Se hai trovato le ragnatele sull’Orchidea dovresti agire subito così

Da lontano, la tua orchidea sembra essere sana, ma se dai un’occhiata più da vicino potresti notare delle sottili ragnatele, cosa sta succedendo?

In più, se noti dei piccoli puntini che si muovono sei davanti ad una infestazione di acari delle piante.

Se preso in tempo è un problema che si può risolvere e ci sono alcuni consigli da considerare per prevenire del tutto il problema in futuro.

Vediamo insieme se hai trovato ragnatele sull’orchidea come dovresti agire!

Sintomi

La prima cosa che probabilmente noterai sono le ragnatele sulle foglie della tua orchidea, ma se guardi più vicino, magari con l’aiuto di una lente d’ingrandimento, potrai notare dei piccoli puntini bianchi che sembrano muoversi.

Le ragnatele si formano agli angoli delle foglie e sono visibili ad una distanza ravvicinata.

Purtroppo, invece, per gli acari è difficile vederli finché non hanno largamente infestato la pianta.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Altri segni del loro danno sono macchie marroni e buchi nelle foglie.

Danni alle foglie

Gli acari sono difficili da vedere ad occhio nudo, ma gli adulti hanno otto zampe e piccoli corpi ovali e possono presentarsi in una varietà di colori, anche il ragnetto rosso (Tetranychus urticae) fa parte di questa famiglia.

Questi parassiti sono particolarmente fastidiosi a causa della loro capacità di raddoppiare la loro “popolazione” ogni due settimane.

Un ragnetto rosso impiega solo una settimana per diventare completamente adulto e un altro paio di settimane per deporre centinaia di uova sulla parte inferiore delle foglie.

Si riproducono rapidamente in condizioni calde e secche e possono essere un problema più grande in inverno quando il sistema di riscaldamento in casa secca l’aria.

Diagnosi

Gli acari si nutrono dei materiali delle cellule vegetali e, mentre continuano a danneggiare la tua pianta, le foglie diventeranno macchiate, appassiranno, diventeranno marroni o gialle e cadranno.

Gli acari del ragno prendono di mira gli “stomi” delle foglie – un po’ come i pori che regolano la ritenzione idrica nell’uomo – rendendoli vulnerabili alla perdita d’acqua.

Alla fine, quando abbastanza foglie si avvizziscono e cadono dalla pianta, la pianta può indebolirsi e morire. È possibile controllare un’infestazione di acari, ma richiederà pazienza.

Come prevenire il problema

La miglior cura è sempre la prevenzione, ci sono alcune cose che puoi fare per evitare a priori la comparsa di questi parassiti, vediamo come agire.

Pulisci le foglie

Gli acari di ragno amano le foglie polverose sulle piante che soffrono di stress delle innaffiature.

Un buon modo per scoraggiarli è pulire periodicamente le foglie sporche e assicurarsi che il programma di irrigazione sia adatto alla tua pianta.

Mantieni l’umidità

Dal momento che agli acari piace un ambiente secco, mantenere l’aria umida intorno alle piante è un ottimo modo per dissuaderli dal depositarsi sulla pianta.

Usa un umidificatore per la stanza, o spruzza periodicamente dell’acqua sulle piante o lascia evaporare un vaso d’acqua nelle vicinanze.

Come trattare il problema

Assicurati che gli acari del ragno siano ancora effettivamente sulla tua pianta prima di trattarla. Spesso le colonie di acari sono già scomparse prima che tu ti accorga del danno. Se sei certo della loro presenza ecco alcune soluzioni casalinghe.

Piretro

Il piretro è una sostanza derivata dal fiore omonimo, pianta che è imparentata con il crisantemo, viene spesso utilizzato in agricoltura biologica.

Alcune specie di acari possono sviluppare una resistenza a questa sostanza, quindi tieni d’occhio la tua pianta dopo aver usato la miscela.

Olio di neem

L’olio di neem è un trattamento efficace per tutti i tipi di parassiti. È derivato dall’albero sempreverde di Neem e non solo tratterà il problema che stai riscontrando, ma fornirà anche un po’ di protezione per i parassiti futuri.

Dovrai riapplicare regolarmente l’olio di neem poiché ci vuole un trattamento costante perché diventi efficace, almeno 1 volta a settimana.

Olio di rosmarino

L’olio di rosmarino per la sua fragranza allontanerà naturalmente alcuni insetti.

Dovrai diluire l’olio di rosmarino con acqua, ma può essere un trattamento efficace per gli acari, in particolare per le erbe aromatiche le cui foglie saranno usate in cucina poiché non è tossico per l’uomo.

Miscela all’alcol

Se non vuoi usare prodotti formulati e preconfezionati puoi facilmente utilizzare ciò che hai a casa come l’alcol denaturato.

Mescola l’alcol denaturato con acqua e spruzza la miscela sulla pianta o usalo per pulire a mano le foglie.

Per le piante sensibili, prova 1 parte di alcol in 3 parti di acqua e per le piante più resistenti, prova una miscela 1 a 1.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.