Come avere la tua Stella di Natale XXL?

È tempo di Stelle di Natale! Foglie rosse a forma di stella e piccoli fiorellini gialli al centro, ma lo sapevi che ci sono anche quelle grandi a forma di albero?

La dimensione tipica di una stella di Natale comune, venduta durante le feste, è quella di una pianta giovane con un vaso da piccolo a medio.

Tuttavia se riesci a tenere la tua stella per qualche anno noterai che crescerà in altezza.

Alcuni vivai hanno addirittura direttamente la versione XXL della stella di Natale, ma vediamo insieme come curarla e soprattutto come ottenerla!

Evita la potatura

Se quest’anno hai preso una stella di natale di dimensioni contenute ma vuoi farla crescere dovrai solo continuare a curarla anche dopo le feste.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Ma c’è un modo per far sì che cresca in altezza a mo’ di alberello: evitare la potatura.

In genere, dopo le feste la stella di natale tende a perdere le sue foglie e a lasciare soltanto gli steli.

In questo caso hai due possibilità: se vuoi mantenere la dimensione bassa e cespugliosa della stella allora dovrai potare gli steli almeno di 1/4; se invece vuoi che continui a crescere dovrai saltare questo passaggio.

La stella si svilupperà in altezza e l’anno successivo avrai una pianta dal fusto allungato con foglie rosse e verdi sulle estremità.

Curala nel modo giusto

Ovviamente per fare in modo che la tua pianta di Euphorbia pulcherrima duri nel tempo, anzi negli anni, dovrai essere attento alle sue esigenze.

I due fattori fondamentali che garantiscono alla pianta salute e longevità sono sicuramente luce e acqua.

Luce giusta

Scegli un posto definitivo per la tua stella di Natale dove possa crescere sana e rigogliosa.

Una stanza che che sia luminosa e raggiunta dai raggi solari indiretti sarebbe perfetta, ancora meglio se posizioni la pianta vicino ad una finestra esposta a sud o ad est.

Abbi cura però di filtrare la luce diretta del sole almeno con una tenda chiara per evitare di bruciare le foglie.

Innaffia correttamente

Innaffia la stella di Natale solo quando lo richiede e ne ha bisogno.

Ma come capirlo? Basta fare la prova del dito indice e se anche in profondità il terreno è umido ti toccherà aspettare che si asciughi.

Non cadere nell’errore di innaffiare solo guardando la superficie del terreno, anche se ti sembra asciutta, perché è la prima parte ad asciugarsi ma al di sotto potrebbe essere ancora molto umido.

Come comportarsi nella fase di riposo

Dopo la fioritura la stella di Natale entra nella fase di dormienza o di riposo.

In questa fase potrai sospendere le innaffiature, o meglio riducendole al minimo essenziale, bagnando cioè il terreno solamente per evitare che si secchi completamente.

Le innaffiature vengono ridotte perché la pianta non ha più la chioma folta da sostenere e nutrire ma in questa fase si limita a vegetare e a sopravvivere.

Solo quando in autunno iniziano di nuovo a diminuire le ore di sole del giorno, la pianta riceve l’input ad una nuova fioritura.

In quel caso dovrai riprendere le normali innaffiature per sostenere la fioritura imminente.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.