Questa varietà di Rosa fiorisce proprio a Natale ed ecco i segreti per coltivarla

Sembra strano poter parlare di rose in inverno e ancor più inusuale è parlare di rose nel periodo di Natale. Eppure, esiste una varietà di Elleboro, “Helleborus niger” , definita proprio Rosa di Natale.

Fiorisce infatti durante il periodo natalizio regalando stupore con i suoi candidi fiori, lo stesso che si prova davanti alla fioritura di una rosa di maggio.

Non è usuale regalare rose a Natale ma è possibile con questa bellissima varietà di Elleboro. Puoi augurare Buon Natale anche con le rose e può esserti utile sapere come averne cura. Vediamolo insieme

Coltivazione e Cura

La rosa di Natale non richiede particolari attenzioni. Con le giuste dritte potrai godere della soddisfazione di una pianta fiorita anche in inverno, rendendo vivace il tuo giardino o il tuo balcone anche durante il freddo.

Posizione

Questa pianta sempreverde ama i luoghi con una parziale ombra; a tal proposito spesso viene coltivata ai piedi di alberi più grandi proprio che riescono a proteggerla dal costante sole diretto.

Nonostante si tratti di un sole invernale, quello durante il quale ci rende meravigliati dinanzi a tutto il suo splendore, non ama la luce diretta per troppe ore. L’ideale sarebbe quella del mattino, una luce diretta brillante ma non violenta.

Se coltivata in vaso, sarebbe il caso di prestare attenzione ad eventuali e repentini spostamenti. La rosa di Natale si affeziona molto al suo posto; quindi, evita di spostarla spesso o senza motivo. Questo potrebbe avere un impatto sulla sua fioritura.

Quando e come innaffiarla

La rosa di Natale ha bisogno di innaffiatura regolari, con una particolare attenzione per i giorni di gelo in inverno.

Durante le gelate invernali evita di innaffiarla. Un terreno zuppo può contribuire a far gelare le radici e questo potrebbe creare seri danni alla tua pianta.

Assicurati di mantenere il terriccio umido ma mai zuppo. Tollera bene anche un’acqua dura, quindi anche l’acqua del rubinetto che di solito è più calcarea non può arrecarle danno.

Ricordati di non esagerare: anche piccole quantità d’acqua possono bastare.

Terriccio

Il terriccio preferito della Rosa di Natale è ricco di sabbia e argilla, con compost da aggiungere regolarmente, soprattutto nel periodo che precede la sua splendida fioritura.

Fai in modo che il terriccio non sia troppo compatto: questo aiuterà le radici a propagarsi liberamente ed in fretta, facendo crescere la tua pianta.

Assicurati che sia ben drenato per evitare ristagni d’acqua che potrebbero gelare le radici durante il freddo pungente invernale.

Come propagarla

Le rose di Natale possono essere facilmente propagate con il metodo della divisione per cespi. Il momento migliore per la divisione è la primavera.

Quando la pianta è adulta, ha quindi già un paio d’anni, è possibile dividere l’apparato radicale e rinvasare le varie porzioni ottenute.

Dopo aver diviso l’apparato radicale, mettile nei vasi e mantieni le nuove piantine umide. Dopo solo poche settimane noterai i primi germogli.

Parassiti e malattie

Anche se la rosa di Natale raggiunge il suo massimo splendore in inverno, questo non la protegge da alcuni parassiti.

Nell’idea comune il freddo non è un periodo in cui le piante possono subire attacchi da parassiti: le basse temperature purtroppo non scoraggiano afidi e lumache. In questo caso, l’olio di Neem può darti una mano.

Una posizione umida può portare a conseguenze come macchie sulle foglie o un attacco fungino alle radici. Assicurati di preservare la tua rosa di Natale dai ristagni.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.