Se non conosci il Gelsomino di notte devi assolutamente imparare a coltivarlo

Originaria del Sud America (Brasile), il Gelsomino di notte rampicante (Solanum jasminoides) è una pianta vigorosa da non confondere con il vero gelsomino officinale (Jasminum) o gelsomino invernale.

Il Gelsomino di notte fa parte della famiglia dei pomodori (Solanaceae) e cresce rapidamente se le condizioni di crescita sono ideali.

Da giugno fino alle prime gelate ne apprezziamo la fioritura stellata traboccante di generosità, mentre le foglie verde brillante persistono nei climi miti.

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno il gelsomino di notte e quali sono le caratteristiche della pianta rampicante!

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche del gelsomino di notte, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Varietà

Solanum è un genere molto ampio di circa 1.400 specie di annuali, biennali, perenni, arbusti, alberi e rampicanti.

Insieme a una serie di specie coltivate come ornamentali, nella famiglia delle solanaceae sono comprese ben 4 comuni colture orticole: pomodoro, peperone, melanzana e patata.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Il gelsomino di notte è definito Solanum jasminoides proprio perché ricorda le viti di gelsomino. Durante gli inverni molto freddi perde le foglie, ma ricresceranno nuovamente all’inizio della primavera. 

Esposizione

Il gelsomino di notte ha bisogno di pieno sole ma può beneficiare anche di qualche ora d’ombra soprattutto nelle stagioni calde.

Fioritura

I numerosi fiori a forma di stelle bianche o bluastre del solanum rampicante compaiono in grappoli.

Presentano una somiglianza appena nascosta con i fiori del pomodoro o con quelli di Solanum rantonnetii, essendo quest’ultimo un arbusto fiorito molto ravvicinato.

I fiori del gelsomino di notte sbocciano ininterrottamente per diversi mesi, da giugno fino alle prime gelate.

Dopo la fioritura lasciano il posto a piccole bacche viola in autunno.

Fai attenzione a bambini e animali, poiché queste bacche non sono commestibili.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno il gelsomino di notte per crescere sano e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

il gelsomino di notte non è una pianta esigente quando si parla della qualità del suolo. La miscela di terreno, tuttavia, deve essere leggera e drenante.

Se ti è possibile, aggiungi al terreno un po’ di compost e sabbia grossolana.

Quando innaffiare

Innaffia regolarmente quando la pianta di gelsomino di notte è stata appena piantata e dunque è ancora giovane.

Dopodiché, quando la pianta si stabilisce, diventa gradualmente resistente a innaffiature meno frequenti.

Concime

Le annuali e le perenni possono essere concimate utilizzando:

  • concimi idrosolubili a rapida cessione
  • concimi a lenta cessione
  • fertilizzanti organici (come l’emulsione di pesce)

I fertilizzanti solubili in acqua vengono generalmente utilizzati ogni due settimane durante la stagione di crescita o secondo le istruzioni dell’etichetta.

I fertilizzanti controllati a lenta cessione vengono introdotti nel terreno di solito solo 1 volta durante la stagione di crescita o secondo le indicazioni dell’etichetta.

Per i fertilizzanti organici come l’emulsione di pesce, segui le indicazioni in quanto possono variare in base al prodotto utilizzato.

Potatura

La fioritura del Solanum jasminoides avviene sui germogli cresciuti nella stagione corrente.

Questa particolarità richiede quindi una potatura precoce, tra la fine di febbraio e la metà di marzo, prima della ripresa della crescita attiva.

Inizia rimuovendo i rami morti tra i ramoscelli aggrovigliati. Quindi accorcia i germogli secondari mantenendo solo da 3 a 4 gemme dalla loro base per ottenere un volume accettabile.

Durante la crescita, non privarti della potatura dei germogli per mantenere una silhouette compatta ed equilibrata.

Nelle regioni miti, il Solanum jasminoides è talvolta molto invasivo. Quindi non esitate a potarlo molto severamente per evitare che la pianta cresca a dismisura.

Moltiplicazione

Il Solanum jasminoides si moltiplica in modo semplice prelevando le talee, quando sono giovani e tenere, tra aprile e giugno. Prendi tagli sani da 5 a 8 cm.

Taglia in modo netto con le forbici o una cesoia da potatura disinfettata con alcol. Elimina le foglie alla base della talea e riempi un vaso con un substrato composto da parti uguali di terra, torba e sabbia.

Fai dei buchi con il dito a intervalli di 2-3 cm, spingi dentro le talee e premi intorno ad esse per compattare il terreno. Innaffia, senza bagnare il fogliame.

Metti il vaso in un punto luminoso, lontano da correnti d’aria e annaffia non appena il composto si asciuga.

Nella primavera successiva, rinvasa ogni talea individualmente nel suo vaso. Aspetta qualche mese prima di piantarli nel loro posto definitivo.

Puoi moltiplicare il solanum jasminoides anche per stratificazione. Scegli un ramo lungo, flessibile e sano, piegalo fino a terra senza romperlo.

Tieni i rami ancorati al terreno aiutandoti con dei ganci inseriti nel terreno. Copri con terreno e tieni innaffiato finché non compaiono le radici.

Malattie e parassiti

Afidi e tripidi possono attaccare il Solanum jasminoides.

Anche i ragnetti rossi possono attaccare la pianta, soprattutto se l’aria è calda e secca e se cresce in un’area ristretta.

Come curare il gelsomino di notte?

Il Solanum jasminoides necessita di sole diretto e va protetto dal vento. Il terreno può essere normale terriccio da giardino, concimato con compost e 1/3 di sabbia grossolana per favorire un buon drenaggio. Innaffia quando il terreno si asciuga e pota dopo la fioritura per controllare la crescita e rafforzare la pianta.

Perché si chiama Gelsomino di notte?

Il solanum jasminoides viene comunemente chiamato gelsomino di notte perché i fiori ricordano molto quelli del gelsomino e la sua crescita rampicate dalle foglie sempreverdi conferma questa somiglianza.

Quando Fiorisce il Gelsomino di notte?

Da giugno fino alle prime gelate autunnali ne apprezziamo la fioritura a forma di stella.

Quando si pota il gelsomino di notte?

La fioritura del Solanum jasminoides avviene sui germogli cresciuti nella stagione corrente. Questa particolarità richiede quindi una potatura precoce, tra la fine di febbraio e la metà di marzo, prima della ripresa della crescita attiva.

Quante volte si annaffia il gelsomino?

Innaffia ogni volta che il terreno si asciuga e lascia scorrere via l’acqua in eccesso. In estate, ovviamente, il terreno impiegherà meno tempo per asciugarsi e dovrai innaffiare più spesso.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.