Conosci l’Orchidea Miltonia? Ti stupirai dei suoi fiori maculati

Le orchidee Miltonia sono un genere di piante che comprende circa 20 tipi e ibridi naturali. È un’orchidea epifita originaria del Sud America (Costa Rica, Colombia e Brasile).

A causa delle differenze climatiche e culturali, questo genere di orchidee è diviso in due generi o sottogruppi che hanno abitudini di crescita e fioritura nettamente diverse.

Anche se spesso i due generi sono raggruppati sotto l’unica classificazione di Miltonia. Tuttavia, l’orchidea che predilige climi più caldi (quella del Brasile) viene comunemente chiamata Miltonia mentre la pianta che cresce più fresca sugli altipiani (dalla Costa Rica alla Colombia) è un sottogruppo chiamato Miltoniopsis.

Vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere sulla loro cura!

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche dell’orchidea miltonia, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Varietà

In genere vengono riconosciute 11 specie e 4 ibridi naturali del genere Miltonia e 5 specie di Miltoniopsis. Ecco alcuni esempi:

  • Miltonia clowesii: i fiori hanno 5 petali marroni e gialli e 1 petalo a forma di violino che è metà bianco e metà viola. È a fioritura autunnale.
  • Miltonia regnellii: fiori bianchi da 6 cm rosa/viola alla base. Il labbro rosa chiaro è bordato di bianco. Ogni stelo produce da 3 a 5 fiori in autunno. Cresce fino a 25 cm.
  • Miltonia spectabilis: un fiore estivo che cresce fino a 40 cm. Ha petali grandi e bianco crema.
  • Miltoniopsis roezlii: i fiori sono di un bianco vellutato con una macchia viola alla base di ogni petalo. Il labbro è bianco violaceo con una base gialla. Fiorisce estate e autunno.
  • Miltoniopsis vexillaria: fogliame morbido, verde grigiastro che cresce fino a 40 cm di altezza. Ogni stelo verticale porta fino a una dozzina di fiori da 8 cm nei toni del rosa fino al rosso con un labbro più scuro. Fiorisce dalla primavera all’autunno.

Esposizione

La luce è una delle principali differenze nella cultura di questi due generi. Entrambi i gruppi crescono meglio in ombra parziale con solo un’ora o due di luce solare filtrata brillante ogni giorno.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Le orchidee Miltonia sono più tolleranti alla luce solare intensa per brevi periodi, ma le foglie di entrambi i tipi possono scottarsi con un’esposizione eccessiva.

In interno o vicino una finestra esposta a nord è una buona posizione.

Fioritura

Sia le abitudini di crescita che il tipo di fiore differiscono tra i tipi del genere Miltonia. È importante capire con l’habitat naturale della tua orchidea per fornirle la corretta cura.

Con l’eccezione della Miltonia spectabilis, la forma e il colore del fiore possono aiutarti a distinguere tra i due generi.

Queste orchidee, a differenza di molte altre, crescono tutto l’anno e non vanno in letargo se non vengono esposte a temperature elevate e sole per lunghi periodi.

Fioriscono in momenti diversi durante l’anno a seconda delle specie, con i generi Miltoniopsis che producono fiori simili per forma e colore alle viole del pensiero. Un nome comune per questo sottogruppo è “orchidee pansé”.

I fiori di Miltonia hanno una forma più stellata con motivi complessi, mentre i fiori delle Miltoniopsis hanno ricche sfumature di rosso, verde, bianco, giallo e marrone con il labbro dell’orchidea che ricorda la tradizionale “macchia” della viola del pensiero in un colore diverso.

Tutte le orchidee di questo genere richiedono notti fresche per fiorire e lo fanno in momenti diversi durante l’anno a seconda della specie.

Queste orchidee hanno pseudobulbi allungati (un’area bulbosa e ispessita alla base dello stelo) con foglie lunghe verde chiaro che possono produrre un ciuffo di fogliame di 2 cm o più di diametro.

L’esame degli steli può anche aiutarti a identificare i generi della tua orchidea. Le Miltonia producono due foglie da ogni pseudobulbo mentre le Miltoniopsis producono solo una foglia.

Queste escrescenze dello stelo si raggruppano strettamente insieme sulle Miltoniopsis e sono distanziate sulle orchidee Miltonia.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno l’orchidea miltonia per crescere sana e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

Le orchidee epifite non crescono nel terreno ma sugli alberi, tuttavia possono prosperare come piante in vaso.

Se scegli di invasare la tua pianta, il terreno di coltura deve adattarsi al tipo di orchidea.

I substrati per queste orchidee sono solitamente costituiti da uno strato di materiale duro come ciottoli, materiali di peso medio come corteccia o trucioli di legno come riempitivo e uno strato di materiale morbido come muschio o fibra sulla parte superiore.

Per le orchidee Miltonia, una miscela di piccola corteccia di abete, muschio di sfagno e ciottoli va più che bene.

