Come avere l’edera rigogliosa e piena di foglioline verdi

Possedere un’edera è come non averla: cresce anche se la dimentichi e in più puoi coltivarla anche come pianta d’appartamento.

Anche se è anche considerata una pianta invasiva se coltivata all’esterno a causa della sua abitudine di crescita aggressiva, tuttavia come pianta d’appartamento, l’edera non sfuggirà mai di mano.

Con la giusta luce, acqua e cura, può essere una delle piante da interno più belle, perfetta in vasi classici o sospesi.

Anche se è una pianta molto resistente che non dà molti problemi di crescita, ci sono alcuni consigli che puoi mettere in pratica per averla sempre rigogliosa e piena di foglioline verdi.

Scopriamolo insieme!

Luce giusta

Le piante di edera crescono in tutte le condizioni di luce, o quasi! Certo, se posizioni il vaso in un luogo ombreggiato per la maggior parte del tempo non potrai aspettarti una crescita rigogliosa.

Per una crescita sana e piena invece, ti consiglio una la luce media, ma andranno bene anche in condizioni di luce intensa. In casa posizionala dove arriva molta luce indiretta, magari filtrata da una tenda trasparente.

Se hai una varietà di edera con variegature bianche sulle foglie, ama meno luce diretta di quelle con foglie verdi.

Le foglie variegate sono più suscettibili ai danni causati da troppo sole.

Annaffiatura

Nelle fasi iniziali della vita delle piante di edera dovresti mantenere il terreno umido al tatto per migliorare le fasi di crescita iniziali.

Una volta che la pianta si è stabilizzata, puoi iniziare a lasciare che il terreno si asciughi prima di annaffiarlo di nuovo.

Cerca di non esagerare quando innaffi la tua edera. Le edere non amano il terreno zuppo d’acqua.

Aspetta di annaffiare fino a quando i primi 2 cm di terreno risultano asciutti. È meglio mantenere questa pianta d’appartamento un po’ asciutta per qualche giorno in più piuttosto che troppo zuppa.

Inoltre, assicurati che il vaso in cui sta crescendo l’edera abbia fori di drenaggio.

Quindi, ecco una cosa che ti sorprenderà: se innaffi troppo l’edera, le foglie diventeranno marroni, questo sintomo potrebbe sembrare una mancanza d’acqua.

In realtà, il motivo per cui le foglie diventano marroni è che le radici della pianta sono troppo impregnate d’acqua e stanno praticamente affogando.

Le radici eccessivamente bagnate non possono fornire nutrienti o, stranamente, acqua alla pianta.

Nutri la pianta

Sebbene l’Edera sia una delle piante più facili da coltivare e non abbia davvero bisogno di concimazione, per avere una pianta più rigogliosa potresti fertilizzarla.

Assicurati di usare un fertilizzante bilanciato e contenga azoto, fosforo e potassio in eguali percentuali, te ne accorgi dalle tre cifre che trovi sull’etichetta che saranno uguali (ad esempio 10-10-10).

Con l’edera puoi usare anche solo la metà della dose raccomandata per ottenere la spinta di crescita ottimale, assicurati solo di non superare mai la quantità raccomandata in quanto può diventare un ostacolo alla sua crescita.

Inoltre, puoi usare anche un concime naturale: un modo per utilizzare i gusci d’uovo è immergerli in acqua durante la notte e poi setacciare i gusci la mattina successiva e infine versare il liquido sulle radici dell’edera.

Pota per promuovere la crescita

Un altro modo per aumentare la crescita della tua edera inglese è potare occasionalmente le punte delle viti, questo stimola la crescita della tua pianta.

Ovviamente quando lo fai, assicurati di tagliare solo le punte a meno che tu non stia cercando di controllarne la crescita.

Questo ti aiuta anche a controllare la direzione in cui sta crescendo la tua edera, a tagliare via le viti indesiderate e questo ti aiuterà anche a tenere sotto controllo l’edera se inizia a perdere il controllo.

Promuovi l’umidità

Mentre alle piante di edera non piace il terreno eccessivamente umido, a queste piante piace però l’aria umida nel loro ambiente.

Puoi aumentare l’umidità nella tua casa, o almeno intorno alle tue piante.

Per fare questo: aggiungi ciottoli di argilla espansa in un sottovaso, quindi aggiungi l’acqua.

Metti la tua edera con tutto il vaso sui ciottoli e l’acqua evaporerà, aumentando l’umidità intorno alla pianta.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.