Il tuo Geranio ha le foglie gialle per questi motivi che di sicuro non hai considerato

Se le tue foglie del tuo geranio stanno diventando gialle, niente panico, è un problema comune che può essere risolto con un po’ di pazienza e cura da parte tua.

In primis però, bisogna valutare le cause delle foglie gialle nei gerani e cercare di capire come risolvere ogni singolo problema per far tornare sana la tua pianta.

Ci sono diversi motivi per cui le foglie di geranio possono ingiallire. Il motivo più comune è la mancanza di nutrienti, che può essere causata da una scarsa qualità del suolo, oppure da un’irrigazione scorretta.

I gerani sono anche suscettibili alle malattie fungine, dunque se hai notato foglie gialle sulla tua pianta, sarai interessato a conoscere ulteriori informazioni su ciascun problema e su come risolverlo.

Scopriamolo insieme!

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Irrigazione scorretta

I gerani devono essere annaffiati regolarmente, ma troppa o poca acqua può causare problemi.

Se innaffi i tuoi gerani troppo spesso, le radici si impregnano d’acqua e le foglie ingialliscono. Di conseguenza, può verificarsi marciume radicale.

D’altra parte, se non innaffi a sufficienza i tuoi gerani, anche in questo caso le foglie diventeranno gialle a causa dello stress.

I gerani sono resistenti alla siccità, quindi è meglio lasciarli per qualche giorno senz’acqua piuttosto che innaffiarli quando non ne hanno bisogno.

Per evitare questi problemi, è importante innaffiare i gerani solo quando il terreno è asciutto. Il modo migliore per controllare è infilare il dito nel terreno. Se senti il terreno asciutto di almeno 2 cm, è il momento di annaffiare.

I gerani vanno annaffiati alla base della pianta, evitando le foglie. Ciò contribuirà a prevenire infezioni fungine.

Mancanza di nutrienti

Le carenze nutrizionali possono essere la causa dell’ingiallimento delle foglie di geranio.

Se sospetti che la tua pianta manchi di nutrienti, il primo passo è testare il terreno. Puoi acquistare un kit per il test del suolo in vivaio in modo da sapere quali nutrienti mancano.

Una volta che sai quali nutrienti mancano, puoi cambiare il terreno o modificare il terreno attuale. I gerani prosperano in terreni leggermente acidi che hanno un pH compreso tra 6-6,5.

La carenza di nutrienti più comune nei gerani è il magnesio, essenziale per la fotosintesi.

La carenza di magnesio è solitamente causata da una scarsa qualità del suolo o può dipendere da un terreno acido (cioè con pH basso).

Se la carenza di magnesio è la causa, i sali di Epsom sono una buona fonte di magnesio e possono essere aggiunti al terreno o diluiti e spruzzati sulle foglie della tua pianta. Questo è un trattamento molto conveniente e facile per le foglie gialle sul geranio.

Se le foglie del tuo geranio stanno diventando gialle a causa della mancanza di nutrienti, la soluzione migliore è concimare la tua pianta.

I gerani dovrebbero essere concimati 1 volta al mese durante la stagione di crescita e fioritura. Puoi usare un fertilizzante liquido o a lenta cessione (come il concime granulare o i bastoncini fertilizzanti). Assicurati di seguire le istruzioni sulla confezione del fertilizzante per ottenere i migliori risultati.

Malattie fungine del geranio

I gerani sono suscettibili a diverse malattie fungine, queste malattie possono far diventare gialle o marroni le foglie della tua pianta e possono anche colpire gli steli e i fiori.

Botrite

Il batterio della botrite, noto anche come muffa grigia, è una malattia fungina che colpisce una vasta gamma di piante, compresi i gerani.

I sintomi sono le foglie gialle sulla pianta, insieme a macchie marroni o nere. Il fungo prospera in ambienti umidi e può diffondersi rapidamente in giardino se non viene controllato.

Per controllare questa malattia, è importante rimuovere le foglie infette dalla pianta e gestire con attenzione l’irrigazione. Inoltre, evitare il sovraffollamento delle piante aiuterà a prevenire la diffusione del fungo.

Per evitare che il fungo prenda piede, assicurati di piantare i gerani in un terreno drenante e annaffiarli al mattino in modo che il fogliame abbia il tempo di asciugarsi prima del tramonto.

Macchia fogliare

Se noti che le foglie del tuo geranio stanno ingiallendo e sviluppano lesioni mollicce, è probabile che la pianta abbia una macchia batterica. Il punto fogliare batterico è causato da un tipo di batterio che prospera in condizioni umide.

La buona notizia è che la macchia batterica delle foglie è relativamente facile da controllare. Inizia assicurandoti che le tue piante di geranio non vengano annaffiate eccessivamente.

Assicurati di innaffiare le piante alla base, evitando di bagnare il fogliame. È importante mantenere le foglie il più asciutte possibile.

Inoltre, assicurati di rimuovere tutte le foglie infette dalla pianta e sterilizzare tutti gli strumenti che sono entrati in contatto con i batteri. È anche una buona idea distanziare le piante per prevenire il sovraffollamento e aumentare la circolazione dell’aria.

Con un po’ di cura e attenzione, dovresti essere in grado di riportare in salute le tue piante di geranio in pochissimo tempo.

Ruggine del geranio

La ruggine del geranio è una malattia fungina che colpisce i gerani. Il sintomo più evidente della ruggine è una foglia ingiallita con macchie marronirossicce sulla superficie.

Se non viene indirizzata, la ruggine può diffondersi al resto della pianta e provocare l’ingiallimento delle foglie e la caduta delle foglie sulle piante colpite.

La ruggine si trova più comunemente nei climi umidi e può essere diffusa dal vento, dall’acqua o dal contatto con piante infette.

Il modo migliore per prevenire questa malattia è annaffiare all’inizio della giornata in modo che le foglie abbiano il tempo di asciugarsi prima di sera. Inoltre, è importante rimuovere le foglie morte o morenti dalla pianta per ridurre il rischio di infezione.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.