Quando innaffiare

Anche il fabbisogno idrico di questi due generi è diverso, sebbene l’irrigazione per entrambi possa essere ridotta durante i periodi più grigi dell’inverno.

Troppa acqua senza almeno un po’ di sole può portare al marciume radicale. Lascia asciugare il terreno della Miltonia prima di annaffiare abbondantemente e assicurati di drenare l’eccesso.

La Miltoniopsis preferisce un substrato costantemente umido ma non inzuppato. È meglio innaffiare le orchidee al mattino, dando loro la possibilità di asciugarsi prima del tramonto.

Concime

Dai del concime alle orchidee Miltonia 1 volta al mese durante i periodi di massima crescita e fioritura e salta la concimazione durante i mesi invernali.

La Miltoniopsis è sensibile ai sali presenti nei fertilizzanti, quindi è consigliabile sciacquare il terreno di coltura con solo acqua dopo diverse concimazioni.

Se l’acqua del tuo rubinetto ha un alto contenuto di minerali, potresti voler filtrare l’acqua o usare acqua distillata. Utilizza acqua a temperatura ambiente quando possibile.

Moltiplicazione

Sebbene sia possibile coltivare orchidee dai semi, il tempo (la germinazione può richiedere fino a due anni) e i requisiti speciali necessari per il successo rendono più pratico acquistare la tua prima orchidea in un vivaio fornito e aumentare la tua raccolta attraverso la divisione.

La propagazione è meglio eseguita alla fine del periodo di fioritura. Raccogli un coltello affilato sterile, un vaso drenante e un terreno di coltura composto da piccola corteccia di abete, ciottoli e muschio di sfagno.

Usando il coltello, dividi 1 talea da uno stelo che include almeno 4 pseudobulbi con crescita attiva (cioè foglie o germogli che germogliano) lasciando almeno 3 pseudobulbi sulla pianta madre. Separa delicatamente le radici assicurandosi che ogni taglio includa radici vitali.

Metti lo stelo nel vaso, facendo attenzione a non comprimere le radici, e inizia a riempire intorno alle radici e agli pseudobulbi con corteccia di abete di taglio piccolo. Gli pseudobulbi dovrebbero trovarsi in corrispondenza del bordo del vaso sulla superficie dello strato di corteccia.

Quando la pianta è al sicuro nel vaso, aggiungi un leggero strato di muschio di sfagno sopra la corteccia.

Spruzza il vaso con acqua per mantenere il terreno umido, ma evita di annaffiare completamente fino a quando la nuova crescita delle radici non sarà evidente in una o due settimane.

Malattie e parassiti

I problemi batterici e fungini sono solitamente il risultato di un’irrigazione impropria.

Le orchidee Miltonia sono suscettibili al marciume radicale che può colpire anche gli pseudobulbi.

Rimuovi eventuali parti di piante infette e rinvasa l’orchidea in materiale fresco e asciutto. Metti la pianta in un luogo fresco e sospendi le innaffiature fino a quando la pianta non si riprende.

Se sui fiori compaiono piccole macchie o punti di scolorimento, la tua orchidea potrebbe essere stata bersaglio della botrite. Rimuovi tutti i fiori danneggiati o lo stelo e sposta la pianta in un luogo con una migliore luce indiretta.

Le orchidee Miltonia non sono infastidite dai parassiti comuni tanto quanto altri generi di orchidee. La maggior parte può essere rimossa a mano o spazzolando leggermente con una soluzione di acqua e sapone. Le infestazioni pesanti possono essere trattate con olio di neem o con un prodotto specifico per il singolo parassita.

Come si cura l’orchidea Miltonia?

L’orchidea Miltonia è una pianta da interno che richiede poche cure ma giuste. Non sopporta troppe ore di luce solare e preferisce che il terreno sia sempre umido. Concima solo quando è in fioritura ed evita di fertilizzare durante l’inverno.

Come bagnare la Miltonia?

Innaffia la Miltonia in modo che il terreno sia sempre leggermente umido. Cerca di non bagnare gli pseudobulbi e di non far accumulare acqua tra le foglie. Se necessario adotta il metodo dell’innaffiatura per immersione.

Come rinvasare la Miltonia?

Rinvasa l’orchidea Miltonia 1 volta all’anno circa se cresce molto. Rimuovi la pianta delicatamente dal vecchio vaso e sostituisci la corteccia con un substrato nuovo. Elimina le parti danneggiate e secche e rinvasa in un vaso più grande di almeno 2-3 cm.

Perché l’orchidea Miltonia non cresce?

Sebbene le orchidee Miltonia crescano tutto l’anno, il tasso di crescita rallenterà durante i mesi con poca luce solare. Sposta la pianta verso una finestra esposta a sud dove è più probabile che riceva almeno un’ora di luce, ma non più di due ore di luce solare indiretta ogni giorno.

Perché la mia orchidea non fiorisce?

La pianta potrebbe non essere nel suo ciclo di fioritura. Rivedi il tuo programma di cura e manutenzione per assicurarti di dare alla tua specifica orchidea le corrette condizioni di crescita.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.