Come far crescere l’Edera velocemente?

Che sia estate o inverno, che abbiate un grande giardino, un balcone o anche solo spazi interni, l’edera è la pianta che fa per voi!

Questa pianta, tra le rampicanti più famose al mondo, è anche molto resistente. Riconoscibilissima grazie alle sue foglie, dalla forma tridentata, l’edera è una sempreverde che cresce rigogliosa e forte in quasi ogni circostanza.

Pur essendo molto semplice da coltivare, alcune volte la sua crescita è lenta e impieghiamo molto tempo per riuscire a ricoprire una parete o una ringhiera con le sue foglie.

Esistono, però, dei trucchetti per farla crescere velocemente. Vediamo insieme quali sono.

Ombra e luce soffusa

Il segreto più efficace per far crescere con rapidità la nostra edera è curare la sua esposizione.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Tenete questa pianta in un luogo a mezz’ombra o, ancor meglio, in ombra, lasciando solo sporadicamente che il sole la illumini, e mai direttamente.

In questo modo, l’edera crescerà nel suo habitat ideale, sviluppandosi rapidamente sia in lunghezza che in larghezza.

Questa pianta, in realtà, cresce anche alla luce più intensa, ma molto più lentamente.

Rinvaso in “larghezza”

Periodicamente, così come per le altre piante, l’edera va rinvasata.

Di norma, quest’operazione, che deve essere sempre svolta correttamente, va fatta nel periodo primaverile anche se nulla vieta di farlo anche prima o dopo se necessario.

Nel rinvaso, però, scegliete un vaso più largo del precedente ma non più profondo. In questo modo, le radici si svilupperanno di lato, mentre svilupperanno una base più solida e forte.

La conseguenza è un più rapido sviluppo laterale della pianta.

Acqua in base “all’età”

In molti ignorano questo segreto, ma l’edera va innaffiata in base alla sua “età”.

All’inizio, infatti, quando è poco più che una piantina, il terriccio va mantenuto costantemente umido e, quindi, innaffiato con più regolarità.

Quando cresce, però, e si espande, dobbiamo aspettare che il terriccio si asciughi quasi completamente prima di innaffiare ancora.

Seguendo questa diversa necessità d’acqua, l’edera crescerà a un ritmo più costante.

N.B: non è sempre semplice innaffiare l’edera per immersione, soprattutto quando si sviluppa in larghezza.

L’ideale, quindi, è innaffiarla tramite innaffiatoi con becco lungo in modo da non bagnare troppo gli steli della pianta, bensì solo il terreno.

N.B: volete rendere la vostra edera più verde e rigogliosa? Qui trovate alcuni consigli di coltivazione.

Taglio delle punte

Avete mai sentito parlare di una “spuntatina” alle liane dell’edera?

Quando le fronde di questa pianta si arrampicano verso l’alto, in alcuni particolari periodi dell’anno, ossia a inizio primavera e a inizio autunno, date una spuntatina alle punte, tagliandole giusto di un centimetro.

In questo modo, dare alla pianta uno stimolo a una nuova e maggiore crescita.

N.B: quando potate l’edera, utilizzate solo cesoie pulite e ben sterilizzate.

Concime

Tra i trucchetti previsti per far crescere con velocità l’edera non può mancare quello della concimazione.

Ma quale concime o fertilizzante è più adatto a questa pianta?

Quello ideale dovrebbe contenere ferro, manganese, rame, zinco, boro e molibdeno.

Nei mesi caldi, concimate in base alle indicazioni del prodotto, di norma una volta ogni 15 giorni.

Attenzione: se avete problemi di coltivazione con questa pianta, chiedete consiglio al vostro fioraio o giardiniere di fiducia.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".