Una Pianta Ragno Spoglia ha bisogno di questi accorgimenti per tornare Folta e Rigogliosa

Le belle foglie variegate della pianta ragno cominiano ad essere diradate, non più cespugliose, segno di qualche cosa che non va.

Anche i ragnetti pendenti cominciano ad esser pochi ma sai cosa puoi fare per riuscire ad infoltire la pianta ragno? Assicurarle ciò di cui ha bisogno per crescere rigogliosa.

Ti basterà poco per farla riprendere perché cresce molto velocemente, e ti occorreranno questi accorgimenti. Vediamo insieme quali.

Garantiscile la luce giusta

La luce è vitale per una pianta come questa, con foglie variegate che reggono e mantengono la variegatura proprio in base alla luce che riceve.

Foglie senza variegatura sono proprio un segno del fatto che riceve poca luce e devi agire se vuoi fornirle l’energia di cui ha bisogno per essere folta e avere la possibilità di generare nuovo fogliame.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Amano la luce solare indiretta brillante. Scegli una finestra esposta ad est, dove la tua pianta ragno possa ricevere la luce brillante delle prime ore del mattino.

Anche nel caso in cui fosse diretta, la luce del mattino è abbastanza fugace e illuminerà la tua pianta ragno per poche ore.

Che tipo di temperatura c’è?

Solitamente tenuta in appartamento, la pianta ha un intervallo di temperatura nel quale sta benone abbastanza ampio tollerando dai 5 fino ai 30 gradi.

Anche se questo intervallo è ampio, cerca di non tenerla in ambienti che toccano temperature che stanno agli estremi di questo intervallo, quindi troppo rigide o troppo calde.

Restringi l’intervallo di temperatura, assicurandoti di averla posizionata in un ambiente con una temperatura che vada dai 18 ai 25 gradi e vedrai come comincerà a rinfoltire la sua chioma, avendo a disposizione la temperatura ideale.

Le fornisci l’umidità che le serve?

Essendo una pianta d’appartamento pensiamo che dandole unicamente la temperatura che le occorre stia già bene.

C’è un altro fattore cruciale per la pianta ragno, che le consente di respirare in modo corretto e anzi facilita la respirazione e quindi la sua crescita: l’umidità.

In periodi dell’anno specifici come ad esempio l’inverno, durante il quale le nostre case racchiudono un ambiente secco a causa dell’utilizzo di termosifoni o condizionatori che seccano l’aria, la pianta ragno è come se boccheggiasse.

Tienila lontana da questi dispositivi, scegli le stanze più umide della casa e manipola l’umidità a tuo piacimento così da fornirle quella di cui necessita.

Nebulizza con uno spruzzino le foglie se vivi in un ambiente a bassa umidità; la tua pianta ragno lo apprezzerà.

Riceve abbastanza nutrienti?

Forniscile un concime fai da te fatto in casa, senza una cadenza specifica perché essendo naturale non le farà alcun male, anzi contribuirà a mantenere il terriccio ricco di nutrienti.

Puoi realizzare fertilizzanti liquidi fai da te a base di potassio in molti modi diversi, tra cui quello con bucce di banana che rende la pianta rigogliosa e resistente.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.