Puoi moltiplicare all’infinito il tuo Albero di Giada con il metodo dei 3 rametti

Una delle piante grasse più popolari in circolazione, l’albero di giada (Crassula ovata) è apprezzata per la sua resistenza.

In più, lo sapevi che anche propagare una pianta di giada è semplicissimo? Puoi moltiplicare la tua pianta per regalarla o per ampliare la tua collezione.

Scopriamo insieme tutto ciò che devi sapere sulla propagazione di una pianta di giada con il metodo dei 3 rametti per avere tante piantine a disposizione!

Perché metodo dei 3 rametti?

Anche se con la crassula è facile vedere le nuove radici spuntare dalla talea, è sempre meglio essere previdenti.

Se invece che 1 solo rametto di giada, ne prelevi in più, hai più probabilità di successo con la radicazione.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Tre steli è il numero perfetto per garantirti il successo di almeno un rametto o talea, allora sarai sicuro di non aver aspettato invano.

Una volta che hai tagliato 3 rametti della lunghezza di almeno 10-15 cm potrai procedere scegliendo di interrarli o metterli in acqua.

Preleva i rametti

Quando si esegue la propagazione delle piante di giada, il metodo di taglio dello stelo è spesso il modo più semplice e di maggior successo per farlo. Questo vale soprattutto se usi talee più grandi e più sane.

Prendi delle cesoie sterilizzate e fai un taglio netto del gambo, assicurandoti di scegliere una sezione con almeno due nodi (le protuberanze sul gambo da cui possono crescere foglie e radici).

Includi anche alcune foglie sane. Qualsiasi dimensione di taglio dello stelo andrà bene, ma le persone di solito hanno più successo con talee più grandi.

Stacca con cura le foglie alla base del taglio, lasciando solo poche foglie sane nella parte superiore.

Se vuoi ancora più piante di giada, tieni le foglie che raccogli, puoi moltiplicare la pianta anche solo dalle foglie.

Lascia riposare il taglio del gambo in un luogo caldo e asciutto per circa tre giorni. Questo è così che il bordo danneggiato dal taglio ha la possibilità di guarire, il che lo renderà meno suscettibile a marciumi.

Ora che il taglio dello stelo è pronto per l’uso hai due diversi metodi tra cui scegliere, ovvero metterlo in terreno o in acqua.

Talea di Giada in terreno

Puoi radicare il gambo della tua pianta di giada direttamente nel terreno. Le piante grasse sono molto resistenti, quindi funziona quasi sempre.

L’unico aspetto negativo è che non puoi davvero tenere d’occhio i progressi del tuo taglio, almeno non fino a quando non iniziano a comparire nuove foglie.

Prendi un vaso e riempilo con del terreno drenante. Le piante di giada non sono troppo esigenti, quindi puoi semplicemente mescolare del terriccio standard con una buona manciata di perlite per un maggiore drenaggio.

Inumidisci il terreno con acqua, quanto basta perché sia umido al tatto ma non inzuppato.

Talea di Giada in acqua

Il metodo dell’acqua per propagare una pianta di giada è preferito da molti, poiché spesso è più rapido e semplice. E forse ancora più importante, puoi vedere le radici crescere in tempo reale.

Con il metodo dell’acqua, una volta che il taglio del gambo è asciutto, mettilo in un bicchiere d’acqua. Quindi sposta il tutto alla luce solare diretta o indiretta.

L’unica cosa che devi fare da quel punto è cambiare l’acqua una o due volte alla settimana. Una volta che le radici sono cresciute di circa due cm, puoi rinvasare la tua nuova piccola pianta di giada in terreno.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.