Se le Rose hanno le foglie bucate e mangiucchiate c’è un modo per averle rigogliose

Guardare le proprie rose progredire da piccoli boccioli verdi a fioriture lussureggianti è un’esperienza piena di soddisfazione.

Sfortunatamente, diversi insetti distruttivi sembrano desiderosi di trasformare la soddisfazione in pena.

Accade che delle foglie possono apparirci bucate o interamente mangiucchiate e questo dà un aspetto alle nostre rose che non ci piace per niente. Ma non è solo questo che deve preoccuparci; ricordiamo che le foglie sono le principali fonti di energia perché assorbono la luce.

Controllare i parassiti delle rose non è difficile, ma sai riconoscerli?  Vediamo insieme perché la tua rosa ha le foglie bucate.

Cetonia

Grandi buchi irregolari sulle foglie di rosa, di cui resta solo lo scheletro, possono segnalare che sono arrivate le cetonie.

È possibile identificare questi coleotteri verdastri, dalle loro zampe appuntite, rosso-arancio e dai danni rapidi ed estesi.

Le cetonie prendono di mira fiori e foglie, lasciando intatte le piccole venuzze e divorando il tessuto verde nel mezzo.

Le cetonie adulte emergono dal terreno in tarda primavera per iniziare a banchettare con le rose.

Argidi

Questi parassiti sembrano piccole mosche. Nel momento della deposizione delle uova vanno a lesionare i rametti teneri e non ancora lignificati.

Il rametto attaccato cresce storto, nei casi più gravi rimane secco nella parte al di sopra del punto di deposizione delle uova.

Dalle uova, a metà primavera, nascono delle larve, simili a bruchi verdi. Anche le larve sono pericolose.

Sottili, traslucide macchie sulle foglie di rosa rivelano che le larve di argidi sono al lavoro. Questi parassiti, di solito, si nutrono di notte della superficie fogliare, senza mangiare fino in fondo la foglia.

Lasciano dei buchi con una patina che sembra carta e le venature delle foglie.

Coleotteri Giapponesi

Grandi buchi fatti rapidamente, dilaganti e tardo-primaverili possono indicare la presenza di coleotteri giapponesi sulle tue rose. 

Questi parassiti si nutrono durante le ore diurne e sono facilmente identificabili dai loro corpi verde metallico, dalle ali di bronzo ramato e dai piccoli punti bianchi.

Questi insetti masticatori lasciano solo lo scheletro delle foglie e divorano boccioli di rose e fiori nella loro interezza.

I coleotteri adulti emergono dal terreno in tarda primavera e all’inizio dell’estate. Per intere settimane le rose e altre piante sono soggette a danni intensi.

Come intervenire

Ci sono diverse cose che puoi fare per prevenire l’attacco di questi parassiti che possono distruggere le rose che stai coltivando.

Rivolta il terriccio

Nel periodo autunnale, da novembre in poi, rivolta la terra delle aiuole vicino alle tue rose o quella dei vasi.

In questo modo esporrai al freddo dell’inverno le uova deposte di alcuni parassiti come le cetonie.

Pota le tue rose

A fine estate, dopo un’infestazione, è bene potare le rose, privandole di quasi tutte le foglie. In questo modo saprai con sicurezza di aver liberato la tua rosa.

Questo vale anche per i rami che ti sembrano lesionati. Ricorda che gli argidi adulti si concentrano soprattutto sui rami.

In primavera, quando vedrai le prime foglioline, tienile d’occhio. Assicurati che sia sotto che sopra non vi siano nuovi parassiti. Se ne ritrovi alcuni, pota le poche foglie infestate.

Alleati naturali

Puoi ricorrere a rimedi naturali e fai da te, semplici da preparare come un macerato di ortiche, da spruzzare abbondantemente sulla pianta per un’infestazione moderata o sversarlo nel terriccio sottostante la tua rosa.

Anche l’aglio è un buon alleato, soprattutto per combattere i coleotteri giapponesi. Puoi farne bollire un po’ in acqua e, solo una volta raffreddato, spruzzarlo sulle foglie abbondantemente.

Insetticidi biologici

Un insetticida comune da banco è il cosiddetto olio di Neem, che agisce contro questi parassiti una volta spruzzato su tutta la pianta. Vacci piano però: la sua consistenza, se usato in modo massiccio, potrebbe soffocare le foglie.

Nello spruzzare attieniti alle indicazioni e non esagerare. Fossi in te mi concentrerei più su steli e sul lato inferiore delle foglie.

Hai mai sentito parlare delle piretrine? Si tratta di pesticidi biologici ricavati dal piretro, un fiore, molto efficaci per argidi e altri parassiti ghiotti di foglie.

Anche se naturale, bisogna fare attenzione nell’utilizzarlo poiché colpisce molte varietà di insetti, anche quelli innocui per le tue rose, come quelli che si occupano dell’impollinazione.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.