Conosci la Rosa Abracadabra? Averla in giardino dà un tocco magico

La rosa Abracadabra è una delle varietà più insolite di rosa ibrida mai creata.

Appartiene alla famiglia delle Rosacee, ma è conosciuta con l’appellativo di abracadabra poiché ciò che accade alla sua fioritura sembra quasi una magia, trasformando i boccioli di volta in volta.

La bellezza di questa rosa sta nella screziatura dei suoi petali, rossi con striature irregolari giallo limone. La sua colorazione è instabile dal momento che la sua variegatura cambia non solo da una fioritura all’altra ma anche durante la stessa fioritura, tra una rosa e l’altra.

Possiamo trovare contemporaneamente con rose screziate, rose completamente rosse e altre completamente gialle, richiamando le colorazioni dei genitori: la rosa tea e la rosa rifiorente.

Vediamo insieme in che modo aver cura di questa bellissima varietà di rosa ibrida.

Esposizione

La rosa Abracadabra necessita di una zona che possa essere ben arieggiata, soprattutto se coltivata in aiuole troppo affollate da altre piante che provano a prenderle spazio e luce.

La posizione deve essere ideale per ricevere una luce brillante ma indiretta, che possa garantirle un’alternanza di temperatura che va dai 15 a 25 gradi, se vogliamo darle una temperatura ideale.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Ricorda che la luce solare diretta è dannosa per la pianta.

Terreno

La rosa Abracadabra apprezza particolarmente un terriccio argilloso misto a torba.

Assicurati che la miscela utilizzata sia leggermente acida, con un pH con un valore appena sotto la neutralità per avere fioriture esplosive.

Un trucco da attuare al momento della messa a dimora è quello di porre sul fondo della buca uno spessore di argilla espansa e materiali grossolani, di modo da garantire maggior drenaggio.

Fioritura

Questa varietà ibrida dalla fioritura magica e trasformista ha una fioritura piuttosto prolungata, da inizio primavera sino alla soglia della stagione invernale, soprattutto nelle aree dove la temperatura non scende sotto i 10 gradi.

I boccioli possono raggiungere anche i 12 cm di larghezza, con petali non solo screziati ma anche vellutati e leggermente profumati alla sera.

Potatura

Terminato il suo periodo di attività e fioritura, pota il cespuglio di almeno un terzo così da stimolare nuova crescita per la stagione di ripresa.

Mantieni in questo modo pulita la chioma da parti secche e ormai finite, e incrementerai la produzione di nuovi boccioli nella stagione di fioritura.

Come moltiplicarla

Puoi ottenere più cespugli della varietà Abracadabra moltiplicando questa varietà tramite talea.

Durante la stagione di nuova crescita, con cesoie ben disinfettate preleva una talea semi legnosa con almeno due nodi fogliari, poiché saranno proprio da quei nodi che spunteranno le nuove radici.

Priva le talee delle foglie e serviti di un ormone radicante da applicare sul taglio che possa incentivare la produzione di radici: puoi utilizzare il miele oppure puoi trovarne molti in commercio di facile utilizzo.

Inserisci le talee in un terriccio argilloso e aspetta pazientemente che il processo vada a buon fine, tenendo le talee in un luogo fresco, non alla luce diretta del sole, ricoperte da un sacchetto di plastica come a creare una piccola serra proprio sul vaso.

Parassiti e malattie

La rosa abracadabra essendo un ibrido è poco avvezza ad avere a che fare con malattie fungine o specifici parassiti, vista la sua tenacia che contraddistingue ogni ibrido appositamente creato per resistere.

Potresti trovare sotto le foglie cocciniglia o afidi alla base dei boccioli, come tipicamente per tutte le rose, da poter contrastare con prodotti oleosi come l’olio di Neem in grado di soffocare i parassiti succhiatori.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.