Ciclamino: come far sbocciare i fiori a settembre?

Il ciclamino (Cyclamen persicum) è una pianta fiorita che ha piccole fioriture profumate su lunghi steli che si estendono sopra il fogliame.

È una pianta perenne tuberosa, il che significa che muore fino a lasciare in vita solo le sue spesse radici (tuberi) durante il suo periodo di dormienza in estate e poi ricresce rapidamente ogni autunno.

Sebbene molte persone tendano a gettare via la pianta dopo la fioritura, forse non sanno che possono godersi per anni questa pianta che rifiorisce anno dopo anno.

Scopriamo allora come far sbocciare i fiori del tuo ciclamino a settembre!

Attenzione: ricorda che il ciclamino è tossico sia per gli animali che per l’uomo se ingerito.

Ciclo di vita del ciclamino

Come appena accennato, il ciclamino ha un ciclo di vita composto da una fase di riposo estiva e una fase di crescita attiva in autunno.

Rispettare e capire cosa avviene in queste fasi è importante per farli rifiorire.

Periodo di riposo

Vediamo allora in cosa consiste il ciclo di vita del ciclamino: dopo che la pianta ha terminato il suo periodo di fioritura che avviene nei mesi autunnali e invernali, le foglie inizieranno a ingiallire.

In questa fase dovresti smettere di concimare e gradualmente e ridurre le annaffiature, fino a non innaffiare più quando tutte le foglie sono gialle.

Non rimuovere le foglie ancora verdi, aspetta che siano completamente secche, perché questo è il momento in cui il tubero immagazzina dalle foglie l’energia di cui ha bisogno per rifiorire a settembre.

Posizionare quindi il vaso in un luogo fresco, preferibilmente poco luminoso (ad esempio un seminterrato con una temperatura di circa 15°C). Durante questo tempo, mantieni il tubero asciutto, ma senza che si secchi e si raggrinzisca.

Per incoraggiare la rifioritura durante il suo periodo di crescita all’inizio dell’autunno, taglia i gambi dei fiori morti alla base, così come le foglie ingiallite.

Sta entrando nella fase di riposo e troppa acqua farà marcire il tubero. Si consiglia un po’ d’acqua per tenere in vita il tubero, ma devi evitare che il terreno resti bagnato.

Periodo di crescita

Alla fine del periodo di riposo, verso fine agosto, dovresti rinvasare il tubero in un vaso leggermente più grande.

Il terriccio deve avere un buon drenaggio. Una buona miscela è costituita da 2 parti di terriccio comune, 1 parte di torba e 1 parte di perlite.

Quando metti il tubero nel nuovo vaso, lascia la parte superiore da un terzo alla metà esposta all’aria.

In questa fase dovrai riprendere le cure per il tuo ciclamino che si sta preparando a fiorire di nuovo!

Come indurre la fioritura

Se hai rispettato tutti i passaggi spiegati in precedenza nella fase di riposo, allora puoi prepararti a far fiorire i tuoi ciclamini all’inizio dell’autunno, da settembre in poi.

Di seguito ti darò tutte le informazioni necessarie!

Cambia la frequenza di annaffiatura

In questa fase dovrai riprendere ad annaffiare e concimare, aumentando gradualmente la frequenza delle annaffiature man mano che si formano nuove foglie.

Quando vedi nuove foglie, la pianta sta crescendo attivamente. Durante questo periodo, innaffia ogni volta che il terreno si asciuga nei primi 2 cm.

Evita di bagnare le foglie o la corona della pianta (ovvero la parte dove il fusto incontra le radici), che può causarne la putrefazione.

Un modo comune per innaffiare il ciclamino è mettere il vaso con i fori di drenaggio su un sottovaso, quindi riempire d’acqua il sottovaso in modo che le radici assorbano l’umidità.

Sposta il ciclamino verso la luce

Metti il vaso in una stanza moderatamente fresca (circa 20°C durante il giorno e un po’ più fresca di notte) con molta luce ma senza il sole diretto di mezzogiorno.

Le fresche temperature notturne e un’illuminazione adeguata sono essenziali per la formazione dei boccioli dei fiori.

Una volta che il fogliame è completamente sviluppato e la pianta è in fiore, le temperature più fresche diurne e notturne prolungheranno il periodo di fioritura.

Dunque, a settembre, tieni la pianta vicino a una finestra luminosa in una stanza fresca, la pianta riprenderà a crescere e svilupperà nuove fioriture.

È il momento di concimare

Se nella fase di riposo hai interrotto gradualmente annaffiature e concimazione, nella fase di ricrescita autunnale (cioè da settembre in poi) puoi ricominciare a concimare.

Nutri la tua pianta di ciclamino con un fertilizzante liquido diluito in acqua e a basso contenuto di azoto una volta ogni 2 settimane quando sulla pianta compaiono le foglie.

Pazienta che le tue cure diano i loro risultati e goditi la fioritura!

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.