Ottieni dalla tua Yucca nuovi germogli sul tronco in questo modo!

La yucca, più comunemente nota come tronchetto della fortuna o della felicità, ha la caratteristica di essere una spilungona.

Cresce in altezza, quasi all’infinito, riservando le foglie solo sulla sua cima, lasciando tronchi lunghissimi, anche difficili da gestire.

Il tronchetto, con la sua corteccia dura, resta spesso pieno di foglie secche, cadenti verso il basso, spesso anche sgradevoli da vedere.

Ma c’è un modo per riuscire ad ottenere nuovi germogli su tutto il tronco della yucca?

Vediamo insieme con quali metodi semplici e veloci posso ottenere tanti nuovi germogli lungo tutto il tronco altissimo del tronchetto della felicità.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Gratta il tronco

Un buon modo per riuscire ad ottenere nuovi germogli lungo il tronco alto e legnoso della yucca è quello di raschiare in alcuni punti.

Innanzitutto, tira via tutte le foglie secche. Ti basta tirarle verso il basso così da ripulire per bene tutto il tronco fino alle foglie ancora verdi.

Indossa dei guanti di protezione poiché le foglie sono abbastanza seghettate lungo i bordi e potresti tagliarti.

Procurati un coltello ben affilato e fai in modo di disinfettarlo per bene così da non arrecare danno alla pianta durante questa operazione.

Scegli dei punti lungo il tronco partendo da sotto la corona e pratica dei tagli profondi alcuni millimetri e lunghi un paio di centimetri.

Da questi tagli praticati sul tronchetto potrebbero nascere nuovi germogli.

Taglia la cima

Un altro metodo, il più sicuro per ottenere nuovi germogli dal tronco, è quello di decapitare la pianta.

Arrivata ad una certa altezza, la yucca diviene senz’altro ingestibile e spesso si fa in modo di disfarsene, soprattutto se coltivata in casa.

Niente di più sbagliato. Infatti, devi semplicemente scegliere l’altezza che preferisci e con una lama seghettata e ben disinfettata dare un taglio netto al tronco.

Il taglio va fatto in orizzontale nel rispetto dei nodi, cioè di quei punti in cui erano attaccate le foglie che hanno lasciato sul tronco degli anelli ben visibili.

In questo modo mi assicuro di tagliare su un tessuto detto “meristematico”, cioè un punto favorevole alla produzione di nuovi germogli.

Assicurati di coprire il punto in cui hai tagliato con della cera, quella delle candele, che lascerai colare sul taglio così da favorire la cicatrizzazione e impedire infezioni.

Nel giro di qualche mese vedrai spuntare nuovi germogli intorno al punto di taglio.

Cosa faccio con i tagli?

La cima ricavata dalla pianta precedente può essere utilizzata per propagare la tua yucca e ottenere una nuova pianta.

Ripulisci la cima tagliata dalle foglie basali e inseriscila in un mix di terriccio composto per il 50% da torba e il 50% da perlite.

Mantieni il terriccio umido così da stimolare la produzione di radici alla base del taglio, ma senza esagerare con l’acqua o l’unico risultato che otterrai sarà farlo marcire.

Puoi propagare la tua yucca non solo con la cima ottenuta dalla pianta madre, ma anche da pezzi di ramo che hai tagliato per accorciare la tua pianta madre.

Se la pianta madre è troppo alta puoi accorciarla e tagliare la parte di tronco scartata in ulteriori pezzi da almeno 20 cm.

Rinvasali allo stesso modo della cima e da ogni tronchetto ottenuto potrai veder germogliare una nuova pianta di yucca che potrai utilizzare per dare un tocco tropicale ad ogni angolo di casa o del tuo giardino.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.