglie cadenti della pianta del serpente possono anche significare che la pianta soffre di marciume radicale

Come trattare il marciume radicale nella Sansevieria

La prima cosa da fare è rimuovere la pianta dal vaso ed eliminare il terreno dalle radici. È fondamentale esporre completamente le radici lavando via tutto il terreno per fornire una stima accurata di quanto è arrivato il danno.

Pota tutte le parti colpite assicurandoti che solo le radici sane siano lasciate al loro posto.

Puoi anche strofinare il fungicida (usa la cannella se non hai un fungicida specifico) sulle zone sane dopo aver potato le radici malate per prevenire future diffusioni della malattia fungina.

Lascia asciugare le radici per alcune ore prima di trapiantarle in un vaso disinfettato con un nuovo terriccio.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.