Hai trovato della muffa sul tuo Ficus Bonsai? C’è un metodo per recuperarlo

Coltivare un bonsai non è sempre facile, ma è divertente e impegnativo allo stesso tempo.

Ma a volte non importa quanto tu sia diligente e accorto nel curare la tua pianta, ci saranno momenti in cui il bonsai sarà colpito da un’infezione, dalla muffa o da una malattia.

Identificare e sapere come sbarazzarsi della muffa su un bonsai è fondamentale per garantire che la tua pianta rimanga sana.

Vediamo insieme il metodo per recuperare il tuo ficus bonsai che presenta muffa bianca!

Perché compare la muffa

Esistono numerose malattie fungine che possono colpire il tuo bonsai. Queste malattie possono colpire il fogliame, le radici o i rami.

Nella maggior parte dei casi, sono causati dall’esposizione della pianta a condizioni di umidità prolungata.

Quando il terreno è troppo umido per troppo tempo può contribuire alla crescita di muffe e funghi. Anche se i bonsai hanno un forte meccanismo di difesa, se le condizioni di umidità continuano, la pianta può subire dei danni.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Un’infezione fungina poco diffusa di solito non è molto grave e può essere trattata abbastanza facilmente.

Tuttavia, muffe estese o attacchi di funghi prolungati possono finire per danneggiare gravemente l’albero dei bonsai e richiedere misure più drastiche.

Sintomi della malattia

Numerosi tipi di malattie, muffe, funghi e virus che possono colpire una pianta bonsai. L’albero potrebbe mostrare alcuni segni per farti sapere che è in difficoltà.

Di solito, un bonsai con muffe o malattie mostrerà almeno uno di questi sintomi:

  • Foglie distorte o scolorite
  • Perde foglie quando non è la stagione giusta
  • Foglie che iniziano a ingiallire, appassire, seccare o cadere
  • Crescita rallentata
  • Rami che iniziano ad appassire
  • Nuove foglie che iniziano a mostrare segni di sofferenza a partire dalle punte

Se trovi prove di malattia o di muffa, la tua priorità è impedire che si diffonda ad altre aree della pianta. È anche importante evitare che la malattia si diffonda su altre piante vicine al bonsai infetto.

Come eliminare la muffa dal Bonsai

La muffa è un tipo di fungo che prospera in un ambiente umido, soprattutto quando non c’è abbastanza luce solare e c’è poca ventilazione.

Potresti notare che la muffa inizia a formarsi su fogliame, rami o steli. Può causare scolorimento, crescita distorta e deperimento.

Una volta che hai notato la muffa, tutti i germogli e le foglie interessate devono essere rimosse. Spruzza il bonsai con un fungicida per evitare che si diffonda.

Assicurati di spostare il tuo bonsai in un’area con più ventilazione e luce solare adeguata.

Anche quando foglie morte e detriti si accumulano attorno alle piante bonsai, si crea un ambiente umido che incoraggia la crescita di muffe.

Avere il terreno troppo umido può portare anche al marciume radicale oltre alla crescita di funghi e muffe.

Cerca di non innaffiare troppo spesso la pianta e aspetta che il terreno si asciughi tra un’annaffiatura e l’altra.

Rimozione della muffa dalle radici del bonsai

Quando le radici vengono attaccate da funghi o muffe, di solito è perché sono state troppo bagnate per troppo tempo.

Il modo più efficace per combattere la muffa della radice dei bonsai è rimuoverla completamente.

Potresti notare che le radici cambiano colore passando da un marrone sano al nero. Possono anche avere uno strano odore.

Per trattare le radici colpite, il bonsai dovrà essere ripiantato.

La maggior parte delle persone tiene i bonsai in un vaso, quindi è più facile rimuovere tutto il terreno e scartarlo.

Assicurati di ripiantare il bonsai in un vaso più adatto che dreni correttamente l’acqua delle annaffiature.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.