Se la tua Sansevieria sta marcendo ecco cosa devi fare

Il marciume radicale è uno dei disturbi più comuni e dannosi di cui possono soffrire le piante di sansevieria e le piante in generale.

Sebbene queste piante siano tolleranti a molte condizioni, il marciume può essere pericoloso per la salute della pianta.

Una grave situazione di marciume può letteralmente distruggere una pianta da zero.

Con qualsiasi problema, la prevenzione è la migliore alleata e il marciume radicale può essere fermato se preso in tempo.

Vediamo insieme cosa causa il marciume radicale in una pianta di sansevieria, come trattarlo e, soprattutto, come prevenirlo.

Che cos’è il marciume radicale?

Le radici delle piante assorbono acqua, sostanze nutritive e ossigeno dal terreno.

Ma quando il terreno è troppo umido per molto tempo, le radici iniziano a soffocare lentamente.

Gli agenti patogeni attaccano le radici indebolite e iniziano a marcire. Le radici colpite diventano arancio-marroni o nere e non possono assorbire i nutrienti dal terreno.

Questo problema alla fine colpisce l’intera pianta, poiché non riceve più le risorse necessarie per crescere.

Cause di marciume

Il marciume radicale può avere due fonti principali: una è un terreno umido e fradicio e l’altra è la presenza di funghi nel terreno.

Il terreno umido può essere il risultato di molti fattori diversi:

  • annaffiature troppo frequenti
  • un vaso troppo grande (il terreno fa fatica ad asciugarsi)
  • terreno vecchio e troppo pesante che soffoca le radici

Tutto ciò causa la morte delle radici delle piante a causa della mancanza di ossigeno.

Man mano che il problema persiste, le radici nel terreno iniziano a marcire lentamente.

L’altra causa di marciume, il fungo, può rimanere dormiente nel terreno e comparire improvvisamente quando c’è un ambiente umido adatto alla sua diffusione.

Tuttavia, una sansevieria piantata in un terreno umido per troppo tempo sembra essere la causa più comune di marciume radicale.

Ecco allora alcuni importanti fattori che favoriscono questo problema.

Sintomi di marciume radicale

Accorgersi in tempo del marciume radicale è fondamentale per risolvere il problema.

Ma sfortunatamente, i primi segni di questa malattia si verificano sotto la superficie del suolo e lontano dai nostri occhi. Ma vediamo quali sono gli altri sintomi della malattia.

Aspetto delle foglie

La crescita lenta e le foglie ingiallite della sansevieria sono alcuni segnali premonitori che le radici delle piante potrebbero essere in difficoltà.

Poiché le piante di sansevieria sono già piante a crescita lenta, potresti non notare che la crescita rallenta ulteriormente.

Tuttavia, l’ingiallimento delle foglie è un’indicazione importante del marciume radicale nel caso della Sansevieria.

Quando le radici sono danneggiate, le foglie iniziano ad appassire, diventano molli e pastose, ingialliscono o cadono.

Odore sgradevole

È una buona idea controllare il terreno e le radici se vedi scolorimento delle foglie. Allenta il terreno attorno alla base della pianta e rimuovi delicatamente la pianta dal suo vaso.

Se si nota subito un cattivo odore di decomposizione proveniente dal terreno o dalle radici, è un altro segnale di marciume radicale.

Le radici sane hanno un profumo terroso e di erba tagliata. Ma con il progredire della malattia, la tua pianta di sansevieria può sviluppare l’odore di materiale vegetale in decomposizione.

Radici scure e molli

Dopo aver estratto la pianta, controlla attentamente le radici. Le radici sane della pianta di sansevieria sono di colore giallo chiaro o bianco e sode al tatto.

Con la malattia, iniziano a diventare molli e cambiano lentamente colore. Le radici colpite dal marciume radicale appaiono arancioni o marroni.

