Perché i fiori della Begonia sono secchi e marroni?

Le begonie nella varietà sempreflorens sono una pianta fiorita da esterno molto decorativa con piccoli fiorellini bianchi o colorati.

Tuttavia proprio questa specie a volte può presentare dei problemi come bordi delle foglie secche marroni e fiori secchi

Anche se è probabile che i fiori si secchino per il normale ciclo di vita della pianta, a volte ci sono dei motivi legati ad una cattiva coltivazione che causano questi problemi. 

Se dai alla begonia tutto ciò di cui abbisogno ti ringrazierà con una fioritura ricca di fiorellini cerosi.

Scopriamo insieme perché la tua begonia ha i fiori secchi e marroni!

Ciclo naturale

Anche se, quando vedi che c’è qualcosa che non va, pensi subito ad un problema di coltivazione, non sempre è così

Infatti fa parte del ciclo naturale della pianta fiorire e poi far seccare i fiori gradualmente in modo da fare spazio ai nuovi boccioli.

L’unica cosa che puoi fare se questo il caso è pizzicare i fiori secchi rimuovendoli delicatamente dalla pianta, in modo tale da tenere la pianta in ordine e da dare modo ai boccioli di spuntare.

Tuttavia se la tua pianta presenta sempre fiori secchi, questo è un problema perché significa che c’è qualcosa che non va e che deve essere corretto.

Marciume

Uno dei problemi più comuni soprattutto con la begonia sempreflorens è quello di innaffiare troppo la pianta. 

Le foglie della begonia sempreflorens sono molto carnose e quindi fungono da riserva d’acqua, per questo sono tolleranti anche a periodi di breve siccità.

Dunque paradossalmente è meglio dimenticare di innaffiare la pianta per qualche giorno piuttosto che dare troppa acqua.

Una delle cause dei fiori marroni e secchi e soprattutto di foglie marroni e molli è dato proprio dal marciume radicale, causato a sua volta da annaffiature eccessive

Solo nel caso in cui faccia molto caldo le begonie richiedono di essere innaffiate un po’ più spesso, ma in periodi in cui le temperature sono basse può andare bene innaffiarle anche una volta ogni 10 giorni

Se ti accorgi che le foglie sono marroni e mollicce e che dal terreno proviene un odore sgradevole, è probabile che le radici siano marcendo.

Togli la pianta dal terreno e vedi se ci sono radici arancioni o tendenti al marrone, ciò vuol dire che sono marce. In questo caso, salva la pianta eliminando le parti compromesse e rinvasando in terriccio fresco.

Troppo concime

La begonia sempreflorens non ha bisogno di molto concime, anche se si tratta di una pianta fiorita.

È bene concimare la pianta per garantire una fioritura più ricca, ma concimare una volta a settimana è troppo e può far seccare foglie e fiori

I fiori e le foglie si seccano perché vengono bruciati dal concime di troppo che hai dato alla pianta.

Una buona regola è fertilizzare con un concime liquido diluito nell’acqua di annaffiatura una volta ogni 40 o 60 giorni.

Troppo sole diretto

Un altro motivo dei fiori marroni e secchi deriva da un’esposizione alla luce solare diretta troppo forte. 

Anche se, essendo piante fiorite, necessitano di sole, ciò non significa che devono essere esposte per troppe ore al sole diretto soprattutto nelle stagioni molto calde

L’ideale sarebbe una posizione in cui la pianta riceva il sole diretto della mattina o del pomeriggio e nelle ore centrali più calde abbia invece un po’ d’ombra.

Ormai i fiori secchi non torneranno in vita, ma puoi togliere le parti secche e spostare la pianta in una zona più riparata ma comunque molto luminosa: vedi se la pianta inizia a riprendersi con tempo.

Poca umidità

Un ultimo motivo per cui i fiori della tua begonia sempreflorens iniziano a seccarsi e diventare marroni può derivare da un ambiente poco umido o secco

La begonia sempreflorens preferisce un po’ di umidità, se l’ambiente o il clima risultano molto secchi, dovrai fornire tu l’umidità di cui la pianta ha bisogno

Puoi vaporizzare una volta al giorno le foglie facendo attenzione che non si accumuli dell’acqua nella parte centrale.

Oppure puoi mettere il vaso o la fioriera su un sottovaso contenente dei ciottoli di argilla espansa inumiditi con dell’acqua. 

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.