7 Piante che hanno bisogno di poca acqua

Ogni pianta richiede una certa cura, ma alcune piante da interno possono sopportare (o addirittura preferire) pochissime cure.

Queste piante sono perfette se ti piace avere del verde in casa ma non hai tempo da dedicare all’annaffiatura e alla cura di piante più esigenti.

Ci sono molte opzioni che puoi scegliere, per questo ho raccolto per te una lista di piante adatte alle tue esigenze.

Scopriamo allora insieme 7 piante che hanno bisogno di poca acqua!

Succulente

Le succulente, o piante grasse, sono bellissime da avere su una mensola abbinate magari a vasi particolari.

Le loro foglie carnose immagazzinano e conservano l’acqua, quindi in genere hanno bisogno di poca acqua.

Devono essere innaffiate bene una volta al mese o una volta ogni 5-6 settimane.

Aspetta sempre che il terreno sia completamente asciutto prima di bagnarle di nuovo.

Le piante grasse sono disponibili in molte varietà e in genere hanno bisogno solo di un po’ di luce solare e di una buona circolazione dell’aria.

Zamioculcas

La zamioculcas è una pianta d’appartamento molto decorativa, perché ha delle foglie cerose e lucide di un verde molto intenso.

Crescono bene anche in una stanza con poca luce e per questo sono spesso la scelta ideale per gli uffici.

Inoltre le foglie carnose conservano al loro interno dell’acqua utile per far sopravvivere la pianta anche in condizioni di siccità.

In parole povere: se dimentichi di innaffiarla per settimane sopravvive lo stesso e continua a crescere felice.

Pothos

Il pothos è la pianta per pigri per eccellenza: può vivere e crescere anche con poca luce e soprattutto con poca acqua.

Anche in questo caso, se dimentichi di innaffiarla non fa alcun capriccio, anzi, se fai asciugare il terreno completamente tra un’annaffiatura e l’altra, ti ringrazierà e terrai lontano il rischio di marciume.

Infatti, il marciume delle radici è causato da troppe annaffiature: il terreno resta zuppo per troppo tempo e le radici annegano.

Pianta mangiafumo

La cosiddetta pianta mangiafumo (Beaucarnea recurvata), è un’altra pianta perfetta per chi non ha tempo da dedicare alle piante.

Non ha bisogno di molta acqua perché le foglie sono sostenute da un tronco molto spesso che conserva una quantità di acqua utile a far sopravvivere la pianta anche in condizioni di siccità.

È molto utilizzata come pianta d’appartamento, l’avrai di sicuro vista molte volte anche coltivata in vaso sui balconi.

Sansevieria

La sansevieria, chiamata anche lingua di suocera (probabilmente perché le sue foglie sono appuntite), è una celebre pianta utilizzata come pianta d’appartamento.

La sansevieria è facile da coltivare ed è molto decorativa per le sue foglie carnose.

Viene quasi considerata una succulenta perché conserva tanta acqua nelle foglie e per questo non ha bisogno di essere innaffiata spesso.

Può bastare anche solo innaffiare quando ti capita di vedere che ha il terreno completamente asciutto: se dimentichi di dare acqua, anche quando si è asciugato il terreno, sopravvive bene lo stesso.

Piante aeree

Proprio come suggerisce il nome, queste piante non hanno nemmeno bisogno del terreno per crescere.

Le piante aeree possono essere anche appese a mezz’aria, o appoggiate su una mensola.

Annaffiarle è quasi impossibile da dimenticare: basta immergerle in acqua per circa 1 ora ogni 10-15 giorni.

Begonia sempreflorens

Le begonie sempreflorens sono piante dai fiorellini rosa molto decorativi: sono per questo adatte a fioriere su balconi o a vasi da terra in giardino.

Sono piante considerate quasi succulente per via degli steli e delle foglie carnose che immagazzinano l’acqua.

E in più richiedono poche cure e restano fiorite per tutto l’anno: insomma la pianta perfetta!

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.