Cosa faccio se l’orchidea ha le radici secchissime?

Elegante, bella, esotica: di certo, gli aggettivi non mancano per descrivere l’orchidea.

Questa pianta dalle infinite specie e varietà è molto comune in quanto viene utilizzata per decorare casa, ma non sempre ce ne prendiamo cura nel modo giusto.

La più comune è sicuramente la phalaenopsis, dagli inconfondibili fiori simili a farfalle, non eccessivamente difficile da coltivare.

Ma cosa dobbiamo fare le sue sue radici sono secchissime?

Vediamo insieme come accorgercene e quali sono le soluzioni.

Come accorgersene

Se osservate la vostra orchidea noterete che questa possiede due tipologie diverse di radici: quelle sotterranee e quelle aeree.

Le prime crescono nel terriccio, mentre le seconde sono simili a rametti, ma più spessi e di un colore tendente al verde.

La secchezza alle radici di solito colpisce entrambe.

Per le radici sottorranee potete notarla perché, di solito, l’orchidea viene tenuta in un vaso di plastica trasparente, importante in quanto porta numerosi vantaggi alla pianta.

Per le radici aeree, vi basterà semplicemente guardare la chioma dell’orchidea.

Le radici sono secche quando perdono il loro colore verde, assumendone uno più sbiadito tendente al grigio-bianco. Inoltre, perdono la loro consistenza morbida, diventando più dure.

Quando sono secchissime, le radici possono addirittura spezzarsi. In questi casi, ovviamente, non svolgono più le loro funzioni di vitale importanza e l’intera pianta va incontro alla morte.

Soluzioni

Le cause della secchezza alle radici dell’orchidea possono essere varie. Nella maggior parte dei casi, però, il motivo di fondo è un basso assorbimento dell’acqua che può derivare da un errore umano o da un malessere della pianta.

Ecco come risolvere.

Innaffiare di più

Sicuramente la pianta trarrà maggior giovamento da più innaffiature.

Probabilmente nell’ultimo periodo avete un po’ trascurato l’orchidea ed è arrivato il momento di innaffiarla un po’ di più.

Per farlo, potete utilizzare il metodo della bacinella, conosciuto anche come metodo dell’immersione, che consiste nel mettere la pianta in una bacinella piena d’acqua per circa 20 minuti.

In questo modo, l’orchidea assorbirà tutta l’acqua di cui ha bisogno.

Spostare la pianta

Non sono solo le radici sotterranee, ma anche quelle aeree ad assorbire acqua. Queste ultime assorbono l’umidità che c’è nell’aria.

L’orchidea, infatti, deve essere collocata in un luogo dove il tasso di umidità risulti abbastanza alto (tra il 55 all’80% a seconda della specie) per potersi mantenere in salute.

Quando le sue radici iniziano a seccare, probabilmente l’aria nella stanza è troppo secca.

Spostate l’orchidea in un luogo dove l’umidità è più alta, come il bagno.

In alternativa, vaporizzate un po’ d’acqua sulle radici aeree regolarmente.

Concimare

A volte la secchezza delle radici può dipendere anche da una forte carenza di sostanze nutritive.

Provate a concimare la pianta, utilizzando un prodotto adatto per le orchidee a base di fosforo, magnesio e potassio.

Ricordate, però, di concimare solo nel periodo di attività vegetativa della pianta che solitamente coincide con i mesi primaverili ed estivi.

Non concimate, invece, quando la pianta è in riposo vegetativo.

Rinvasare

Può capitare che, pur innaffiando, le radici non riescano ad assorbire acqua a causa delle cattive condizioni del terriccio.

A questo punto, vi conviene rinvasare, scegliendo un terreno nuovo caratterizzato dalla presenza di corteccia, ricco di sostanze nutritive e con un pH 6.

Con il nuovo terreno, la pianta sarà nuovamente in grado di assorbire acqua e le radici torneranno ad avere un aspetto sano.

Potare le radici secche

Quando le radici sono davvero troppo secche, tanto che tendono a spezzarsi o, a volte, a diventare nere, è il momento di tagliarle per evitare che possano danneggiare il resto della pianta.

Tagliate soltanto la parte secca, provando a lasciare intatto il resto e utilizzando delle cesoie correttamente sterilizzate.

Ovviamente ricorrete a questo rimedio solo quando le radici non si riprendono con le altre soluzioni.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".