Felce: interno o esterno? Differenze di coltivazione

Coltivare la felce non è difficile, ma ci sono solo alcuni suggerimenti che devi seguire per avere successo con la maggior parte delle varietà di felci.

La felce è una delle piante più antiche del mondo: crescono da 300 milioni di anni e nascono in una straordinaria varietà di luoghi.

Sono state coltivate per secoli come piante d’appartamento, ma vengono anche coltivate all’esterno.

Scopriamo insieme se deve essere coltivata all’interno o all’esterno e quali sono le differenze di coltivazione.

Interno

Come ti dicevo, la felce viene coltivata da secoli come pianta d’appartamento, ma vediamo insieme di che cure ha bisogno in casa.

Fornisci la giusta umidità

La felce coltivata come pianta da interno non può sopportare a lungo un ambiente troppo secco.

Le loro fronde diventeranno subito marroni o gialle e inizieranno a far cadere le foglie. Dai la giusta umidità alle tue felci, preferibilmente di mattina.

Tieni a portata di mano uno spruzzino e vaporizza le fronde ogni volta che passi vicino alla tua felce.

Posiziona il vaso su un sottovaso di argilla espansa su cui verserai un po’ d’acqua ogni tanto. Ciò aumenta l’umidità intorno alla pianta senza inzuppare le radici.

Un’altra opzione è tenere le felci in bagno o in cucina, che di solito sono le stanze più umide della casa.

Innaffia corettamente

La maggior parte delle felci ha il suo habitat naturale nel sottobosco delle foreste pluviali, si tratta quindi di un ambiente molto umido.

Dunque assicurati che le tue felci siano sempre innaffiate correttamente. Tocca il terreno in superficie e innaffia la felce se la parte superiore è asciutta.

Ma fai attenzione: a meno che tu non abbia una varietà di felce da palude, non lasciare che la felce sia troppo zuppa d’acqua.

Il terreno deve essere umido ma non zuppo.

Luce

La felce in natura cresce con la luce solare screziata all’altezza del terreno della foresta.

Quindi assicurati che la tua felce riceva abbastanza luce filtrata e brillante per crescere sana. Altrimenti, avrai in poco tempo fronde e foglie gialle.

Tuttavia, poche felci possono resistere al pieno sole del mezzogiorno e inizieranno rapidamente a bruciarsi.

Una stanza con finestre esposte a nord o ad est è una buona scelta.

Esterno

Le piante di felce sono interessanti per varie ragioni. Possono crescere nelle aree con un po’ d’ombra se sono coltivate all’esterno. Quando vengono coltivate ​​in un giardino soleggiato, richiedono protezione dalle ore più calde della giornata.

Come coltivarla all’esterno

Se hai un grande acero o una quercia nel tuo giardino, o comunque un grande albero, la pianta di felce amerebbe crescere proprio all’ombra dell’albero.

Esistono diversi tipi di piante di felce che possono essere coltivate sia all’interno che all’esterno.

Le piante di felce da interno potrebbero aver bisogno di annaffiature più frequenti mentre se la coltivi all’aperto possono crescere bene in prati e giardini con un po’ d’ombra e richiederanno meno acqua.

Le felci sono tra le poche specie di piante non fiorite. Si riproducono per mezzo delle spore che si trovano sotto le loro foglie.

Generalmente, la felce preferisce un terreno più umido ma non troppo zuppo. Alcuni tipi di felci si gelano durante l’inverno se le tieni in giardino, quindi anche per questo è importante che non innaffi troppo.

È importante che tu scelga la tua felce in base a due cose: il clima nella tua zona e il tipo di paesaggio (ombreggiato o soleggiato).

Dove piantare la tua felce

Una cosa importante che devi sapere è che esporle troppo alla luce solare potrebbe seccare le felci.

Quindi, è meglio piantare le piante di felce nelle zone ombreggiate del tuo giardino. Lascia che il luogo sia leggermente ombreggiato ma non completamente ombreggiato.

Controlla la qualità del terreno prima di piantare le felci. Generalmente preferiscono il terreno leggermente acido.

Se il tuo terreno non è abbastanza acido, potresti dover prendere un po’ di terreno fresco e piantarci le felci. Una miscela di terreno perfetta può essere preparata aggiungendo torba e sabbia.

Piantare le felci è semplice. Basta scavare una buca che abbia più o meno le stesse dimensioni del vaso di felce e piantare la felce nella buca in modo che la pianta si trovi appena sopra il livello del terreno.

Clima giusto

In caso di forti piogge o troppa umidità in giardino, fai in modo che la felce non soffra molto questi cambiamenti drastici.

Il modo migliore per combattere un clima estremo con forti piogge è portare le felci in casa mettendole in una stanza non molto calda rispetto alle temperature in giardino.

Una volta che il clima torna alla normalità, aggiungi un po’ di compost al terreno e ripiantala all’esterno.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.