Tutti i motivi per cui il Geranio Parigino non fa una cascata di fiori

Un tocco della magica Parigi… proprio sul tuo balcone! Il Geranio Parigino è legato, nell’immaginario collettivo, proprio alla città di Parigi dove i piccoli balconcini delle abitazioni sono spesso decorati con questa pianta.

Varietà del Pelargonium Peltatum, ossia del geranio edera, questo è famoso per i suoi rami che, scendendo verso il basso, creano delle bellissime cascate di foglie e fiori. Inoltre, rispetto al normale geranio edera, quello parigino ha fiori più piccoli e delicati.

Ma, qualche volta, capita che sui suoi lunghi rami notiamo la presenza di sole foglie e non fiori, senza riuscire a capire il perché e come fare per risolvere.

Ecco i motivi principali.

Non è il periodo giusto

Prima di preoccuparvi troppo, è sempre meglio… controllare il calendario.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Il geranio parigino, così come le altre specie e varietà di geranio, non fiorisce certo tutto l’anno!

I periodi di fioritura in genere coincidono con la primavera e l’estate. Ovviamente più tardi tende a iniziare la fioritura della vostra pianta, più tardi tenderà a finire.

Ricordate che, perché possa fiorire, le temperature medie devono superare i 15 °C, meglio se si assestano sopra i 20 °C.

Qui potete trovare alcuni consigli per far crescere questa pianta in modo rigoglioso.

Troppo vento

Sembra una causa banale, invece si tratta di una delle più frequenti ragioni di assenza di fiori: l’esposizione della pianta a un ambiente con troppo vento.

Il geranio parigino, infatti, per la conformazione dei suoi rami, che cadono a cascata verso il basso, è spesso maggiormente esposto al vento.

Inoltre, di solito mettiamo questa pianta in vasi da ringhiera che danno verso l’esterno, lì dove non c’è riparo all’eventuale vento.

Le raffiche troppo forti, però, fanno cadere i boccioli prima della maturazione, impedendo il loro sviluppo in fiori.

Scegliete un posto un po’ più riparato o spostate temporaneamente la pianta quando il vento tira troppo forte.

Ecco tutti i motivi per cui il geranio parigino è la pianta perfetta per il tuo balcone!

Innaffiature eccessive

Sicuramente il geranio parigino è una pianta che ha bisogno di molta acqua, soprattutto nei mesi caldi. Tuttavia, innaffiare troppo può rendere più difficile la fioritura o, addirittura, portare conseguenze più gravi.

Troppa acqua può soffocare le radici, facendole a poco a poco marcire. Quando questo accade uno dei primi sintomi è proprio la caduta di foglie e fiori che dovrebbe farvi scoccare un campanello d’allarme!

La soluzione più efficace resta la prevenzione: innaffiate con moderazione, controllando ogni volta lo stato del terriccio e innaffiando solo quando questo inizia ad asciugarsi e non è più umido.

Alcuni si chiedono se possono coltivare più gerani nello stesso vaso, leggete qui per approfondire il tema.

Poche sostanze nutritive

Capita soprattutto verso la fine del periodo estivo quando, nonostante le temperature siano ancora alte, il geranio non fiorisce più: il terreno ha esaurito tutte le sostanze nutritive a disposizione.

Si tratta di un fenomeno normale, frequente soprattutto quando si rinvasa la pianta, cambiandone il terreno, molto raramente.

Possiamo, tuttavia, risolvere in modo molto semplice e veloce, ridando alla pianta tutto il nutrimento di cui ha bisogno tramite la concimazione.

Per i gerani, scegliamo un fertilizzante per piante da fiore con alti contenuti di potassio e somministriamolo anche una sola volta se siamo alla fine dell’estate: dovrebbe bastare per stimolare la fioritura degli ultimi boccioli della stagione.

Se volete provare una soluzione naturale, leggete le indicazioni di questo articolo.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".