La Viola del Pensiero ha i fiori afflosciati? Ecco perché

Una viola del pensiero è una pianta da fiore piccola e dai colori vivaci con grandi petali rotondi.

Crescono meglio con temperature fresche e di solito vengono piantate nei mesi primaverili o autunnali. Ma a volte, pur facendo tutto correttamente, le tue viole del pensiero iniziano ad apparire cadenti.

Le cause possono essere varie dal calore eccessivo, al marciume radicale o all’irrigazione impropria.

Scopriamo perché le foglie e i fiori delle tue viole del pensiero appaiono cadenti e come puoi risolverlo!

Problemi di innaffiatura

Le viole del pensiero possono apparire cadenti a causa dello stress idrico. Hanno bisogno di un minimo di due dita d’acqua alla settimana quando sono in crescita attiva.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Possono reagire male alla mancanza di acqua o alla sua eccessiva quantità. Sia l’irrigazione eccessiva che quella insufficiente possono causare foglie e fiori cadenti.

Le viole del pensiero hanno bisogno di un’umidità costante e preferiscono un terreno drenante poiché le loro radici non resistono in un terreno fradicio. L’eccesso di acqua può portare a problemi di marciume radicale e impedire all’ossigeno di arrivare alle radici.

Allo stesso modo, l’irrigazione insufficiente causerà un’idratazione inadeguata nelle viole del pensiero.

In caso di irrigazione eccessiva controlla immediatamente il terreno. Se il terreno sembra scuro e umido, evita di annaffiare.

Sposta le viole del pensiero in un luogo soleggiato in modo che il terreno zuppo possa asciugarsi rapidamente. Devi creare spazio aggiuntivo tra le radici. Per questo, dovresti rimuovere le radici morte o morenti e mantenere solo le radici sane.

In caso di secchezza modifica il tuo programma di irrigazione riducendo il tempo tra un’annaffiatura e l’altra.

Temperature estreme

Le viole del pensiero sono fiori che crescono durante i mesi primaverili e autunnali. Prosperano meglio quando le temperature sono comprese tra 7-18°C.

Le viole del pensiero possono anche tollerare un po’ di gelo durante gli inverni, ma non possono sopportare temperature inferiori a -3°C.

Le viole del pensiero in questi casi diventano deboli e vulnerabili e iniziano a far cadere foglie e fiori e il fogliame comincerà ad appassire.

Non possono tollerare il calore eccessivo: la temperatura sopra i 18°C è sconveniente per loro, per questo vanno in riposo durante la stagione calda.

In caso di caldo estremo innaffia di mattina le tue viole del pensiero, ciò preverrà lo stress da calore e assicurerà che le radici siano ben idratate prima che inizi il caldo forte della giornata.

In caso di freddo estremo non esagerare con l’acqua perché l’umidità viene trattenuta a lungo durante l’inverno. L’irrigazione eccessiva renderà il terreno inzuppato e causerà il marciume delle radici.

Crea una serra per salvare le tue viole del pensiero da temperature estreme.

Luce solare impropria

Le viole del pensiero preferiscono la luce solare totale o parziale. Godono del sole mattutino e richiedono almeno sei ore di luce solare adeguata per la loro crescita.

La mancanza di luce sufficiente può essere causa di foglie cadenti per loro. La mancanza di una luce adeguata rallenterà il processo di fotosintesi nelle viole del pensiero.

Le foglie delle tue viole del pensiero inizieranno a diventare più chiare e le foglie diventeranno gialle e appassite.

Le viole del pensiero non saranno in grado di assorbire il loro cibo con poca luce. Inoltre, questo aumenterà lo spazio tra le loro foglie e le foglie diventeranno sottili e cadenti.

Metti le tue viole del pensiero in pieno sole da 4 a 6 ore. Questo le aiuterà a mantenere una ricca fioritura.

Scarsa circolazione dell’aria

Garantire il flusso d’aria intorno alle viole del pensiero è vitale quanto il sole, l’acqua e il nutrimento.

Le viole del pensiero sono piante da giardino a cui non piace il sovraffollamento. Le viole del pensiero devono avere abbastanza spazio tra loro in giardino, senza spazio per respirare, le tue viole del pensiero possono essere strette man mano che crescono.

La scarsa circolazione dell’aria incoraggia la crescita dei funghi nelle viole del pensiero e questo può anche essere un motivo dietro le foglie cadenti.

Il sovraffollamento può causare malattie fungine come la peronospora. Questo fungo fa sembrare malsani i tuoi fiori di viola. L’infezione fungina bloccherà la crescita, indebolirà gli steli e causerà la caduta..

Carenze nutrizionali

I nutrienti nel terreno possono creare un impatto significativo sulle viole del pensiero.

Se le viole del pensiero non ottengono nutrienti sufficienti dal terreno, diventeranno deboli e le foglie inferiori delle viole del pensiero diventeranno gialle e cadenti.

L’azoto è il nutriente più importante di cui hanno bisogno le viole del pensiero. Le carenze di azoto bloccano la crescita delle viole del pensiero. Puoi risolvere questo problema con fertilizzanti ricchi di azoto.

Considera di aggiungere del compost mentre prepari il terreno per le viole del pensiero in giardino.

Oppure aggiungi un fertilizzante ben bilanciato, sull’etichetta c’è una sequenza di tre numeri, ad esempio 10:10:10.

Fertilizza 1 volta al mese in modo che le viole del pensiero non esauriscano i nutrienti.

Poco drenaggio

Se le tue viole del pensiero crescono nel terreno sbagliato che non ha un buon drenaggio, possono sviluppare marciume radicale che causerà foglie cadenti.

La mancanza di drenaggio fa in modo che le radici si trovino in acqua stagnante.

Le viole del pensiero preferiscono un terreno ben drenante, che deve essere leggermente acido.

Le viole del pensiero hanno bisogno di un terreno fertile che possa trattenere l’umidità ma anche drenare l’eccesso d’acqua.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.