Ficus bonsai: 5 trucchi per mantenerlo sempre sano e rigoglioso

Se stai cercando di entrare a far parte dell’antica arte giapponese del Bonsai, un ottimo punto di partenza è un Ficus Ginseng.

Sembra fantastico e richiede cure minime rispetto ad altri tipi di Bonsai, che possono essere piuttosto difficili da mantenere.

Il Ficus fa parte della famiglia delle Moraceae e cresce in tutte le regioni tropicali del mondo, in particolare, il Ficus Ginseng è originario del sud-est asiatico.

Ma non preoccuparti se ti avvicini ora alla coltivazione di un bonsai di ficus ginseng, ti guiderò alla sua cura con 5 trucchi e consigli per mantenerlo sempre sano e rigoglioso.

Scopriamolo insieme!

Proteggilo da correnti d’aria

Una prima regola per mantenere sano il tuo bonsai di ficus ginseng è non esporlo mai a correnti d’aria fredda o a sbalzi di temperatura.

Devi seguire questa regola fin dal primo momento in cui lo porti a casa dal vivaio o dal negozio in cui lo hai recuperato: soprattutto se sei in inverno cerca di proteggere la tua pianta da correnti d’aria fredda.

In teoria, il limite di temperatura sotto cui il bonsai non deve essere mai esposto è quello dei 15 gradi centigradi: cerca di tenerlo riparato da finestre aperte o spifferi.

Scegli il posto giusto

Il ficus Bonsai è un albero da interni che non sopporta il gelo, quindi è importante scegliere il posto giusto per la tua pianta.

Può essere tenuto all’aperto in estate finché le temperature sono superiori ai 15°C.

Richiede molta luce, quindi assicurati di non posizionarlo in un luogo ombreggiato.

La temperatura dovrebbe essere mantenuta relativamente costante.

I ficus possono sopportare una bassa umidità a causa delle loro foglie spesse e cerose, ma preferiscono un’umidità più elevata.

Posiziona la pianta in un ambiente umido o scegli il modo più adatto per aumentare l’umidità intorno alla pianta come posizionare il vaso su un sottovaso di argilla espansa inumidita o posizionare un umidificatore in casa.

Come evitare che perda le foglie

Uno dei problemi più comuni per chi coltiva un bonsai di ficus è la perdita improvvisa di foglie ma, se conosci bene i fattori che contribuiscono a questo problema, potrai evitare che perda le foglie.

Come già detto, i bonsai da interno dovrebbero essere mantenuti ad una temperatura superiore a 15°C durante tutto l’anno, il che significa che nella maggior parte dei climi devono essere tenuti al chiuso durante l’inverno.

La maggior parte delle specie di Bonsai da interno non lascia cadere le foglie, a meno che non ci sia un problema:

  • L’eccessiva annaffiatura è una causa della perdita di foglie: soprattutto quando il Bonsai da interno è piantato in un terreno che trattiene troppa acqua. Ciò porterà al marciume radicale, visibile solo nell’albero che fa cadere le foglie. Dovresti annaffiare solo quando il terreno diventa leggermente asciutto.
  • Se lasci seccare troppo il terreno: un Bonsai è posto in un vaso minuscolo e quindi non ha molte riserve. Se dimentichi di innaffiare il tuo albero, le radici muoiono e l’albero morirà. Mentre con l’eccessiva irrigazione l’albero perderebbe lentamente forza, con l’irrigazione insufficiente l’albero perderà le foglie in pochi giorni. Assicurati di tenere d’occhio il tuo albero e non dimenticare di annaffiarlo.
  • Poca luce: un altro problema, soprattutto quando un Bonsai è collocato all’interno, è la scarsa illuminazione. Posiziona il tuo albero davanti ad una finestra, preferibilmente rivolta a sud. L’albero ha bisogno di molta luce!

Annaffialo nel modo giusto

Innaffia accuratamente il tuo bonsai di Ficus Ginseng ogni volta che il terreno diventa leggermente asciutto.

Nebulizzare la pianta ogni giorno è una buona idea, ma non fino al punto in cui il Bonsai inizia a gocciolare, altrimenti possono verificarsi problemi fungini.

Se la tua pianta si trova in un ambiente particolarmente caldo, sarà necessaria un’irrigazione più frequente.

Il Ficus dovrebbe essere annaffiato normalmente, il che significa che dovrebbe essere annaffiato generosamente ogni volta che il terreno inizia ad asciugarsi.

Usa la tecnica dell’annaffiatura per immersione per bagnare la zolla in modo uniforme: immergi il vaso con i fori alla base in una bacinella d’acqua e quando non vedi più emergere bolle d’aria in superficie, alza il vaso e fai scorrere bene tutta l’acqua in eccesso.

Il Bonsai di Ficus preferisce l’acqua dolce a temperatura ambiente. Se è tenuto in un luogo più fresco, deve essere annaffiato meno frequentemente.

Potalo

La potatura è una necessità e fa parte di ciò che rende un bonsai tale e non solo una comune pianta.

La potatura va fatta soprattutto per conservare la forma del tuo bonsai, ma fai sempre attenzione a non esagerare.

Fai attenzione a non tagliare mai i germogli in inverno.

Puoi rinunciare alla potatura per un anno o più per ottenere un tronco più spesso.

Quando sei pronto per potare le foglie, una buona regola da seguire è quella di potare fino a lasciare due foglie dopo che sono cresciute da sei a otto foglie.

Se hai lasciato ispessire il tronco, dal legno vecchio cresceranno nuovi germogli. Ma assicurati di attirare malattie fungine: usa sempre strumenti affilati e puliti quando lavori con la tua pianta.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.