Le radici gravemente danneggiate possono letteralmente cadere dalla pianta quando le tiri leggermente.

Aspetto del terreno

Il terreno che rimane bagnato troppo a lungo indica un possibile problema di marciume radicale.

Controlla il terreno della tua pianta con un dito o con un bastoncino di legno e vedi quanto è umido. Se è bagnato anche dopo molti giorni dall’annaffiatura, non è un buon segno.

Acqua eccessiva, terreno eccessivamente umido o scarso drenaggio sono cause di marciume radicale, ma i funghi nel terreno peggiorano il problema.

Troppa acqua fornisce il terreno fertile perfetto per i funghi.

Come salvare la Sansevieria dal marciume radicale?

Tuttavia non disperare, se la situazione non è ancora totalmente degenerata puoi essere in grado di salvare la pianta durante la prima fase della malattia.

Elimina le parti marce

Una volta identificato il marciume radicale, capisci se la pianta può essere salvata. Se l’intero apparato radicale è già diventato molle, l’unica opzione è quella di buttare via la pianta.

Smaltiscila con cura e non farla entrare in contatto con altre piante sane. Assicurati di sterilizzare gli strumenti e il vaso in seguito.

Tuttavia, se il marciume è diffuso ma ci sono ancora radici vive, puoi provare a riportare la tua pianta in buona salute.

Anche se la maggior parte del fogliame è morto, finché esistono radici sane e solide, una pianta di sansevieria può far ricrescere nuovi cuccioli.

Tratta con un fungicida

Inizia il trattamento rimuovendo la tua pianta di sansevieria dal terreno e lavando le radici sotto l’acqua corrente.

Sii delicato con la pianta e cerca di lavare via quanto più terreno infetto possibile.

Dopo che le radici sono più pulite, osservale attentamente. Prendi un paio di forbici affilate e sterilizzate per tagliare via tutte le parti malate.

Potrebbe essere necessario rimuovere una quantità significativa di radici se la pianta è gravemente colpita.

In questo caso, sterilizza di nuovo le cesoie e pota un terzo delle foglie sulla pianta. Inizia con le foglie gialle, appassite e più vecchie.

Le foglie più vecchie si trovano all’esterno della pianta, poiché le nuove foglie crescono dal centro. Ciò ridurrà lo stress della pianta, poiché non avrà bisogno di supportare tante foglie.

Immergi le radici sane in un fungicida o aggiungilo nel terreno per uccidere qualsiasi possibile fungo del marciume radicale.

Puoi usarne cannella o olio di neem come fungicida.

In particolare per l’olio di neem aggiungi 1 cucchiaino (5 ml) di olio di neem in 1 litro di acqua tiepida con mezzo cucchiaino di sapone liquido delicato. Agitalo e spruzzalo solo sulle parti interessate della pianta.

L’ultimo passo è rinvasare la pianta in terreno fresco. Usa un terriccio pulito, asciutto e sabbioso e un vaso con un buon drenaggio.

Se stai riutilizzando il vecchio vaso, lavalo accuratamente con 1 parte di candeggina e 9 parti di acqua per tenendolo immerso per almeno 10 minuti. Quindi risciacquare con acqua calda pulita e lasciarlo asciugare all’aria.

Curala dopo il rinvaso

Dopo il rinvaso, lascia in pace la pianta per un paio di giorni. Quindi riprendi con attenzione le annaffiature.

Innaffia la pianta con parsimonia, fino a quando le radici non si riprendono e iniziano a produrre nuovo fogliame.

Poiché la dimensione della pianta e della radice è ridotta, avrà bisogno di meno acqua. Innaffia la pianta solo quando la parte superiore del terreno è asciutta.

Evita i fertilizzanti fino a quando la pianta non è di nuovo sana. Le radici compromesse non assorbiranno i nutrienti e potrebbero bruciare. I fertilizzanti non sono medicinali e non dovrebbero essere usati su piante malate.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.