Anche il Ciclamino odia il freddo! Ecco i Trucchi dei vivaisti per non sbagliare mai!

I suoi sono tradizionalmente considerati “i fiori del freddo“: parliamo del ciclamino.

Questa pianta è una bulbosa molto amata come ornamentale e utilizzata per decorare balconi o davanzali.

Le sue foglie sono piccole, eleganti e verde con sfumature scure. I fiori, dalla forma unica, hanno diverse tonalità di colore.

Intorno a questa pianta sono nate varie dicerie di coltivazione e cura: si dice, in modo generico, che il ciclamino ami il freddo e fiorisca con le basse temperature.

In realtà, non è affatto così!

Vediamo quali sono le temperature ideali per questa pianta e dove è meglio metterla per mantenerla rigogliosa e bella.

Temperature giuste

Il ciclamino non sopporta il freddo. Quando le temperature scendono costantemente sotto i 5 °C, perde i fiori e può seccare prematuramente.

Questa pianta, in realtà, ama il fresco. Quando le temperature si aggirano intorno ai 13-15 °C, dà il meglio di sé, iniziando a fiorire e crescendo.

Ecco perché questa pianta comincia a fiorire proprio nei mesi autunnali, quando il freddo non è ancora troppo intenso.

Di solito, invece, quando le temperature si abbassano troppo, la fioritura si arresta.

Attenzione: se pur tenendo questa pianta alle temperature giuste, la vedete appassire, il problema potrebbe essere un altro. Chiedete consiglio al vostro fioraio o giardiniere di fiducia.

Dove tenerlo

Adesso che conosciamo quali sono le temperature ottimali per questa pianta, dobbiamo capire qual è il posto migliore dove tenerla.

In generale, il ciclamino è una pianta da appartamento e, quindi, va tenuto preferibilmente in casa.

Al massimo, tenetelo all’esterno durante la prima parte dell’autunno quando le temperature non sono ancora troppo basse, per poi portarlo in casa non appena scendono costantemente sotto i 10 °C.

Sul davanzale

Uno dei luoghi ideali è sicuramente il davanzale di una finestra, preferibilmente con un vetro opacizzato o una tendina filtrante.

Qui, infatti, il ciclamino riceve tutta la luce di cui ha bisogno senza che questa sia eccessivamente forte e tale da danneggiare i boccioli più delicati di questa pianta.

Ricordate, però, di fare attenzione agli spifferi che possono passare tra le ante della finestra.

Sul tavolo o un mobiletto

Un altro posto adatto dove potete tenere questa pianta è sul tavolo o un mobiletto, purché non siano troppo lontani dalla finestra.

La luminosità è, infatti, essenziale per una fioritura abbondante e lunga.

Non tenete assolutamente questa pianta in luoghi bui o non sufficientemente illuminati.

Lontano dalle fonti di calore artificiale

Importante è tenere il ciclamino lontano dalle fonti di calore artificiale come stufe, termosifoni o camini.

Spesso, infatti, commettiamo l’errore di sottovalutare il rischio del caldo artificiale secco: questo può alterare il ciclo vegetativo della pianta, facendola inaridire e portando le foglie a ingiallire.

E quando fa caldo?

In molti si chiedono dove sia opportuno tenere il ciclamino quando, invece, le temperature aumentano.

In questi periodi, la pianta può essere portata anche all’esterno purché sia collocata in un luogo luminoso, ma non troppo soleggiato, e dove le temperature non siano troppo alte.

L’ideale è metterla al riparo, magari spostandola anche a mezz’ombra.

Durante la primavera e l’estate, il ciclamino tende a entrare in un periodo di riposo in cui si blocca la sua attività vegetativa e la pianta recupera le forze per la fioritura successiva.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".