7 Regole d’oro per non sbagliare la cura della stella di Natale

La stella di Natale (Euphorbia pulcherrima) è la pianta d’appartamento numero uno durante il periodo natalizio.

Questa pianta è originaria del Messico e fiorisce da metà novembre a gennaio ed è l’ultima decorazione natalizia per la casa, a parte l’albero di Natale, ovviamente.

La stella di Natale più ampiamente disponibile è rossa con il suo tradizionale fogliame rosso fuoco stato utilizzato per secoli per abbellire le case durante le festività natalizie. Ma i coltivatori hanno lavorato negli ultimi decenni per creare più di 150 varietà diverse dalle foglie rosa, arancio, crema e bianche.

Contrariamente alla credenza popolare, le stelle di Natale non sono difficili da curare, ma ecco alcuni consigli e buone pratiche su come mantenere la stella di Natale in condizioni ottimali durante il periodo natalizio e oltre!

Scegli stelle di Natale tenute nelle giuste condizioni

Molti supermercati vendono le stelle di Natale fiorite, mettendole davanti alla porta del negozio.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Ma non dovresti comprare una stella di Natale che per lungo tempo è stata tenuta al freddo poiché più facilmente mostrerà segni di sofferenza dopo qualche settimana dall’acquisto.

L’esposizione a correnti d’aria o a temperature inferiori a 12°C causerà danni. Sebbene all’inizio non sia visibile, potrebbe far cadere le foglie subito dopo essere stata portata a casa.

Infine, quando hai scelto e acquistato la stella di Natale, assicurati di avvolgerla nella carta per il viaggio di ritorno a casa per proteggerla da correnti d’aria e freddo.

La stella di Natale è una pianta sensibile, quindi prendere questa precauzione in più la proteggerà da danni inizialmente invisibili ma che possono portare alla perdita prematura delle foglie dopo pochi giorni.

Controlla il terreno

Se possibile, controlla il terreno prima dell’acquisto. Non dovrebbe essere né gocciolante né completamente asciutto, e se lo è, probabilmente non ha ricevuto cure adeguate, quindi potrebbe non durare a lungo.

Le stelle di Natale hanno bisogno di terreno con un pH compreso tra 5,8 e 6,2, utilizzando 3 parti di terreno e 1 parte di sabbia o inerti, in modo che molto ossigeno possa raggiungere le radici.

La maggior parte delle stelle di Natale non ha bisogno di essere rinvasata durante l’inverno, quindi puoi tenerla nel vaso in cui l’hai acquistata.

Proteggila dalle correnti d’aria calde o fredde

Le stelle di Natale hanno bisogno di calore e luce. Può essere tenuta vicino a un termosifone (non troppo vicina, fai sempre attenzione) ma deve essere tenuta al riparo da correnti d’aria, ciò significa no al getto d’aria dei condizionatori, porte aperte, finestre aperte o corridoi ventilati.

Se c’è troppa corrente, questa pianta potrebbe iniziare a perdere le foglie. Cerca di posizionare le stelle di Natale in un luogo riparato.

Una temperatura tra i 15 e i 20 gradi è l’ideale, rendendo queste stelle di Natale adatte a camere da letto e soggiorni.

Una luce sufficiente è importante affinché la pianta cresca e prosperi.

Innaffiala con acqua dolce

Le stelle di Natale preferiscono l’acqua dolce, a loro non piace l’acqua dura.

L’acqua piovana è naturalmente dolce e povera di sostanze come il calcare presente invece nell’acqua del rubinetto.

Se ti è possibile, raccogli l’acqua piovana all’esterno per innaffiare le stelle di Natale. In alternativa, se puoi usare solo l’acqua del rubinetto, si potrebbe ridurre il contenuto di minerali dell’acqua dura facendola bollire (e poi raffreddare completamente!) o lasciandola riposare per un giorno.

Puoi anche mescolare l’acqua del rubinetto con acqua distillata o utilizzare un filtro per l’acqua.

Innaffia con la giusta frequenza

Le stelle di Natale non amano ricevere molta acqua. Ricorda sempre la zolla nel vaso non deve né seccarsi né essere inzuppata.

L’eccessiva irrigazione può portare rapidamente al ristagno, che a sua volta provoca il marciume radicale e ti lascia con una pianta d’appartamento sofferente.

Dovresti innaffiare la tua pianta di euphorbia solo quando il terreno è visibilmente asciutto.

Questo potrebbe significare innaffiarla ogni 2-3 giorni nel caso di una pianta vicino a un termosifone in una stanza molto calda e secca, o solo 1 volta a settimana o più se la stanza è umida.

Come controllare? Utilizza il metodo del dito e controlla che il terreno sia uniformemente asciutto ad una profondità di 2-3 centimetri, oppure solleva il vaso, se sembra leggero, è ora di annaffiare.

Non sottovalutare il concime

Le stelle di Natale appena acquistate in genere non richiedono concimazione durante il periodo di fioritura perché di solito vengono vendute in terreno pre-fertilizzato.

Tuttavia, potrebbe essere necessaria la concimazione, ad esempio se le stelle di Natale vengono rinvasate o conservate più a lungo.

Le stelle di Natale sono particolarmente durature quando vengono fertilizzate una volta alla settimana a partire da circa un mese dopo l’acquisto, utilizzando un fertilizzante liquido per piante da appartamento in fiore nel dosaggio indicato sulla confezione.

Prenditi cura della stella di Natale dopo le feste

Per assicurarti che la stella di Natale sopravviva fino al prossimo anno, dovrai potare la pianta ad aprile a circa 10 cm dalla superficie del terreno.

Rinvasa a maggio e coltivala in un luogo fresco e luminoso durante l’estate.

Quando arriva novembre, è tempo di iniziare a forzare la pianta alla fioritura. Saranno necessarie 12 ore di luce del giorno seguite da 12 ore di completa oscurità per incoraggiare le foglie rosse a comparire.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.