Quanti tipi di Aloe conosci? Ecco le Migliori da tenere in Casa!

Conosciuta in tutto il mondo per le sue infinite proprietà: è l’aloe.

Pianta succulenta dalle foglie lunghe e sottili, l’aloe è diventata negli ultimi anni una delle piante preferite per decorare il balcone o gli interni: merito della sua resistenza e della necessità di poche cure.

Inoltre, il gel contenuto nelle sue foglie è tradizionalmente utilizzato come pomata lenitiva o anche per molti altri scopi per la sua azione antinfiammatoria naturale.

Quando parliamo di aloe, in realtà, non ci riferiamo a una pianta specifica, bensì a un genere che comprende oltre 500 specie e varietà.

Non tutte sono adatte ad essere coltivate nei nostri ambienti domestici.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Scopriamo insieme quali sono le migliori da tenere in casa.

Aloe vera

Scuramente la specie più famosa e diffusa: l’aloe vera.

Questa specie ha foglie che, di solito, sono alte tra i 40 e i 60 cm, più larghe alla base e più strette alla punta, caratterizzate da piccole spine sui lati.

Potete tenerla all’aperto e in casa (luogo preferibile nel corso dei mesi freddi). Ricordate che, in inverno, va protetta dal freddo: resiste, infatti, a una temperatura minima di 7 °C.

Aloe arborescens

Più alta e grande rispetto all’aloe vera, l’aloe arborescens ha come caratteristica principale delle infiorescenze di colore rosso (e non di altri colori, come nell’aloe vera).

Inoltre, le sue foglie sono più sottili, a causa di una minore presenza d’acqua, e il fusto è legnoso. Proprio il fusto fa sì che questa pianta sia solitamente più simile a un piccolo albero.

Quando la tenete in casa, non dimenticate di tenerla in un luogo che sia molto luminoso, magari sul davanzale di una finestra ben esposta alla luce.

Aloe maculata

Così chiamata in quanto le sue foglie sono coperte da piccole macchioline bianche, l’aloe maculata è famosa per la sua velocissima crescita.

Se tenuta in vaso, infatti, in poco tempo occupa tutto lo spazio disponibile. Potete sicuramente tenerla in casa, ma abbiate cura di rinvasarla con attenzione ogni anno.

Quando è coltivata a terra, invece, le radici si sviluppano molto in profondità.

Il suo fiore, che può comparire negli esemplari maturi da giugno a settembre, è di colore arancio.

Aloe aristata

Anche se si tratta dell’aloe da esterni forse più celebre, l’aloe aristata può essere collocata anche in un grande vaso dentro casa.

Si tratta di una delle specie più resistenti: tollera temperature anche molto basse, fino a -7 °C.

Mettetela in un luogo dove arrivi la luce diretta del sole per almeno 4-5 ore al giorno in modo da tenerla sempre sana e in forma.

Aloe humilis

Il suo nome botanico è aloe humilis, ma è molto più conosciuta col nome di aloe ragno.

Il motivo di questo curioso soprannome? Le foglie sono sottili e sinuose, simili alle zampe di un ragno.

Nonostante la somiglianza un po’ macabra, questa specie di aloe è molto amata come pianta decorativa da interni: essendo generalmente di piccole dimensioni può essere anche tenuta su una scrivania o un tavolino.

Aloe brevifolia

Un’aloe quasi… in miniatura! L’aloe brevifoglia è così chiamata proprio per le sue foglie molto piccole.

Questa pianta è ottima da tenere in casa, in quanto richiede alte temperature tutto l’anno. Tenetela, quindi, in una stanza molto calda anche d’inverno e non esponetela mai al freddo.

Gli esemplari maturi, fioriscono a novembre: le sue infiorescenze sono color rosso acceso.

Aloe ferox

Grazie al suo tronco, si sviluppa molto in altezza arrivando oltre i 2 metri: è l’aloe ferox.

Se volete coltivarla in casa, dovrete utilizzare un vaso abbastanza grande: inoltre, dovete collocarlo in una stanza molto ampia, abbastanza luminosa e dove ci sia un buon ricambio d’aria.

Per farla crescere, sicuramente il luogo ideale è, però, il balcone o il giardino.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".